Mediatrade e diritti tv gonfiati assolti ma anche prescritti Berlusconi jr e Confalonieri

Mediatrade e diritti tv gonfiati assolti ma anche prescritti Berlusconi jr e Confalonieri

MILANO . Il «giochetto» dei diritti televisivi gonfiati, a Mediaset, si è interrotto nel 2005. In quell’anno, il «sistema Agrama » è saltato. A stabilirlo sono i giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Milano, che hanno assolto Pier Silvio Berlusconi dall’accusa di frode fiscale (per il 2005 è invece intervenuta la prescrizione). E la stessa sorte è toccata agli altri 9 imputati del processo Mediatrade, compreso il numero uno del gruppo, Fedele Confalonieri. Al collegio presieduto da Teresa Ferrari da Passano (giudici a latere Nicoletta Marchegiani e Giulia Cucciniello), ci sono voluti ben cinque giorni di camera di consiglio per raggiungere il verdetto. L’impostazione dei pm, Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro, si fondava sul presupposto che ha portato alla condanna in via definitiva di Silvio Berlusconi.
I 4 anni confermati il primo agosto scorso dalla Cassazione, infatti, hanno stabilito che Mediaset, attraverso una triangolazione con le major statunitensi titolari dei diritti televisivi, gonfiavano i costi attraverso una fittizia mediazione del manager egiziano Frank Agrama. In questa maniera sarebbero stati oltre duecento i milioni di dollari depositati esentasse su conti riconducibili in gran parte a Silvio Berlusconi. Il meccanismo, secondo il canovaccio della procura, sarebbe proseguito oltre il 2008, con il nuovo management . E su questo punto, leggendo il dispositivo della sentenza, la Corte ha invece dato ragione alle difese.
Pier Silvio Berlusconi — difeso dai legali Ghedini e Dinacci — , in aula si era difeso sostenendo di non aver mai trattato con Agrama e di non avere, quindi, assecondato la creazione di fondi neri. Il presidente Mediaset, Confalonieri — avvocati Lanzi e Virga — , è stato ritenuto colpevole della frode fino al 2005, ma il reato è prescritto, mentre per gli anni successivi è stato assolto nel merito. E la prescrizione per appropriazione indebita ha raggiunto anche Agrama (avvocato Pisano), gli ex manager Fininvest Daniele Lorenzano (Maris), Daniela Ballabio (Diodà e Torresin), e Giorgio Del Negro (Alecci). Stessa sorte toccata al produttore cinematografico Giovanni Stabilini (avvocati Di Noia e Pelanda), a due prestanome cinesi e al banchiere Paolo Del Bue. Questi ultimi quattro imputati erano accusati di concorso in riciclaggio. Per i primi tre il reato — ha stabilito la Corte — si è prescritto. Mentre per Del Bue l’assoluzione è motivata con «un difetto di giurisdizione». Al processo, Mediaset e Rti erano rappresentati dagli avvocati Lucia e Pino.
Anche se i magistrati non commentano il verdetto, appare scontato che ricorreranno appena verranno depositate le motivazioni. Mentre i legali degli imputati esultano. «È stata riconosciuta la totale estraneità di Pier Silvio Berlusconi», spiega Niccolò Ghedini, che ha aggiunto come «secondo noi sarebbe dovuto finire così anche il processo a Silvio Berlusconi». «I giudici — il punto di vista di Mediaset — sono arrivati a conclusioni ben meditate che coincidono con la posizione sempre sostenuta da Mediaset». Infine, una curiosità: con la conclusione del processo di ieri, in attesa che si definisca il processo d’appello per il Rubygate, alla procura non ci sono più procedimenti pendenti a carico di Berlusconi o di suoi familiari.



Related Articles

Verità per Giulio Regeni, l’Egitto Paese non sicuro

Mentre viene chiesto da più parti che quel paese sia dichiarato «non sicuro», come spiegare che il sito della Farnesina, alla voce Egitto, non contenga il minimo accenno alla sorte subita da Giulio Regeni?

Badanti, senza di loro la sanita’ crolla. Ma 4 su 10 sono clandestine

Una ricerca sull´esercito di donne, soprattutto dell´Est, che assistono gli anziani. Sono 75 mila a Milano, il doppio in Lombardia

Giovani, partite Iva e freelance: niente bonus 80 euro e tasse triplicate

Legge di stabilità. Bocciato anche l’emendamento sull’estensione alle famiglie monoreddito. Passa invece quello proposto dalla minoranza Pd sul «bonus bebè» per i bambini poveri. De Rita (Censis): «Follia pensare che lo sgravio Irpef rilanci i consumi». Ma il governo ragiona solo sul lavoro dipendente, e su come deregolamentarlo. Ignora quello indipendente, ridotto al silenzio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment