Terzo Valico, lacrimogeni e cariche a Moriassi

Terzo Valico, lacrimogeni e cariche a Moriassi

Tino, 59 anni arti­giano di Poz­zolo For­mi­garo, ha ancora il ghiac­cio sul brac­cio gon­fio. «Ero davanti nel cor­done per impe­dire gli espro­pri. Nella mat­ti­nata avevo fatto il pieno di lacri­mo­geni nel bosco di Moriassi. Alla Crenna, intorno all’una e trenta, la situa­zione è dege­ne­rata ancora una volta. È par­tita la carica delle forze dell’ordine. Dura, vio­lenta. Un agente mi ha tenuto per un brac­cio, men­tre un altro poli­ziotto ha sfer­rato con­tro di me una manganellata».

In serata, appena dimesso dall’ospedale di Novi Ligure, Tino si è pre­ci­pi­tato all’assemblea dei comi­tati No Tav alla Crenna, fra­zione di Ser­ra­valle Scri­via. Con­tuso ma con il sor­riso: «Abbiamo resi­stito, senza lan­ciare una pie­tra. Si è visto bene chi sono i violenti».

Ieri, è stata una delle gior­nate a più alta ten­sione nella lotta con­tro il Terzo Valico, la linea ad alta velo­cità tra Genova e Rivalta Scri­via (Ales­san­dria), in dire­zione Milano, che dovrebbe attra­ver­sare le valli pie­mon­tesi Lemme e Scri­via, 53 chi­lo­me­tri di cui 37 in galleria.

I No Tav si sono dati appun­ta­mento all’alba a Libarna, un tempo città romana posi­zio­nata lungo la via Postu­mia e ora pic­cola loca­lità nel comune di Ser­ra­valle. Sono arri­vati in tanti: ales­san­drini, geno­vesi e tori­nesi. Qui, il Cociv, il gene­ral con­trac­tor del Terzo Valico, ha ten­tato nuo­va­mente di effet­tuare le immis­sioni in pos­sesso nelle aree da espro­priare indi­cate nel pro­getto. Stesso intento ad Arquata Scri­via e a Poz­zolo For­mi­garo. In tutto 9 espro­pri pro­pe­deu­tici all’opera, con­te­stati dal movi­mento anche per pre­sunte irregolarità.

Le forze dell’ordine, cara­bi­nieri e poli­zia, sono arri­vate nume­rose e in assetto anti­som­mossa. A Libarna, dopo una breve mar­cia dei mani­fe­stanti, c’è stata una prima con­trap­po­si­zione tra le parti, con i No Tav decisi ad osta­co­lare le ope­ra­zioni. La situa­zione si sur­ri­scal­data a Morassi, tra Arquata e Ser­ra­valle. «Abbiamo for­mato una catena umana davanti alle forze dell’ordine. Era­vamo tutti a volto sco­perto, deter­mi­nati a impe­dire l’ennesimo sopruso. È par­tita la prima carica. Una nube di gas, hanno spa­rato lacri­mo­geni a ripetizione».

Una scena mai vista in Valle Scri­via», spie­gano i mani­fe­stanti, che tra i boschi ave­vano costruito bar­ri­cate con rami e tron­chi. «Hanno offerto ai pro­prie­tari fino a cin­que volte il prezzo di mer­cato dei loro ter­reni e delle loro case per rag­giun­gere un accordo bona­rio – accu­sano i No Tav – e, si badi bene, lo hanno fatto con soldi pub­blici che dovreb­bero essere uti­liz­zati per scopi più nobili». Alla Crenna, nel primo pome­rig­gio, e suc­ces­si­va­mente alla Casa gialla di Arquata, si è ripe­tuto lo stesso copione, con qual­che man­ga­nel­lata in più.

In tutto quat­tro atti­vi­sti con­tusi e altri intos­si­cati dai gas Cs, rego­lar­mente in dota­zione alle forze dell’ordine ita­liane ma vie­ta­tis­simi in guerra. I tec­nici del Cociv si sono limi­tati a foto­gra­fare l’area, senza entrare nelle pro­prietà. Solo a Poz­zolo, l’ultima tappa, dove la pro­vin­ciale per Tor­tona è stata chiusa per ral­len­tare l’afflusso di No Tav, l’esproprio è riu­scito senza tensioni.

«Nono­stante gli scon­tri – rac­conta Clau­dio Sanita, comi­tato di Arquata – noi abbiamo resi­stito. Lo abbiamo fatto paci­fi­ca­mente. Il Cociv sostiene di aver effet­tuato tutte le immis­sioni di pos­sesso e aver com­ple­tato gli espro­pri. Ma non è vero, non sono validi. I tec­nici, tranne a Poz­zolo, non sono mai entrati nei ter­reni. Una pra­tica non rego­lare, per que­sto attra­verso i nostri avvo­cati ricor­re­remo alle vie legali».

Sulla stessa lun­ghezza d’onda il Movi­mento 5 Stelle, con il sena­tore Sci­bona, i con­si­glieri regio­nali Fre­diani e Mighetti e il con­si­gliere di Novi Gallo: «È impen­sa­bile effet­tuare una pro­ce­dura del genere limi­tan­dosi a foto­gra­fare un’abitazione o un ter­reno a diversi metri di distanza senza effet­tuare un ade­guato sopral­luogo. Pur­troppo la lega­lità non è mai stata il tratto distin­tivo di que­sto progetto».

Soli­da­rietà ai mani­fe­stanti dal Prc con il segre­ta­rio Fer­rero; alle forze dell’ordine e ai tec­nici, invece, dai sena­tori Pd Borioli, For­naro ed Espo­sito. «È stata una gior­nata dura, ma per noi straor­di­na­ria – con­clude Sanita — la nostra è nata come lotta popo­lare e con­ti­nua a esserlo». Dome­nica sera ad Arquata Scri­via fiac­co­lata per le vie del paese.


Tags assigned to this article:
Clau­dio SanitaNo TavTerzo valico

Related Articles

Argentina. Cristina Fernandez contro gli avvoltoi

Argentina. Il paese rischia nuovamente il default per via di un grosso debito ereditato dalla grave crisi di 12 anni fa

«Sgomberare i campi rom» Alfano apre il nuovo fronte

La linea emersa durante la riunione di Alfano con i sindaci è di sgomberare i campi abusivi dando poi «contributi economici ai Comuni che troveranno soluzioni abitative»

THE FAMILY Quando la politica è un affare per figli, parenti e amici Il tetto Folclore

Lo scandalo che ha travolto il “cerchio magico” leghista porta alla luce un modo di gestire il potere che ha una lunga tradizione nel nostro paese  

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment