Renzi e Napolitano. L’agenda per l’economia sotto esame

Renzi e Napolitano. L’agenda per l’economia sotto esame

ROMA — Oltre due ore l’altro ieri con Mario Draghi, in segreto, ma non troppo, visto che alla fine l’elicottero del presidente del Consiglio difficilmente passa inosservato, anche in mezzo alla campagna umbra, dove il governatore della Bce passa le sue vacanze. E almeno tre ore ieri sera con Giorgio Napolitano, nella tenuta presidenziale di Castelporziano, questa volta senza alcun segreto: Matteo Renzi esce da Palazzo Chigi alle 18 e trenta e ci torna dopo le 22.
La triangolazione assume, pur nel riserbo quasi assoluto che circonda i due incontri, il valore di un passaggio di boa. Draghi e Renzi si chiariscono, eliminano presunti dissapori dei giorni scorsi, ma resta sullo sfondo la preoccupazione congiunta per l’economia italiana. Vista da Francoforte, o da Palazzo Chigi, la situazione dell’Italia resta comunque critica, «drammatica» per molti versi e molti settori, secondo l’ammissione dello stesso premier.
L’incontro con il capo dello Stato aggiunge i consigli e le valutazioni della prima istituzione del Paese: sin qui Renzi è sempre stato accompagnato da una sintonia quasi totale con il Colle, la difficoltà dell’economia reale, che non accenna a riprendersi, aggiunge al bilancio della stagione, i primi cinque mesi del governo, una prospettiva diversa dal passato.
Renzi e Napolitano parlano della maggioranza, della solidità che ha offerto in Parlamento, pur con tutte le difficoltà dell’iter della riforma del Senato. Discutono dell’agenda dei prossimi mesi, a settembre si entrerà nel vivo di capitoli importanti come il lavoro, la pubblica amministrazione, la giustizia, le infrastrutture, ma è quello dei conti pubblici il punto centrale.
Anche al presidente della Repubblica il capo del governo conferma che in ogni caso Palazzo Chigi, anche se la recessione dovesse continuare, non intende andare oltre il parametro del 3%, una questione di credibilità nazionale che è condivisa. Si discute dunque di quali spese si dovranno tagliare: se veramente Renzi come sembra ha superato qualche incomprensione di troppo con Carlo Cottarelli, il commissario alla spending review, Napolitano comunque monitora da vicino i tagli prossimi venturi. Lo ha fatto diverse volte in passato, premurandosi di chiedere il massimo dell’accortezza possibile, per non incidere su un tessuto sociale che è al limite della sofferenza, in molti settori.
Si discute anche di giustizia: di mattina Renzi vede il ministro Andrea Orlando, la riforma del settore civile verrà discussa nel Consiglio dei ministri del 29 agosto. Napolitano si informa e viene informato, consiglia anche in questo caso prudenza e soprattutto la capacità di abbinare all’incisività della riforma un requisito essenziale per il suo cammino, che non sia divisiva delle forze politiche che sostengono la maggioranza.
Il confronto è anche sugli investimenti esteri: Renzi sta trattando il possibile ingresso della cinese Brilliance in Italia, anche i sindacati hanno difficoltà ad avere notizie, sembra che il dossier sia gestito in prima persona dallo stesso presidente del Consiglio. Lo sbocco possibile sarebbe Termini Imerese, l’azienda di Pechino ha bisogno di un impianto industriale in Europa, l’ex stabilimento Fiat potrebbe essere appetibile e chissà che oggi il premier non decida di dare dettagli ulteriori alle autorità siciliane, che incontrerà proprio nel municipio di Termini Imerese.
Quello degli investimenti esteri diretti nel nostro Paese è divenuto per il capo del governo uno degli obiettivi prioritari. Il governo intende «spalancare le porte» agli investitori stranieri in Italia, ha detto al Financial Times , aggiungendo queste considerazioni: «L’Italia è strana, perché c’è una parte della classe politica che dice “non abbiamo nessun investimento straniero” e poi, quando gli investitori stranieri arrivano, si dice “ma così stai vendendo tutto”. Beh, mi sembra una cosa folle, è un modo di comportarsi veramente assurdo. Io sono più felice quando vedo arrivare qui un grande investitore straniero che non quando vedo un normale investitore italiano. E non perché io non sia patriottico, ma perché per me conta il progetto industriale, non il passaporto».
Napolitano segue molto da vicino i contenuti della legge delega sul mercato del lavoro, che in autunno verrà discussa, e che per dicembre si spera sia stata adottata, visto che l’Italia ospiterà da presidente di turno della Ue un vertice sul mercato del lavoro. Poi c’è il capitolo delle crisi internazionali: la lunga telefonata di due giorni fa di Renzi con Obama, la prima con il nuovo premier indiano, la visita al Cairo. Un giro d’orizzonte che dura molto più del solito.
Marco Galluzzo



Related Articles

200 ex generali contro Netanyahu: subito negoziati con i palestinesi

Israele/Territori Occupati. Militari e agenti dei servizi segreti condannano chi, nel governo, ripete che non c’è un partner palestinese con il quale negoziare e chiedono il ritiro dai Territori occupati per far nascere lo Stato di Palestina

Donne. Congedi post violenza, finalmente l’Inps si è mosso

Donne. L’istituto emette con 10 mesi di ritardo la circolare che tutela le lavoratrici. Si potrà restare a casa per 3 mesi, con retribuzione piena. Le associazioni: «Periodo breve, ma utile per avviare un percorso di recupero»

Truppe ai confini l’Ue diffida Putin “No all’invasione”

Accordo Mosca-Kiev per un convoglio di aiuti “Ma la Russia ha schierato 45 mila soldati”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment