La partita mondiale dei Brics

La partita mondiale dei Brics

Di que­sta estate bra­si­liana, più ancora dei mon­diali di cal­cio, si ricor­derà forse il defi­ni­tivo supe­ra­mento del sistema di Bret­ton Woods. Appro­fit­tando infatti della com­pe­ti­zione cal­ci­stica, si sono dati appun­ta­mento a Bra­si­lia i lea­der dei paesi Brics – Bra­sile, Rus­sia, India, Cina e Sud Africa — ed capi di Stato dell’Unasur, l’organizzazione che rap­pre­senta i paesi dell’America latina. All’ordine del giorno la discus­sione per la crea­zione di una Banca di svi­luppo auto­noma del quin­tetto Brics, che abbia i paesi suda­me­ri­cani come prin­ci­pali inter­lo­cu­tori, e, più nell’immediato, di un Fondo di Riserva per affron­tare pro­blemi con­tin­genti di restrin­gi­mento del cre­dito esterno, cioè ad opera delle Isti­tu­zioni nate a Bret­ton Woods nel 1944.

Il sistema di Bret­ton Woods, messo in piedi dalle grandi potenze occi­den­tali sotto l’accorta regia del Tesoro sta­tu­ni­tense, ini­ziò a mostrare la corda già nel corso degli anni Set­tanta del secolo scorso, con la deci­sione dell’Amministrazione Nixon di abban­do­nare la parità dollaro-oro per rispon­dere al dop­pio shock, petro­li­fero e della scon­fitta Usa in Viet­nam. È tut­ta­via nella vul­gata occi­den­ta­li­sta che tale sistema, fin­ché ha retto, con la sua “con­vi­venza di Key­nes all’interno e di Smith all’esterno” (Gil­pin), abbia garan­tito il Tren­ten­nio di mag­gior svi­luppo della sto­ria dell’umanità. Se le ricette alla base di que­sto suc­cesso sono state pre­ci­pi­to­sa­mente messe da parte negli ultimi trent’anni, non per que­sto le isti­tu­zioni macro-economiche glo­bali pen­sate dall’Occidente per sup­por­tarle hanno smesso di ope­rare. Fondo mone­ta­rio inter­na­zio­nale, Banca mon­diale e Club di Parigi hanno man­te­nuto tutta la loro forza cogente, cam­biando sem­mai di segno. Da stru­menti per equi­li­brare le eco­no­mie, ed i rap­porti di forza, all’interno di un area occi­den­tale con­ce­pita come un tutt’uno com­patto con­tro la minac­cia sovie­tica, si sono tra­sfor­mati in stru­menti per dise­qui­li­brare le eco­no­mie ed i rap­porti di forza glo­bali a favore del Nord del mondo, e con­tro il Sud del mondo.

Nel lungo periodo, dis­sol­tesi le neb­bie della cor­tina di ferro, è emerso come tratto distin­tivo di Bret­ton Woods, la pre­tesa glo­bale di isti­tu­zioni pen­sate in Occi­dente e per l’Occidente. For­mal­mente, tutti gli Stati vi erano rap­pre­sen­tati; ma, nella pra­tica, ciò che era bene per il Nord era bene per l’intero pia­neta.
Viste dall’ottica dei nuovi gruppi diri­genti pro­gres­si­sti dell’America Latina, le isti­tu­zioni di Bret­ton Woods rap­pre­sen­tano meno i Trenta glo­riosi, e più la grande crisi della fine degli anni Novanta. Il caso argen­tino rimane in quest’ottica emble­ma­tico. Le cause dell’indebitamento del paese, esploso fra­go­ro­sa­mente sul finire degli anni Novanta, alli­gnano tutte nelle misure ultra­li­be­ri­ste impo­ste dagli orga­ni­smi inter­na­zio­nali ai com­pia­centi governi della dit­ta­tura mili­tare prima (1976–1983), e agli altret­tanti com­pia­centi governi gui­dati da Car­los Menem ed i suoi epi­goni poi.

Nel corso dell’ultima decade, il nuovo corso kirch­ne­ri­sta ha assi­cu­rato una fase di robu­sta cre­scita eco­no­mica e di raf­for­za­mento dell’apparato pro­dut­tivo nazio­nale, e tut­ta­via il paese suda­me­ri­cano si ritrova di nuovo sull’orlo del default , a causa di una sen­tenza dell’alta corte di Washing­ton: quest’ultima ha impo­sto il paga­mento dell’intero debito – con­tratto, appunto, in un’altra epoca poli­tica ed eco­no­mica – a quei fondi di inve­sti­mento pri­vati, con sede negli Stati uniti, che non ave­vano accet­tato quella rine­go­zia­zione, valu­tata invece posi­ti­va­mente da tutti gli altri attori, sta­tali o pri­vati che fos­sero. Il valore esem­plare della sen­tenza appare lam­pante: si è trat­tato di punire un modello di uscita dalla crisi basato su ricette ete­ro­dosse – innal­za­mento dei salari e delle pen­sioni, abbas­sa­mento dell’età pen­sio­na­bile, forte ruolo dello Stato in eco­no­mia con la ri-nazionalizzazione di set­tori deci­sivi, alta spesa pub­blica (par­ti­co­lar­mente bene­fi­ciate la ricerca scien­ti­fica, la scuola pub­blica e la rete di tra­sporti fer­ro­viari). E di far leva su un appa­rato media­tico com­pia­cente per costruire l’eterna imma­gine del “latino inaf­fi­da­bile”, sor­vo­lando sullo sforzo com­piuto dal gigante argen­tino e sulle misure effet­ti­va­mente intra­prese per radicarlo.

Nei sum­mit che in que­sti giorni si svol­ge­ranno tra Bra­si­lia e Bue­nos Aires non è tut­ta­via in gioco solo l’allontanamento dell’incubo del default dai sonni degli argen­tini – in que­sta dire­zione va senz’altro il pro­getto di Fondo auto­nomo di com­pen­sa­zione. È in gioco anche la messa in crisi della pre­tesa ege­mo­nica glo­bale dell’Occidente e dell’ideologia unica che ne sor­regge e pro­pa­ganda le magni­fi­che sorti e pro­gres­sive. La Banca di svi­luppo si potrebbe tra­sfor­mare in uno stru­mento deci­sivo a ser­vi­zio di ogni Stato (o comu­nità di Stati) che voglia tro­vare vie d’uscita alter­na­tive dalla crisi. Finora que­sto pro­cesso, che pro­prio in Ame­rica Latina ha tro­vato il suo labo­ra­to­rio, ha scon­tato pro­prio la man­canza di stru­menti tec­nici effi­caci per sup­por­tarlo.
Il Sud del mondo, secondo una ricor­rente meta­fora che impazza in que­ste ore nei nostri media main­stream inca­ri­cati di farne senso comune, scon­fitto dal modello tede­sco sul campo di cal­cio come sul pano­rama glo­bale, potrebbe pren­dersi la più impor­tante e deci­siva delle rivin­cite, pro­iet­tando le pro­prie con­se­guenze ben oltre le tri­bune dello sta­dio Maracanà.



Related Articles

La tedesca Thyssenkrupp si fonde con l’indiana Tata e lascia l’acciaio per l’hi-tech

Ieri il gruppo nato dalla fusione dei due imperi tedeschi, Thyssenkrupp ha formalizzato il merger con l’indiana Tata

Laguna al collasso. Venezia, storia di un suicidio

il Mose sarebbe criminogeno anche se i suoi lavori andassero lentissimi. Perché è un progetto sbagliato in sé: frutto di quella vocazione al suicidio da cui Venezia non sembra capace di liberarsi

Nelle trincee di Slaviansk “Noi russi pronti a morire” E Kiev prepara l’assalto

Slaviansk. Il governo ucraino: scontri e vittime nella città dell’est Mosca: “Fermatevi, non fate la guerra al vostro popolo”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment