Il voto in Sassonia fedele a Merkel

Dopo la pausa estiva la poli­tica tede­sca rico­min­cia dalle ele­zioni in tre län­der orien­tali: oggi tocca alla Sassonia, tra due set­ti­mane sarà il turno di Bran­de­burgo e Turin­gia. Com­ples­si­va­mente, oltre due terzi degli elet­tori che vivono nella ex Ddr sono chia­mati a rin­no­vare i par­la­menti regio­nali in una fase in cui al cen­tro dell’attenzione del governo di Angela Mer­kel ci sono le que­stioni inter­na­zio­nali: in par­ti­co­lare, la crisi russo-ucraina e quella ira­chena (sull’invio di armi ai kurdi deci­derà il Bun­de­stag con­vo­cato in seduta ple­na­ria ad hoc domani).

Sem­brano già cadute nel dimen­ti­ca­toio, almeno appa­ren­te­mente, le cat­tive noti­zie eco­no­mi­che di fer­ra­go­sto: quell’assai scarso 0,2% di cre­scita nel secondo tri­me­stre di quest’anno che fa della «loco­mo­tiva» d’Europa una motrice biso­gnosa di revi­sione. Ma non secondo la classe diri­gente tede­sca: in un’intervista apparsa ieri sull’autorevole quo­ti­diano con­ser­va­tore Frank­fur­ter All­ge­meine, il capo­gruppo al Bun­de­stag della Cdu, Vol­ker Kau­der, ha liqui­dato la que­stione riba­dendo sol­tanto che l’esecutivo non aumen­terà il debito pub­blico, per­ché «non serve a risol­vere i pro­blemi». Aggiun­gendo mali­gna­mente: «Come vediamo pur­troppo in Francia».

Che ci sia un pro­blema con gli inve­sti­menti interni lo si ammette, un po’ a denti stretti: per «svi­lup­pare idee» utili al loro rilan­cio è stata messa in piedi una nuova, imman­ca­bile, «com­mis­sione di esperti» presso il mini­stero dell’industria. L’impegno vero dell’esecutivo Mer­kel, tut­ta­via, è sem­pre e solo sui conti pub­blici pro­pri e — soprat­tutto — altrui, che vanno tenuti sotto con­trollo con le ricette tri­ste­mente arcinote.

La più forte voce fuori dal coro è la Linke, prin­ci­pale forza di oppo­si­zione, che lo scorso lunedì ha pre­sen­tato un pro­gramma di poli­tica eco­no­mica alter­na­tivo a quello della «grande coa­li­zione», ponendo l’accento sulla man­canza di per­so­nale in asili, scuole e ospe­dali, e sulle carenze nel sistema pub­blico di tra­sporti. Idee e pro­po­ste for­mu­late senza il biso­gno di ricor­rere a nes­sun par­ti­co­lare «esperto».

I social­de­mo­cra­tici della Spd, gui­dati dal vice­can­cel­liere e mini­stro dell’industria Sig­mar Gabriel, dopo i primi otto mesi di grosse Koa­li­tion strom­baz­zano i loro pre­sunti risul­tati, ma la misura più impor­tante, e cioè il sala­rio minimo legale di 8,5 euro l’ora, entrerà in vigore gra­dual­mente sol­tanto a par­tire dall’inizio del pros­simo anno. E il rischio che si riveli troppo poco per il neces­sa­rio rilan­cio di una domanda interna sta­gnante c’è tutto: gli ottanta euro ren­ziani inse­gnano. Ora il governo vuole pun­tare le pro­prie carte su una «Agenda digi­tale» che con­tri­bui­sca a gene­rare svi­luppo e occu­pa­zione ad alto con­te­nuto tec­no­lo­gico: per ora, tut­ta­via, siamo sol­tanto alle buone inten­zioni e a gene­ri­che linee-guida.

Dal voto di oggi non sono attesi, salvo impre­vi­sti, segnali poli­tici di rilievo: la Sas­so­nia (4 milioni di abi­tanti, disoc­cu­pa­zione all’8,5%, quasi 2 punti oltre la media fede­rale) è un feudo demo­cri­stiano, e secondo tutti i son­daggi la Cdu man­terrà il suo 40%. La can­cel­liera Mer­kel può stare tran­quilla, così come il gover­na­tore uscente, il 55enne Sta­ni­slaw Til­lich, unico impor­tante espo­nente poli­tico tede­sco appar­te­nente alla pic­cola mino­ranza lin­gui­stica slava dei sorabi. Molto più in ansia, invece, i libe­rali della Fdp, che sta­sera rischiano di per­dere l’ultima por­zione di potere che ancora con­ser­vano: face­vano parte dell’amministrazione uscente, ed è assai pro­ba­bile che, seguendo il trend nazio­nale, la soglia di sbar­ra­mento al 5% impe­dirà loro l’accesso al par­la­mento regio­nale di Dre­sda. La Spd è pronta a sosti­tuirli come part­ner di governo — anche in que­sto caso, seguendo lo schema gene­rale — della Cdu. Molto pro­ba­bile, pur­troppo, il supe­ra­mento dello sbar­ra­mento da parte dei neo­na­zi­sti della Npd (pre­senti nel Land­tag sas­sone dal 2004) e degli euro­fobi di Alter­na­tive für Deu­tschland.

Più inte­res­sante sarà il voto di dome­nica 14 set­tem­bre, quando potrebbe rea­liz­zarsi una pic­cola svolta sto­rica: la nascita di una coa­li­zione pro­gres­si­sta (Spd-Linke, e forse Verdi) gui­data per la prima volta da un diri­gente della Linke. È uno sce­na­rio che può con­cre­tiz­zarsi in Turin­gia (2 milioni di abi­tanti): avrebbe una grande valenza sim­bo­lica in sé, ma sarebbe anche un passo impor­tante nella nor­ma­liz­za­zione dei rap­porti a sini­stra, in vista di pos­si­bili — ancor­ché, allo stato, ancora impro­ba­bili — alleanze future su scale supe­riori e molto più importanti.



Related Articles

Iraq. Mosul è in mano agli islamisti

Iraq. L’esercito diserta, il premier dichiara l’emergenza. A tre anni dal ritiro degli Usa il Paese è nel caos totale

La beffa Tasi, più cara dell’Imu Detrazioni solo in un Comune su tre

Aliquota media dell’ 1,95 per mille. Il conto sulle case piccole

Lo spallone che riciclava i soldi creò la fondazione di Melandri

Stefano Bravo, specializzato nel trasferimento dei capitali all’estero per conto dell’organizzazione, è uno dei soci fondatori di «Human Foundation», l’organizzazione che fa capo a Giovanna Melandri, ex ministro Pd

1 comment

Write a comment
  1. mogol_gr
    mogol_gr 1 Settembre, 2014, 02:38

    E vai col Nazareno.

    Reply this comment

Write a Comment