Fondi Ue, il governo pronto a dimezzare il cofinanziamento per risparmiare 10-12 miliardi

Fondi Ue, il governo pronto a dimezzare il cofinanziamento per risparmiare 10-12 miliardi

ROMA . Dimezzare la quota di cofinanziamento italiano ai fondi europei. O almeno ridurla in modo significativo. Materializzando così dal bilancio dello Stato un tesoretto dai 10 ai 12 miliardi, a seconda delle opzioni. L’ipotesi, studiata da Palazzo Chigi, prende corpo di ora in ora. Il sottosegretario Delrio, parlandone nei giorni scorsi con i governatori, avrebbe raccolto consensi, ma pure qualche malumore (in primis dalla Puglia). È chiaro che un’operazione del genere asciugherebbe, almeno in parte, le risorse destinate proprio alle Regioni, specie quelle meridionali. Ma è altrettanto evidente che aprirebbe la strada a una maggiore flessibilità nei conti pubblici, a partire dal prossimo anno. E dunque una
minore tensione sul fatidico 3%, il rapporto limite tra deficit e Pil. Flessibilità ottenuta dentro e non fuori le regole comunitarie. Proprio come raccomanda il nuovo corso di Bruxelles.
L’uovo di Colombo? Così pare. Si sa che i fondi europei per essere spesi devono essere accompagnati da risorse nazionali, secondo il criterio generale “fifty-fifty”: metà li stanzia Bruxelles, metà Roma. Ma questo criterio non è rigido. Anzi ammette una deroga interessante (scritta nei regolamenti Ue). La possibilità cioè di portare il contributo nazionale dal 50 fino al 25%. Dunque anziché doppiare (100 li mette l’Europa e altri 100 li mette l’Italia), il cofinanziamento può essere ridotto della metà (100 li mette l’Europa e 50 l’Italia). O portato a tre quarti (100 li mette l’Europa e 75 l’Italia). Oppure in un altro punto intermedio (tra 50 e 100). In tutti i casi — la percentuale di riduzione è ancora ballerina — ci sarebbe un risparmio evidente di soldi pubblici. E questo perché nella legge di Stabilità per il 2014 il cofinanziamento è già “pesato” per l’intero, ovvero per 24 miliardi, da spalmare nei prossimi sette anni. Questi 24 miliardi difatti accompagnano i 41 miliardi di fondi nuovi (relativi al settennato 2014-2020) che l’Europa ci mette a disposizione. E rappresentano quanto dovuto dallo Stato centrale. Il resto dovrà arrivare per lo più dalle Regioni. Per un totale di “fifty-fifty”, appunto. E dunque circa 80 miliardi totali (40 europei e 40 italiani, per semplificare).
Ebbene quei 24 miliardi pesano sul groppone del deficit italiano. Se la massa fosse alleggerita, i conti respirerebbero. E a partire dal prossimo anno fino al 2020 si cumulerebbe un bel “tesoretto”. Libero da vincoli europei, né di destinazione né temporali. Un bel vantaggio, a costo zero. Entro il 22 luglio difatti il governo Renzi deve inviare a Bruxelles i “piani operativi” relativi ai fondi 2014-20. Dire cioè come intende spendere i denari nei vari ambiti (istruzione, occupazione, infrastrutture, inclusione e povertà, cultura, ecc.). E soprattutto di quanto cofinanziarli. Una volta scritto, nero su bianco, il gioco è fatto. Un’opzione questa che l’Italia non ha sfruttato nel periodo 2007-2013 (c’era tempo fino al 2010). E che poi il ministro Barca tentò di riagguantare nel 2012, inventando il cosiddetto “Piano di azione e coesione”, una sorta di salvadanaio parallelo da usare con scioltezza. E soprattutto riprogrammare all’infinito quando le risorse non vengono spese.
È chiaro che ora il governo Renzi, verificati gli avanzi di vecchi fondi Ue ancora non impegnati (Delrio due giorni fa a Pompei lamentava il pericolo di perderne il 20-25%), vuole rendere più lieve la “fiche” italiana. Al 31 maggio scorso — calcola la Uil, Servizio politiche territoriali sui dati dell’ultimo monitoraggio ufficiale — l’Italia aveva rendicontato alla Commissione europea il 56% delle risorse 2007-2013: 26,7 miliardi sul totale di 47,7. Detto in altri termini, entro dicembre 2015 dovremo spendere 21 miliardi, pena restituzione dei fondi. Di questi 5 miliardi sono dati quasi per persi.



Related Articles

R-esistenze a confronto agli Stati Generali della Precarietà 

LAVORO ATIPICO.A Rho (Milano), due giorni di workshop e incontri per la costruzione di un futuro degno e condiviso
Dopo l’esordio di ottobre, sabato e domenica nuovo appuntamento degli Stati Generali della Precarietà  (info: precaria.org). La due giorni si terrà  alla Fornace di Rho (Mi). Ne parliamo con Stefano Mansi di San Precario.

Tripoli, la strage dopo la preghiera Zawiya strappata nel sangue agli insorti

Quasi 100 morti. Allerta Interpol sugli spostamenti di Gheddafi La cittadina a 45 chilometri dalla capitale è stata ripresa dopo un assedio di 15 giorni I miliziani hanno schierato i tank e sparato ad alzo zero nel quartiere martire di Tajura

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment