L’alternativa radicale alla globalizzazione

L’alternativa radicale alla globalizzazione

Governi e mana­ger hanno per lo più can­cel­lato il pro­blema dalla loro agenda: la green eco­nomy pro­mossa a quei livelli non è un’alternativa al trend in atto, ma una serie scol­le­gata di misure, spesso dan­nose, che ne occu­pano gli inter­stizi. L’Italia, che ha una stra­te­gia ener­ge­tica (Sen) rece­pita dal governo Renzi, ne è un esem­pio: ha impe­gnato cifre astro­no­mi­che nelle fonti rin­no­va­bili a bene­fi­cio quasi solo di grandi spe­cu­la­zioni che deva­stano il ter­ri­to­rio, ma den­tro un piano ener­ge­tico incen­trato su tri­vel­la­zioni e tra­sporto di metano in conto terzi. È una visione miope che distrugge, insieme all’ambiente, anche l’agognata com­pe­ti­ti­vità, e chiude gli occhi di fronte al futuro.

Viviamo ormai da tempo in stato di guerra: l’Italia – ma non è certo un’eccezione – è già impe­gnata con diverse moda­lità, tutte con­trab­ban­date come «mis­sioni di pace», su una decina di fronti. Ma que­sti inter­venti, che non sono mai guerre dichia­rate, ali­men­tano un mec­ca­ni­smo irre­ver­si­bile: si armano o sosten­gono Stati o fazioni per com­bat­terne altri o altre, che poi si rivol­tano con­tro chi le ha armate in un alter­narsi con­ti­nuo dei fronti che non fa che allar­garli. Dal con­flitto israelo-palestinese alla guerra tra Iraq e Iran, dalla Soma­lia all’ex Jugo­sla­via, dalle due guerre con­tro l’Iraq all’Afghanistan, e poi all’Algeria, alla Libia, alla Siria e di nuovo all’Iraq, e poi in Ucraina, l’esta­blish­ment dell’Occidente ha ormai perso il con­trollo delle forze che ha scatenato.

È dif­fi­cile rico­no­scere coe­renza a scelte (cia­scuna delle quali ha o ha avuto una sua «logica») che messe in fila testi­mo­niano la man­canza di una visione stra­te­gica. Il sof­fo­ca­mento o la dege­ne­ra­zione di molti pro­cessi nati da rivolte popo­lari con­tro mise­ria e dit­ta­ture sono il risul­tato di una man­canza di alter­na­tive alla dif­fu­sione del caos che la «demo­cra­zia occi­den­tale» — ormai iden­ti­fi­cata con il domi­nio feroce dei «mer­cati», cioè con una com­pe­ti­ti­vità uni­ver­sale — non è più in grado di pro­spet­tare e che le forze anta­go­ni­ste non sono ancora capaci di proporre.

Entrambi quei trend sono desti­nati a pro­durre un cre­scendo con­ti­nuo di pro­fu­ghi, sia ambien­tali che in fuga da guerre e mise­ria, desti­nati a scon­vol­gere la geo­po­li­tica pla­ne­ta­ria. Già ora, e da anni, paesi come Paki­stan, Siria, Gior­da­nia, Libano, Iraq, Tur­chia, Tuni­sia, sono costretti a ospi­tare milioni di pro­fu­ghi, molti dei quali si river­sano poi — e si river­se­ranno sem­pre più, a milioni e non a decine di migliaia — in Europa. Pen­sare di affron­tare que­sti flussi con poli­ti­che di respin­gi­mento è non solo cri­mi­nale, ma del tutto irrea­li­stico. Ma avere milioni di nuovi arri­vati da «ospi­tare», con cui con­vi­vere per molto tempo o per sem­pre, a cui tro­vare un’occupazione, evi­tando di inne­scare in tutto il paese foco­lai di infe­zione raz­zi­sta (e di reclu­ta­mento per mili­zie del ter­rore) rende addi­rit­tura risi­bili le poli­ti­che eco­no­mi­che e sociali di cui dibat­tono i nostri governi, tutte cali­brate sui decimi di punto di Pil. È un dato che dovrebbe in realtà ride­fi­nire in tutta Europa le poli­ti­che rela­tive a scuola, sanità, abi­ta­zione, lavoro e cul­tura: i temi su cui noi stiamo riflet­tendo, mobi­li­tan­doci o cer­cando di lottare.

Molti di quei foco­lai accesi dalle stra­te­gie, o dalla man­canza di stra­te­gia, dell’Occidente nel corso degli ultimi decenni (Ucraina, Medio Oriente e Magh­reb), poi tra­sfor­ma­tisi in incendi, rischiano anche di inter­rom­pere l’approvvigionamento ener­ge­tico dell’economia euro­pea. Le con­se­guenze potreb­bero essere defla­granti sia per la pro­du­zione che per le con­di­zioni di vita e la mobi­lità. Ma anche in que­sto caso la gover­nance euro­pea non va più in là del giorno per giorno.

Di fronte a sce­nari come que­sti si evi­den­zia tutta la mio­pia delle poli­ti­che dell’Unione messe in atto con l’auste­rity, il fiscal com­pact, gli accordi come TTIP e TISA, l’eterna melina sul coor­di­na­mento delle poli­ti­che degli Stati mem­bri. Qui tut­ta­via una stra­te­gia chia­ra­mente per­se­guita c’è: met­tere la finanza pub­blica con le spalle al muro: non per «libe­ra­liz­zare», ma per pri­va­tiz­zare tutto l’esistente: imprese e ser­vizi pub­blici, beni comuni, ter­ri­to­rio, ma anche esi­stenze indi­vi­duali e per­corsi di vita; met­tere con le spalle al muro il lavoro, per pri­varlo di tutti i diritti acqui­siti in due secoli di lotta di classe; instau­rare il domi­nio di una com­pe­ti­ti­vità uni­ver­sale: non, ovvia­mente, tra pari, ma dove i più forti siano liberi di schiac­ciare i più deboli.

Tut­ta­via anche in que­sto caso gli effetti vanno al di là del pre­vi­sto: sono le stesse «teste pen­santi» dell’establishment ad ammet­tere, anno dopo anno, che i risul­tati non sono quelli che si atten­de­vano. Soprat­tutto ora che ven­gono al pet­tine con­tem­po­ra­nea­mente molti di quei nodi: defla­zione, dein­du­stria­liz­za­zione, disoc­cu­pa­zione, dipen­denza ener­ge­tica, guerre senza sbocco, disa­stri cli­ma­tici, pro­fu­ghi. Ma non hanno vere alter­na­tive; e met­tere toppe da una parte — cosa in cui Mario Dra­ghi è mae­stro – non fa che aprire falle da un’altra.

Dun­que un «piano B» non esi­ste. Dob­biamo lavo­rarci noi e que­sto deve essere l’orizzonte poli­tico, e prima ancora cul­tu­rale, di qual­siasi ini­zia­tiva, anche la più minuta, di cui ci occupiamo.

Non lascia­moci sco­rag­giare dalla spro­por­zione delle forze e delle risorse: in sin­to­nia con noi ci sono altre migliaia di orga­niz­za­zioni sparse per il mondo (e forse un passo impor­tante per comin­ciare a coor­di­narci a livello euro­peo è stato fatto con la lista L’altra Europa; e non è né il primo né l’unico); e poi, ci sono milioni o miliardi di esseri umani che hanno biso­gno di tro­vare in nuove pra­ti­che e nuove ela­bo­ra­zioni un punto di rife­ri­mento per sot­trarsi a quel «caos pros­simo ven­turo» di cui già sono vit­time. La radi­ca­lità di un movi­mento, di un pro­gramma, di un’organizzazione, cioè la loro capa­cità di misu­rarsi con lo stato di cose in essere, si misura su que­sto sfondo: si tratta di svi­lup­pare a tre­cen­to­ses­santa gradi il con­flitto con il pen­siero unico e con la cul­tura e la pra­tica della com­pe­ti­ti­vità uni­ver­sale e le sue mol­te­plici appli­ca­zioni, per pro­muo­vere al loro posto le con­di­zioni di una con­vi­venza paci­fica, egua­li­ta­ria, demo­cra­tica e soli­dale tra gli umani e con la natura.

È stata la globalizzazione a spa­lan­care le porte alla com­pe­ti­ti­vità uni­ver­sale. Noi dob­biamo pen­sare e pra­ti­care nell’agire quo­ti­diano alter­na­tive che valo­riz­zino i bene­fici dell’unificazione del pia­neta in un’unica rete di rap­porti di inter­di­pen­denza e di con­net­ti­vità, ma in con­di­zioni che non fac­ciano più dipen­dere la soprav­vi­venza di alcuni dalla morte di altri, il red­dito di alcuni dalla mise­ria altrui, il suc­cesso di un’azienda dalla rovina dei con­cor­renti, il man­te­ni­mento o la «con­qui­sta» di un lavoro dall’espulsione di chi ne resta escluso, la «ric­chezza delle nazioni» (il Pil!) dalla mise­ria delle rispet­tive popolazioni.

Que­ste alter­na­tive ricon­du­cono tutte alla riter­ri­to­ria­liz­za­zione dei pro­cessi eco­no­mici: non al pro­te­zio­ni­smo, che non è più pra­ti­ca­bile; non al con­fino in ambiti eco­no­mici chiusi con il ritorno a valute nazio­nali in com­pe­ti­zione tra loro; non alla fero­cia di iden­tità etni­che e cul­tu­rali fit­ti­zie che ci met­tono in guerra con chiun­que non le con­di­vida; bensì alla pro­mo­zione ovun­que pos­si­bile – e cer­ta­mente non in tutti i campi e per tutti i biso­gni — di rap­porti quanto più stretti, diretti e pro­gram­mati tra pro­dut­tori e con­su­ma­tori di uno stesso ter­ri­to­rio, ridi­men­sio­nando a misura dei ter­ri­tori di rife­ri­mento, ovun­que pos­si­bile, impianti, aziende, reti com­mer­ciali e il loro governo.

La tra­sfe­ri­bi­lità del know-how a livello pla­ne­ta­rio ormai lo con­sente per molti pro­cessi, a par­tire dalla gene­ra­zione ener­ge­tica; il recu­pero dei mate­riali di scarto ci può ren­dere più indi­pen­denti dall’approvvigionamento di mate­rie prime; i ser­vizi pub­blici locali ripor­tati alla loro mis­sione ori­gi­na­ria pos­sono con­net­tere un governo demo­cra­tico e par­te­ci­pato della domanda (di ener­gia, ali­menti, tra­sporto, di gestione del ter­ri­to­rio, di cura delle per­sone, di pro­mo­zione della cul­tura, dell’istruzione, dell’integrazione sociale) con misure di soste­gno all’occupazione, di con­ver­sione eco­lo­gica delle atti­vità pro­dut­tive, di risa­na­mento del ter­ri­to­rio e del costruito. Si può così costruire, den­tro il vil­lag­gio glo­bale creato dalla cir­co­la­zione dell’informazione e dall’interconnessione delle esi­stenze di tutti, le basi mate­riali di una vita di comu­nità ricca di relazioni.

Una strada che è la base irri­nun­cia­bile di un pro­getto poli­tico alter­na­tivo per Europa e per il mondo intero; che va imboc­cata e seguita in ogni situa­zione in forme dif­fe­renti e spe­ci­fi­che; ma tutte insieme pos­sono for­nire dei modelli a chi decide di imboccarla.

Una ver­sione ridotta di que­sto arti­colo è apparsa sul mani­fe­sto in edi­cola il 3 set­tem­bre 2014



Related Articles

Una marcia repubblicana contro i demoni

Alla marcia repubblicana Hollande assieme a Merke, Renzi, Rajoy e Cameron. Polemiche sul Fronte nazionale. Pressing sulla comunità musulmana, perché prenda chiaramente le distanze (ma poi le rimproverano di essere troppo “comunitaria”)

Il paradosso turco

Colloquio con Seyla Benhabib, filosofa di Istanbul che insegna negli Usa “Non sono i carri armati la soluzione contro questa democrazia autoritaria”

L’incubo Usa: la «Spectre» cinese

Cyberwar. Nel giorno del patto strategico Xi-Putin, gli Usa attaccano, Pechino reagisce

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment