Ucraina: oligarchi, Putin e Kiev. Chi vuole la guerra civile?

Nono­stante la tre­gua for­male la guerra civile ucraina non sem­bra avere fine. Per­ché? Chi la vuole?
Sull’ultimo numero di Foreign Affairs John J. Mearsh­meier, l’impeccabile stu­dioso di rela­zioni inter­na­zio­nali, dedica un’accurata ana­lisi all’Ucraina: Why the Ukraine Cri­sis Is the West’s Fault. Il sag­gio dovrebbe essere gene­ro­sa­mente inviato ai nostri media che, salvo ecce­zioni, da mesi stanno pro­pi­nando non i fatti ma la solita ideo­lo­gia anti­so­vie­tica con il solito piz­zico di anti­co­mu­ni­smo. Mearsh­meier riper­corre gli eventi che dal 1989 hanno segnato i rap­porti tra la Rus­sia, gli Stati Uniti e l’Europa: sem­pre pes­simi salvo gli anni di Yel­tsin quando a Mosca erano di casa eco­no­mi­sti ame­ri­cani per inse­gnare il capi­ta­li­smo. Vero è che i rob­ber baron ex sovie­tici misero pre­sto in chiaro di non aver biso­gno di mae­stri per l’economia men­tre per la poli­tica dopo una tumul­tuosa età di tor­bidi, si affermò Putin, «l’uomo più odiato del West».

In accordo con Kis­sin­ger, Mearsh­meier lo defi­ni­sce uno stra­tega di prima classe e spiega per­chè Washing­ton, Lon­dra e Parigi si con­fron­tano con lui den­tro una visione da guerra fredda con ven­dette ancora da sod­di­sfare. Le ven­dette le chie­dono i paesi euro­pei, grandi e pic­coli che erano nell’orbita sovie­tica e che in Ame­rica hanno influenti gruppi di pres­sione: ame­ri­cani di ori­gine polacca, ucraina, bal­tica. Tutti den­tro un pas­sato che non c’è più e che fol­le­mente è stato rie­su­mato con l’affaire Ucraina. Che è comin­ciato con il colpo di stato a Kiev, quando mem­bri del partito/movimento “Set­tore Destra” hanno cac­ciato dal par­la­mento chi era stato appena legit­ti­ma­mente eletto. È allora esploso il con­flitto tra chi vuole chiu­dere i rap­porti con Mosca, che durano dal 1654 e chi non vuole.

Die­tro agli uni e a agli altri vi sono spinte esterne e interne. C’è Putin che appa­ren­te­mente ha in mano pedine vin­centi. Vi sono l’America di Obama, la Ger­ma­nia della Mer­kel, la Fran­cia di Hol­lande che non hanno azzec­cato una mossa e anzi hanno desta­bi­liz­zato ancor più le ten­sioni inte­stine. Che sono la realtà di cui pre­oc­cu­parsi. Sono gli oli­gar­chi a volere e finan­ziare la guerra civile. Lo scon­tro in corso è per il con­trollo del ter­ri­to­rio e della sua eco­no­mia e dura dal 2004 quando hanno tolto di mezzo Leo­nid Kucma, l’oligarca salito al rango di pre­si­dente dell’Ucraina indi­pen­dente. Kucma, nato con­ta­dino sovie­tico e diven­tato diret­tore di una sofi­sti­cata fab­brica di mis­sili, è il vec­chietto che appare come padre della patria, nella foto di Minsk sull’accordo per la tregua.

Accanto a lui vi è il rap­pre­sen­tante di una fazione filo russa men­tre non sono pre­senti i mili­tanti di «Set­tore Destro» che con­te­stano l’accordo. Al momento il con­trollo sui com­bat­tenti «volon­tari» pro Nato o pro Rus­sia dipende dall’intesa tra gli oli­gar­chi della finanza e quelli dell’economia reale. Il nodo è lì. Il cioc­co­la­taio Poro­shenko è debole ed è per que­sto che vuole l’accordo con Putin. Ma Putin è bravo a gio­care con Obama e la Mer­kel, e forse molto meno con le mili­zie degli oli­gar­chi che non inten­dono cedere pezzi di ter­ri­to­rio appena conquistati.

Sui limiti della Rus­sia di Putin, pun­tuale è l’analisi di Mearsh­meier che valuta medio­cre l’esercito e debole l’economia. I viaggi di Putin nelle ex repub­bli­che asia­ti­che, le rela­zioni con la Cina sareb­bero non prove di espan­sio­ni­smo «imperial-sovietico» ma ricerca di alleati e di affari giac­chè le porte dell’Europa sono chiuse. E anzi nemi­che. Il fatto è che ancor più di Kiev, la Rus­sia ha biso­gno che quelle porte si aprano. È un paese capi­ta­li­stico in affari con gli uomini dell’economia di tutta l’Europa, ha un governo sta­bile con un’opinione pub­blica che l’appoggia, ha una poli­tica estera orien­tata a risol­vere le crisi in atto e non a fomentarle.

Lo testi­mo­niano l’approccio sulla Siria e l’Iran. Certo non è un lim­pido stato di diritto kan­tiano ma oggi chi lo è? L’Egitto cui si per­dona di tenere in galera il legit­timo vin­ci­tore delle ultime ele­zioni? Oppure i paesi bal­tici dove vivono milioni di russi in perenne disgra­zia, col­pe­voli per i loro padri che arri­va­rono «dall’Impero del male»? Per­ché è il pas­sato che non si per­dona alla Rus­sia, è il 1917 bol­sce­vico che torna come un incubo non appena un poli­tico russo si azzarda ad alzare gli occhi, senza il capo coperto di cenere, senza chie­dere perdono.

Per rimet­terlo in riga molte sono state le ini­zia­tive decise dall’America, dall’Europa e dalla Nato. Solo che in que­stione non è «l’uomo più odiato del West» ma la legit­ti­ma­zione della Rus­sia in Europa. Poi­ché allora potrebbe aversi un accordo dura­turo tra Mosca e Kiev (sem­pre che lo vogliano gli oligarchi).



Related Articles

Crisi diplomatica tra Francia e Italia, richiamato l’ambasciatore

Parigi richiama l’ambasciatore a Roma, per consultazioni. “Situazione grave, senza precedenti dalla guerra” dopo una serie di episodi: l’ultima goccia è la visita a sorpresa di Di Maio a un gruppetto di gilet gialli martedì’

Rete Disarmo: “No a modifiche senza confronto della legge sul commercio di armi”

La Rete Italiana per il Disarmo denuncia il rischio che l’Italia, con l’approvazione del disegno di legge Comunitaria 2010 (AC 4059) che andrà  in aula questa settimana alla Camera, diminuisca i controlli sui trasferimenti di armi e che la trasparenza faccia un passo indietro. “La modifica della Legge 185 del 1990, che è considerata un modello a livello internazionale per i divieti che contiene, per i controlli e le misure di trasparenza, non può avvenire senza un adeguato dibattito parlamentare e un confronto con la società  civile” – riporta il comunicato della Rete Disarmoche raduna una trentina di associazioni da anni attente ai problemi connessi al commercio di armamenti.

Proceso de paz y cese al fuego y de hostilidades bilateral y definitivo

A Santos le conviene más recordar el respaldo a la paz que recibió de las doctoras Clara López y Aida Avella en la segunda vuelta presidencial, que permitió su triunfo y la derrota del candidato fascista Oscar Iván Zuluaga

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment