Alexis Tsipras presenta il programma di governo

Il pre­si­dente del par­tito della sini­stra radi­cale greca Ale­xis Tsipras nel fine set­ti­mana a Salo­nicco, ha pre­sen­tato il nuovo volto gover­na­tivo di Syriza. «Vogliamo ele­zioni poli­ti­che al più pre­sto– ha detto– per­ché più il governo del con­ser­va­tore Anto­nis Sama­ras rimane al suo posto più si aggrava la crisi uma­ni­ta­ria che col­pi­sce gli strati popo­lari e più si rende dif­fi­cile la ripresa e l’uscita dalla crisi».

Per la prima volta Tsipras ha affron­tato il pro­blema eco­no­mico che finora ha con­di­zio­nato l’espansione di Syriza nella società greca. Da tempo la sini­stra chiede una con­fe­renza euro­pea sul debito (ormai al 175% del Pil) con l’obiettivo di tagliarne gran parte e con­di­zio­nare il paga­mento di quello che resterà allo svi­luppo del Pil. Si pro­mette un nego­ziato duro e dall’esito incerto. Nel frat­tempo, però, che avrebbe fatto il futuro governo anti-austerità? Dove avrebbe preso i soldi? Che non fosse una domanda pole­mica, ma reale, lo dimo­stra il fatto che l’aveva posta con chia­rezza anche il neoe­letto depu­tato euro­peo di Syriza, l’ultranovantenne eroe della resi­stenza Mano­lis Glezos.

Tra sabato e dome­nica è arri­vata la rispo­sta. Non si chie­de­ranno nuovi fondi euro­pei e non si faranno nuovi debiti. Saranno fondi già esi­stenti nelle mani del governo, non uti­liz­zati oppure indi­riz­zati verso spe­cu­la­zioni ban­ca­rie. Sono gli 11 miliardi in mano al Fondo di Sta­bi­lità Finan­zia­ria, un orga­ni­smo pub­blico impo­sto dalla troika (Com­mis­sione, Fmi, Bce) nel 2012 per garan­tire la rica­pi­ta­liz­za­zione delle ban­che gre­che, più 4,5 miliardi pro­ve­nienti dai fondi regio­nali euro­pei. L’obiettivo è duplice: da una parte fare fronte alla cata­strofe sociale che hanno pro­vo­cato quat­tro anni di auste­rità: dare cor­rente elet­trica a 300 mila fami­glie sotto la soglia della povertà e for­nire buoni pasto, ren­dendo isti­tu­zio­nale l’opera assi­ten­ziale che già svol­gono la mag­gioanza dei Comuni, la Chiesa orto­dossa e le Ong.

Usare i tanti immo­bili vuoti e abban­do­nati, sia pub­blici sia pri­vati, per dare un tetto a 25 mila fami­glie e ripri­sti­nare l’assistenza sani­ta­ria gra­tuita per tutti. Il tutto ad un costo di due miliardi. Il secondo obiet­tivo è più impor­tante: ridare fiato all’economia che nel 2014 chiu­derà, per il sesto anno con­se­cu­tivo, in reces­sione. Un primo passo è togliere il carico fiscale impo­sto dalla troika alla classe media. Alle già pesanti impo­ste sugli immo­bili in vigore dal 2010, in ago­sto il governo ha pen­sato bene di aggiun­gere una nuova tassa, basata sul valore cata­stale del lon­tano 2005. Il risu­lato è un’ondata di seque­stri cau­te­la­tivi di prime case e di conti ban­cari per con­tri­buenti che, anche volendo, non sono in grado di pagare. Il totale dei debiti dovuti al fisco ammonta a ben 92 miliardi e non c’è alcuna spe­ranza di incas­sare tale somma in un paese in ginocchio.

Dall’altra, il governo si è distinto nel favo­rire l’evasione fiscale, evi­tando accu­ra­ta­mente di inda­gare su chi aveva conti milio­nari in Sviz­zera e con­do­nando le tasse dovute ad arma­tori e impren­di­tori amici. Non è un segreto che per­fino la troika ha insi­sten­te­mente redar­guito le auto­rità gre­che per la loro inca­pa­cità a tas­sare i grandi con­tri­buenti. Pochi giorni fa Chri­stine Lagarde ha dichia­rato pub­bli­ca­mente che, a causa della sua insi­stenza a porre la que­stione al governo greco, ha rice­vuto «minacce di morte».

Tsipras cal­cola che, dei 92 miliardi dovuti, esclu­dendo coloro che non hanno da pagare, alla fine il suo governo ne incas­serà 20. Somma che sarà subito immessa nel mer­cato, aumen­tando il minimo sala­riale dagli attuali 430 a 750 euro, in modo da dare nuovo impulso alla domanda. Soste­gno all’occupazione, ma anche all’imprenditoria locale. Le indu­strie dello zuc­chero, sane e con accesso ai mer­cati esteri, non saranno né pri­va­tiz­zate né chiuse. Così nell’agroalimentare, nell’energia, nei servizi.

L’apparizione del gio­vane lea­der nel capo­luogo mace­done è stata sor­pren­dente. Abban­do­nate le vel­leità mas­si­ma­li­ste del vec­chio Syriza (quello del 4,5%) Tsi­pras è apparso come un lea­der respon­sa­bile, misu­rato e deciso. Ha par­lato con il prag­ma­ti­smo del pros­simo capo del governo: «Non vogliamo abban­do­nare l’eurozona e non c’è alcun peri­colo di venirne espulsi», ha detto: «I part­ner comu­ni­tari sono pronti a discu­tere seria­mente con il nuovo governo di sini­stra e a con­durre quelle trat­ta­tive che nes­sun governo greco ha mai fatto».

Lo ha veri­fi­cato di per­sona nelle discus­sioni che ha avuto due set­ti­mane fa al Forum di Cer­nob­bio: «In Europa ormai si parla aper­ta­mente della pos­si­bi­lità che si fac­cia fronte alla defla­zione con una poli­tica espan­siva, magari con un vasto pro­gramma di piani euro­pei di inve­sti­mento». Syriza alle ele­zioni di Stra­sburgo ha con­so­li­dato la per­cen­tuale del 27% che aveva otte­nuto nelle poli­ti­che di due anni prima. Un buon risul­tato: la sini­stra è il primo par­tito del paese. Ma non basta per gover­nare. Biso­gna dare rispo­ste pre­cise a quel ceto medio disa­strato eco­no­mi­ca­mente e rima­sto orfano in poli­tica, tra­dito dalla svolta ultra­li­be­ri­sta dei socia­li­sti del Pasok.

«Con le per­cen­tuali di oggi non ce la fac­ciamo– ha ammesso Tsipras – I cit­ta­dini devono pren­dere le loro respon­sa­bi­lità. Se loro non si mobi­li­tano nelle piazze e nelle urne, allora que­sto pro­gramma di rina­scita eco­no­mica rimarrà sulla carta». Il raf­for­za­mento elet­to­rale di Syriza è fon­da­men­tale. A sini­stra i comu­ni­sti del Kke (6,5% alle euro­pee) non sono dispo­sti a soste­nere Tsi­pras e i pic­coli schie­ra­menti anti-austerità danno segni di sfal­da­mento. Syriza rischia di vin­cere ma non avere alleati in Parlamento.

Il pre­mier Sama­ras rimane aggrap­pato alla pol­trona e spera di supe­rare indenne le sec­che delle ele­zioni pre­si­den­ziali di fine feb­braio. Per eleg­gere il nuovo capo dello Stato ci vogliono 180 depu­tati su 300, la mag­gio­ranza ne ha solo 160. Se il Par­la­mento non ce la farà, allora si va alle urne. E i son­daggi sono spie­tati: la destra di Nuova Demo­cra­zia per­derà altri 4–5 punti, il Pasok pure. L’obiettivo di Tsi­pras è con­vin­cere tutti que­sti elet­tori inde­cisi e arrab­biati a dar­gli fidu­cia. Non devono avere paura: non saranno i comu­ni­sti a pren­der­gli la casa ma le banche.



Related Articles

Tra ideologia ed economia: come leggere il Medio Oriente?

  Mubarak, l’icona della restaurazione- Foto: cugetliber.ro

È ancora imprevedibile l’esito della convulsa e tragica situazione egiziana. Il colpo di Stato militare che ha destituito il presidente Morsi e con lui l’ipotesi di una transizione di potere sotto la guida dei Fratelli Musulmani sancisce una nuova fase della storia mediorientale. Le rivoluzioni non finiscono mai come sono cominciate.

Nucleare iraniano, il grande compromesso

Stop al programma, sanzioni allentate. L’ira di Israele e dei repubblicani in America

Il rischio crac passa dalle banche agli Stati Il debito con l’Italia? È cresciuto del 500%

I numeri raccontano la metamorfosi del debito greco in questi cinque anni di crisi. Prima i creditori più esposti erano le banche, adesso sono i bilanci pubblici nazionali

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment