Il vero disastro dei Tornado

Il vero disastro dei Tornado

La col­li­sione tra due cac­cia Tornado, che ha pro­vo­cato la morte dei quat­tro mem­bri di equi­pag­gio e avrebbe potuto avere con­se­guenze ancora più gravi, ci pone di fronte a una realtà che la poli­tica uffi­ciale si guarda bene dal chia­mare col suo vero nome: guerra. Uni­for­man­dosi a tale «regola», l’aeronautica mili­tare informa che i Tor­nado, veli­voli da com­bat­ti­mento acqui­siti a par­tire dal 1982, ven­gono oggi usati essen­zial­mente per le «ope­ra­zioni di rispo­sta alle crisi con fina­lità stru­men­tali alla voca­zione paci­fica del nostro Paese».
Que­sti cac­cia­bom­bar­dieri — ricorda l’aeronautica — furono impie­gati nel Golfo Per­sico nel 1990/91 (ossia nella prima guerra con­tro l’Iraq). Quindi dal 1993 nei Bal­cani, ossia nella serie di ope­ra­zioni Nato cul­mi­nate nella guerra con­tro la Jugo­sla­via, nella quale i Tor­nado effet­tua­rono insieme ad altri aerei 1440 mis­sioni di attacco. Suc­ces­si­va­mente sono stati usati in Afgha­ni­stan, dove dal novem­bre 2009 sono stati avvi­cen­dati dai cac­cia Amx. Infine, nel 2011, sono stati usati nella guerra con­tro la Libia, nella quale in oltre sette mesi i veli­voli dell’aeronautica mili­tare hanno con­dotto oltre 1900 mis­sioni di attacco, lan­ciando cen­ti­naia di bombe e mis­sili. Nel corso di tali ope­ra­zioni — informa l’Aeronautica — «l’efficacia dei Tor­nado è stata accre­sciuta dall’acquisizione di sistemi d’arma d’avanguardia». Tra i più recenti, due nuovi arma­menti Usa di pre­ci­sione, l’Advanced Anti Radia­tion Gui­ded Mis­sile (Aargm) e la Small Dia­me­ter Bomb (Sdb), che per­met­tono ai cac­cia­bom­bar­dieri di sop­pri­mere le difese aeree nemi­che e col­pire gli obiet­tivi ter­re­stri.
Non a caso i due Tor­nado pre­ci­pi­tati vola­vano a bas­sis­sima quota, tec­nica usata per que­sto tipo di attacco con­dotto in pro­fon­dià in ter­ri­to­rio nemico.
I due cac­cia — impe­gnati in una mis­sione adde­stra­tiva pro­pe­deu­tica ad un’esercitazione Nato in pro­gramma nel pros­simo autunno — erano decol­lati da Ghedi (Bre­scia), base del 6° Stormo. Lo comu­nica l’aeronautica. Non dice però che Ghedi-Torre è, insieme ad Aviano, il sito in cui sono depo­si­tate 70–90 bombe nucleari sta­tu­ni­tensi B-61. Ciò emerge dal rap­porto «U.S. non-strategic nuclear wea­pons in Europe», pre­sen­tato all’assemblea par­la­men­tare della Nato. Le bombe nucleari sono tenute in spe­ciali han­gar insieme a cac­cia­bom­bar­dieri sta­tu­ni­tensi F-15 e F-16 e Tor­nado ita­liani, pronti per l’attacco nucleare.
Lo spie­ga­mento delle armi nucleari sta­tu­ni­tensi in Europa è rego­lato da accordi segreti, che i governi non hanno mai sot­to­po­sto ai rispet­tivi par­la­menti. Quello che regola lo schie­ra­mento delle armi nucleari in Ita­lia sta­bi­li­sce il prin­ci­pio della «dop­pia chiave», ossia pre­vede che una parte di que­ste armi possa essere usata dall’aeronautica ita­liana sotto comando Usa.
A tal fine — rivela il rap­porto — piloti ita­liani ven­gono adde­strati all’uso delle bombe nucleari. Quello che uffi­cial­mente si sa è che le B-61 saranno tra­sfor­mate da bombe a caduta libera in bombe «intel­li­genti», che potranno essere sgan­ciate a grande distanza dall’obiettivo. Le nuove bombe nucleari B61-12 a guida di pre­ci­sione, che avranno una potenza media di 50 kilo­ton (circa quat­tro volte la bomba di Hiro­shima), «saranno inte­grate col cac­cia F-35 Joint Strike Fighter». I piloti ita­liani — che oggi ven­gono adde­strati all’uso delle B-61 con i cac­cia Tor­nado, saranno quindi tra non molto pre­pa­rati all’attacco nucleare con gli F-35 armati con le B61-12. In tal modo l’Italia con­ti­nuerà a vio­lare il Trat­tato di non-proliferazione, che vieta agli stati in pos­sesso di armi nucleari di tra­sfe­rirle ad altri (Art. 1) e a quelli non-nucleari di rice­verle da chic­ches­sia (Art. 2).
Il disa­stroso inci­dente dei due Tornado nei pressi di Ascoli Piceno dovrebbe dun­que suo­nare come un cam­pa­nello d’allarme, non solo riguardo alla sicu­rezza degli abi­tanti sulla cui testa gli aerei si eser­ci­tano alla guerra, ma sulla guerra che ci minac­cia tutti.



Related Articles

Email, vecchi scandali e misteri Disastro Hillary, eterna candidata

E’ quasi certo che, se arrivasse alle Presidenziali, la valanga di informazioni negative danneggerebbe Hillary tra gli elettori incerti negli Stati in bilico

Rotta di collisione in Siria per Israele e Iran, la guerra diventa più vicina

Medio Oriente. Sarebbero almeno 11 i morti provocati dai bombardamenti israeliani su presunte postazioni iraniane nei pressi di Damasco

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment