Appunti da un mondo al capolinea

Appunti da un mondo al capolinea

Aldo Bonomi e Giu­seppe De Rita por­tano avanti da tempo un pro­lun­gato con­fronto e lavoro di ricerca sulle tra­sfor­ma­zioni sociali del Bel Paese, fino all’agile Dia­logo sull’Italia. L’eclissi della società di mezzo (Fel­tri­nelli, pp. 96, euro 9). In que­sta occa­sione i due autori si con­fron­tano con il radi­cale disal­li­nea­mento tra sociale e poli­tico, che ha eli­mi­nato lo spa­zio oriz­zon­tale della «società di mezzo», arte­fice di rela­zioni sociali, eco­no­mi­che e isti­tu­zio­nali in grado di tenere insieme un intero Paese, pur attra­ver­sato da forti ten­sioni e dif­fe­renze. È il tra­monto ven­ten­nale dei corpi inter­medi, asso­cia­zioni, cir­coli, movi­menti, comi­tati, sin­da­cati e par­titi radi­cati nei ter­ri­tori, che riar­ti­co­la­vano il con­flitto tra capi­tale e lavoro, oltre l’incombenza dello Stato e non abban­do­nando l’individuo nelle maglie strette delle reti fami­liari.
Sem­bra di essere al capo­li­nea di una sto­ria repub­bli­cana for­giata dal basso di con­flitti sociali, spe­ri­men­ta­zioni eco­no­mi­che e inven­zioni isti­tu­zio­nali inda­gate da Giu­seppe De Rita dagli anni Cin­quanta alla infi­nita tran­si­zione ita­liana fuori dalla prima Repub­blica e den­tro l’avvento del capi­ta­li­smo mole­co­lare, osser­vato in modo par­te­ci­pato pro­prio da Aldo Bonomi. Eccoci giunti a un pano­rama fram­men­tato, nel quale «la lotta di classe è quella espressa dall’alto dei flussi glo­bali, ma non regge come stru­mento di inter­pre­ta­zione di ciò che accade nei ter­ri­tori» (Bonomi). Ma è lo stesso De Rita a insi­stere sul con­cetto di «classe», inteso però «come stile di vita e di appar­te­nenza», verso cui pro­tende quel che rimane di un ceto medio inve­stito da radi­cali scos­soni. Il lungo e tor­tuoso pro­cesso di «ceto­me­diz­za­zione» delle classi subal­terne ita­liane è in forte ten­sione. Da un lato si apre il per­tu­gio, assai stretto, attra­verso il quale si tenta la sca­lata all’élite dell’alto ceto medio. Dall’altro si amplia il pro­cesso di pre­ca­riz­za­zione che attra­versa il ceto medio, facen­dolo spro­fon­dare in con­di­zioni di insi­cu­rezza sociale ed eco­no­mica. È «il quinto stato» di pre­ca­riz­zati del lavoro della cono­scenza, di cura e ser­vi­zio alla per­sona, com­po­sto da inter­mit­tenti, soprat­tutto nelle retri­bu­zioni e che Bonomi e De Rita defi­ni­scono come «i som­mersi del capi­ta­li­smo libe­ri­sta».
In que­sto sce­na­rio si è inse­rito Mat­teo Renzi, con gli 80 euro di assai scarno soste­gno a quel ceto medio impo­ve­rito, riven­di­cando la sua appar­te­nenza alla società di mezzo degli scout e con l’aspirazione di essere il lea­der di un «par­tito della nazione» imbe­vuto di lea­de­ri­smo e popu­li­smo. Qui torna utile la cri­tica di Bonomi e De Rita alla ver­ti­ca­liz­za­zione della buro­cra­zia poli­tica, con­tro l’orizzontalità dei ter­ri­tori: un pro­cesso inar­re­sta­bile nelle demo­cra­zie occi­den­tali, da oltre cinquant’anni. Da Char­les de Gaulle, mat­ta­tore prima della radio e suc­ces­si­va­mente della tele­vi­sione fran­cese, al ven­ten­nio di Sil­vio Ber­lu­sconi, pas­sando per Ronald Rea­gan, fino al «gril­li­smo» e al «ren­zi­smo« ai tempi della rete e dell’antipolitica in 140 carat­teri, via Twit­ter. E que­sta per­so­na­liz­za­zione ego­tica della lea­der­ship sta­tale, ple­bi­sci­ta­ria e popu­li­stica, nulla può con­tro lo stra­po­tere tren­ten­nale delle oli­gar­chie tec­no­cra­ti­che glo­bali.
Eppure Bonomi e De Rita ci esor­tano a cer­care ancora, evi­tando sia la facile reto­rica della «buona» società civile, con­tro la con­cla­mata ina­de­gua­tezza delle classi diri­genti poli­ti­che, che lo ste­rile gioco dell’indignazione vir­tuale e dell’immobilismo sociale, nell’attuale società dello spet­ta­colo tele­ma­tico. Gli indizi del cam­bia­mento neces­sa­rio si rin­trac­ciano nelle «resi­stenze spe­ri­men­tate nei ter­ri­tori» e nelle pos­si­bi­lità di atti­vare «poli­ti­che di scopo» che tute­lino gli inte­ressi delle cit­ta­di­nanze. È la «dia­let­tica tra flussi e luo­ghi», a par­tire da «piat­ta­forme ter­ri­to­riali» dove ren­dere ope­ra­tive coa­li­zioni sociali che riem­piano il vuoto lasciato dalla società di mezzo, per dise­gnare un diritto alla città, fatto di auto­go­verno, con­nes­sioni oriz­zon­tali e nuove isti­tu­zioni. Una sfida dal basso, che riguarda tutti: cit­ta­di­nanze e som­mersi del capi­ta­li­smo finan­zia­rio, come una nuova gene­ra­zione di ammi­ni­stra­tori locali, dispo­ni­bile a com­pren­dere il valore della posta in palio.



Related Articles

Gli impresentabili

Eletti in tre. A lady Mastella 10 mila voti «Ma non avrò un seggio, vergognoso» Ce la fa Passariello (FdI): «Non festeggerò»

Domani sciopero Cgil contro la manovra

 Domani sciopero generale di otto ore contro una manovra «iniqua» che non risolve i problemi legati alla crescita e all’occupazione. La Cgil scende in piazza (non le altre due sigle Cisl e Uil) contro una manovra che «riduce gli investimenti, anche strategici come quelli infrastrutturali e della ricerca, privatizza i servizi pubblici senza criterio, nè efficienza e promuove la competizione sui costi, attacca la Costituzione, i diritti dei lavoratori, l’autonomia delle parti sociali e i Contratti nazionali».

Michel Foucault, l’immanenza della libertà

Michel Foucault. A trenta anni dalla scomparsa, l’opera del filosofo francese costituisce ancora un laboratorio teorico da esplorare. In Italia pubblicate da Feltrinelli le lezioni al Collège de France su «Il governo dei viventi»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment