Poveri record, un esercito di 6 milioni

Poveri record, un esercito di 6 milioni

Effetto-recessione: un italiano su dieci vive in povertà assoluta. Un record. Ormai gli indigenti sono oltre 6 milioni, il 9,9% dell’intera popolazione, secondo dati Istat del 2013. Rispetto all’anno prima, coloro che vivono sotto una certa soglia che non gli consente neppure di acquistare beni e servizi considerati di prima necessità, sono circa un quarto in più e la metà è al Sud. I poveri relativi superano i 10 milioni.
Al di là delle fredde statistiche, nella fotografia dell’Istat viene fuori una Italia piegata dalle conseguenze della crisi. La povertà assoluta, infatti, aumenta anche tra chi ha un reddito operaio e nelle coppie con due figli. Nel primo caso, solo tra un anno e l’altro, si è passati dal 9,4% all’11,8; nel secondo dal 7,8% al 10,9%: Tra i disoccupati è salita dal 28% (dal 23,6%); tra chi ha tre o più figli dal 16,2 al 21,3%. Nel Mezzogiorno il quadro si fa ancora più allarmante: agli oltre 3 milioni di poveri assoluti, ben 725 mila in più nel periodo considerato, si accompagna un aumento dell’intensità della cosiddetta povertà relativa (dal 21,4% al 23,5), calcolata anch’essa sulla base di una soglia convenzionale che individua il valore di spesa per consumi al di sotto del quale scatta la definizione di povertà relativa Ebbene, Le famiglie meridionali relativamente povere sono il 12,6%, dal 9,8 del 2012. In Calabria e Sicilia si registra un picco: qui un terzo dei nuclei familiari è in questa condizione. Percentuali poco confortanti anche in Sardegna (24,8%), Campania (23,1%) e Puglia (23,9%). Dall’altro lato della classifica, spicca il Trentino Alto Adige, la regione con il tasso di povertà relativa più basso: 4,3%. Seguono Emilia Romagna (4,5%) e Toscana (4,8%). Come sempre la crisi colpisce i più vulnerabili: secondo i dati del 2013 un milione 434 mila minori risultano poveri in termini assoluti; nel 2012 erano un milione 58 mila.
La recessione morde, le famiglie fanno fatica a tirare avanti e altri «nuclei» potrebbero incappare nell’indigenza: il 6,4% rischia ora di diventare «quasi povero», con livelli di consumo superiori di non oltre il 20% rispetto alla soglia di povertà relativa.


Tags assigned to this article:
Istatpovertà assolutapovertà relativa

Related Articles

In difesa della civiltà

Da Franca a Lucia, quelle donne coraggio che hanno sconfitto l’odio degli uomini

Coesione sociale: on line le nuove statistiche dell’istat

Raccolta a cura dell’Istituto in collaborazione con Inps e ministero del Lavoro. I temi: lavoro, famiglia, povertà , spesa sociale. Dati riferiti al 2009 e, in qualche caso, al primo semestre 2010

Boom della pillola dei 5 giorni dopo

Dopo che l’Italia ha tolto l’obbligo di ricetta si compra una compressa ogni 2 minuti In parallelo è diminuito il numero di aborti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment