A Roma inizia lo Strike Meeting: «È tempo per uno sciopero sociale»

A Roma inizia lo Strike Meeting: «È tempo per uno sciopero sociale»

È tempo per uno scio­pero sociale. Da oggi a dome­nica il movi­menti sociali tor­nano a riu­nirsi a Roma all’università la Sapienza dalle 15, domani alle Offi­cine Oz e nel cen­tro sociale Strike, dome­nica mat­tina a Acro­bax per lo «Strike mee­ting» (www?.auti?stici?.org/?s?t?r?i?k?e?m?e?e?t?ing).

 

strikecall

L’incontro è stato pre­ce­duto da una cam­pa­gna sui social net­work par­ti­co­lar­mente sug­ge­stiva: gio­vanisilhouette in nero e ano­nime che allu­dono ad alcune delle pro­fes­sioni più pre­ca­rie del momento: c’è un’infermiera, un’addetta ai call cen­ter, un lavo­ra­tore dell’edilizia. C’è una stu­den­tessa, oppure una cogni­ta­ria con il pc e il mouse. Ogni imma­gine è accom­pa­gna da uno slo­gan con rela­tivo hash­tag da lan­ciare su twit­ter: #sto­p­job­sact, #red­di­to­per­tutti, #sala­rio­mi­nimo, #com­mo­n­wel­fare. Sono i con­cetti che accom­pa­gnano il lavoro teo­rico dei movi­menti sociali ita­liani, e non solo, ma in più c’è la dichia­rata inten­zione di dare bat­ta­glia in autunno con­tro la legge delega sul lavoro in discus­sione in Parlamento.

 

strikeedilizia

Si tratta della seconda parte della legge Poletti che pre­vede, tra l’altro, l’istituzione di un con­tratto «a tutele cre­scenti» che con­tra­sta con la riforma del con­tratto a ter­mine sta­bi­lita dalla riforma appena appro­vata. La mag­gio­ranza deci­derà se appro­vare la norma liber­ti­cida che libe­ra­lizza i licen­zia­menti in cam­bio di un inden­nizzo (è l’orientamento della destra libe­ri­sta), oppure sospen­dere le tutele per i pre­cari «solo» per 36 mesi (è il neo-liberismo com­pas­sio­ne­vole del Pd). Ma non di solo lavoro si par­lerà in que­sta «tre giorni». C’è il «piano Lupi» sulla casa che ha dichia­rato guerra ai poveri che occu­pano in man­canza di un tetto. «Un prov­ve­di­mento che san­ci­sce la fine della poli­tica di inter­vento pub­blico con­tro l’emergenza abi­ta­tiva» si legge nella «call» dell’incontro.

 

strikeinfermiera

L’idea è lan­ciare uno «scio­pero pre­ca­rio» nelle città, dove gli spazi ven­gono sgom­be­rati e la nor­ma­liz­za­zione can­cella le pra­ti­che e la memo­ria, e uno scio­pero in rete «NetStrike» indi­riz­zato a «mezzo milione di pro­le­tari digi­tali che lavo­rano come web design o web edi­tor, pro­gram­ma­tori, nel mon­tag­gio audio e video». Si vuole pro­muo­vere uno «scio­pero gene­rale del sin­da­ca­li­smo di base e con­flit­tuale» per unire il lavoro dipen­dente (oggetto di un attacco senza pre­ce­denti sul sala­rio e sul suo valore — si pensi alla mac­china infer­nale della «meri­to­cra­zia» che Renzi-Giannini vogliono appli­care agli sti­pendi degli inse­gnanti) al lavoro auto­nomo e precario.

 

strikepartitaiva

L’ottica è quella della «coa­li­zione» per inver­tire la ten­denza ultra-trentennale della fram­men­ta­zione. Il metodo è quello del «sin­da­ca­li­smo sociale o metro­po­li­tano». Visto che i pre­cari non vivono solo in fab­brica, o negli uffici, nei work­shop si pro­verà a riflet­tere sulle pra­ti­che che per­met­tono agli «sciami intel­li­genti» di fare rete. Un’attività ambi­ziosa, e non scon­tata, che intende tor­nare «a far male ai padroni».

A metà otto­bre è pre­vi­sta la set­ti­mana di mobi­li­ta­zioni dei movi­menti per il diritto all’abitare. Il 14 novem­bre ci sarà una gior­nata di con­flitto indetta dall’assemblea nazio­nale in Val Susa e rilan­ciata ad ago­sto dagli stu­denti al «Riot vil­lage in Salento».



Related Articles

Tagli e risparmi per 33 miliardi così la spending review delle famiglie

Conti domestici difficili: in un anno il potere d’acquisto è crollato del 4,1%, la spesa per il cibo si è ridotta dell’1,5%. Con le “finanziarie fai da te” meno benzina e gasolio auto per 6 miliardi, chiamate per 1 e compravendite immobiliari per 18. La recessione I consumi. Le forbici degli italiani su casa, carburanti, regali e telefonate

Tanti aiuti inutili, alla ricerca solo il 4,3% ma sui tagli il governo non crede a Giavazzi

Soffocate da fisco e burocrazia, le imprese italiane chiedono uno scambio: meno incentivi contro meno tasse. Anche perché «per noi non è un grande sforzo rinunciare a 3 miliardi di risorse», ha detto ieri il presidente di Confindustria. Visto che «secondo il rapporto Giavazzi, su 30 miliardi di incentivi, alle imprese private ne arrivano solo 3.

L’Fmi boccia l’accordo e minaccia di sfilarsi: debito insostenibile, va ridotto

Fulmine a ciel sereno per Bruxelles che teme il sabotaggio “americano” all’intesa raggiunta con Atene. Nel Fondo Monetario cresce la fronda dei Paesi emergenti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment