La parabola araba Da amici del Califfo ad alleati nei raid

La parabola araba Da amici del Califfo ad alleati nei raid

Dignità e coerenza, in politica, saranno pure virtù impossibili da praticare. Ma la faccia tosta dovrebbe avere dei limiti, in nome della decenza. I Paesi arabi che hanno accettato di affiancare gli Usa nella guerra contro lo Stato islamico del sanguinario Al Baghdadi rappresentano il trionfo del più vergognoso doppiogiochismo. A parte l’eccezione del lealissimo regno di Giordania, tutti gli altri hanno moltissimo da farsi perdonare. Arabia Saudita, Emirati, Kuwait, Bahrein e Qatar sono stati infatti tra i primi responsabili dell’ascesa irresistibile del Califfo della morte. A diversi livelli lo hanno aiutato, finanziato, armato, sostenuto, in odio al regime siriano di Assad, alleato dell’Iran sciita, e forse per indebolire un produttore di petrolio concorrente: l’Iraq. Riad è il più potente dei voltagabbana. I sauditi pensano di poter comprare tutto e tutti. Hanno flirtato persino con gli odiati Fratelli musulmani, per poi coprire di miliardi l’Egitto del generale Al Sisi. Gli Emirati sono da sempre la banca che non pone domande sulla provenienza del denaro. Il Kuwait, che ha subito l’egoismo dei «fratelli», non impara mai abbastanza. Il Bahrein, dipendente da Riad, fa quello che gli viene chiesto. E poi c’è il Qatar: minuscolo Paese miliardario, avido ed egoista, che sottopone la politica alle bizze del suo emiro. Qualcuno ha sibilato: anche Obama, che l’anno scorso non aveva escluso di bombardare la Siria di Assad, oggi di fatto è «alleato» del dittatore contro il Califfo, perché «il nemico del mio nemico è mio amico». Vero, però i mezzi per sfidare il mondo Al Baghdadi non li ha avuti di sicuro dagli Usa.

Antonio Ferrari



Related Articles

Guerra fredda. Operazione nostalgia e spionaggio nella servile Italia

A Antony Blinken, che nel 2011 fu un acceso sostenitore dei raid su Gheddafi, la presenza russa dà un enorme fastidio e l’Italia viene chiamata a fare il suo ruolo. E vedrete che anche Erdogan, con un’economia collassata, potrebbe accordarsi con Washington

I pellegrini di Fukushima “Tra i fantasmi radioattivi per dire no al nucleare”

Cinque anni dopo il terremoto e lo tsunami che l’11 marzo 2011 causarono 19mila morti, il governo assicura che si sta tornando alla normalità e pianifica la riapertura di numerose centrali. “Ma qui la rinascita è una bugia”, dice la gente. “La catastrofe può ripetersi altrove”

Quando imparavamo dagli animali

Storia di un rapporto interrotto che per secoli ha chiarito molti aspetti della nostra evoluzione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment