Eataly Roma, cuoco precario accoltella due colleghi

Eataly Roma, cuoco precario accoltella due colleghi

Roma, quar­tiere Ostiense. Ore 16,15. Tra il secondo e il terzo primo piano del gigan­te­sco han­gar tra­sfor­mato da Eataly nel «tem­pio del cibo» più grande del paese, Hos­seini Sha­rif, un rifu­giato poli­tico afghano di 25 anni, ha avuto un diver­bio su una rampa di scale con lo chef Fabio Nitti. Secondo le prime rico­stru­zioni dell’accaduto, il sot­to­cuoco impie­gato nel reparto rostic­ce­ria ha sfer­rato una serie di col­tel­late allo chef, feren­dolo alle brac­cia. «Aiuto, que­sto è matto» avrebbe urlato Nitti dopo i primi due colpi a vuoto. Anche la guar­dia giu­rata Gia­como Sas­sone, ieri al suo ultimo giorno di lavoro all’Ostiense, è stato ferito durante la colluttazione.

L’accoltellamento è avve­nuto sotto gli occhi di decine di clienti ter­ro­riz­zati. Alcuni indu­menti mac­chiati di san­gue sono rima­sti a lungo sul pavi­mento. Anche dopo l’intervento delle forze dell’ordine il nego­zio è rima­sto aperto. Sha­rif è stato fer­mato e, dopo l’arrivo della poli­zia, è stato por­tato nel vicino com­mis­sa­riato Colombo con l’accusa di ten­tato omi­ci­dio. I due feriti sono stati tra­spor­tati dal 118 in ospe­dale per ferite alle brac­cia, ma non sareb­bero in gravi condizioni.

Secondo una rico­stru­zione il col­tello usato per l’aggressione non sarebbe stato pre­le­vato all’interno della strut­tura. Sha­rif lo avrebbe intro­dotto dall’esterno. L’uomo lavo­rava dal dicem­bre 2013 dopo avere par­te­ci­pato a un bando di Ita­lia Lavoro. È in pos­sesso di un per­messo di sog­giorno da rifu­giato poli­tico. Il 24 otto­bre ha ras­se­gnato le sue dimis­sioni per­chè avrebbe tro­vato un altro lavoro, ma è dovuto restare in nego­zio fino al 2 novem­bre. Que­sta è la ver­sione for­nita da Eataly che aggiunge: «I col­le­ghi ci hanno rife­rito che si trat­tava di un ragazzo tran­quillo. Sha­rif ha giu­sti­fi­cato agli agenti il suo gesto con­tro lo chef soste­nendo che «mi offen­deva, mi trat­tava male e mi pren­deva in giro». «Ero vit­tima di quell’uomo e per que­sto mi sono dimesso». Secondo quanto hanno rico­struito gli inqui­renti, Sha­rif sarebbe cam­biato negli ultimi due mesi ed era diven­tato irascibile.

Nelle ore suc­ces­sive all’accaduto alcuni dipen­denti del mega store romano hanno for­nito que­sta ver­sione. Sarebbe «una con­se­guenza dei ritmi stres­santi e delle con­ti­nue pre­tese che ven­gono richie­ste ai lavo­ra­tori — ha detto ai gior­na­li­sti un dipen­dente — Nel mio reparto nell’ultima set­ti­mana si sono licen­ziate tre per­sone». «Lavoro qui da un anno — ha con­ti­nuato– e se potessi andrei via. Solo pochi mesi fa un lavo­ra­tore è morto di infarto ma da quel momento non è stato fatto nulla, nean­che messo un punto di primo soc­corso. Oggi a medi­care lo chef è dovuta inter­ve­nire una cliente, medico, che si tro­vava qui per caso».

«La situa­zione qui da Eataly non è delle migliori per noi lavo­ra­tori. Abbiamo con­tratti a ter­mine e fac­ciamo turni mas­sa­cranti, anche di dodici ore» ha detto un altro dipen­dente. «Lavoro qui da un anno e se avessi un’alternativa sarei già andato via — ha aggiunto — il pro­blema e che in un momento di crisi come que­sto non si può rinun­ciare allo sti­pen­dio e nean­che avan­zare troppe pre­tese per­chè in pochi minuti si rischia di essere sostituiti».

I dipen­denti ipo­tiz­zano che all’origine dell’accoltellamento ci sia stato un diver­bio sul lavoro tra lo chef e l’aggressore. «Cono­sco entrambi di vista — sostiene un dipen­dente — so che l’aggressore lavo­rava al reparto rostic­ce­ria fino a qual­che giorno fa e che poi si era dimesso. Lo chef, di fatto, era un suo supe­riore — con­ti­nua — pro­ba­bil­mente avrà pre­teso qual­cosa di troppo da lui».

Ieri pome­rig­gio nel nego­zio c’era anche il pro­prie­ta­rio di Eataly Oscar Fari­netti. «Sono stati momenti ter­ri­bili, io ero al terzo piano e ho sen­tito gri­dare, mi sono affac­ciato, ho visto la scena e sono sceso imme­dia­ta­mente al primo piano — ha detto — Se non l’avessero fer­mato, l’avrebbe ucciso. Voleva ucci­dere. Il nostro exe­cu­tive chef era a terra ferito, c’era san­gue dap­per­tutto e con­ti­nuava a chie­dere: “per­ché, per­ché, io tratto bene chi lavora con me”». Così Oscar Fari­netti, il patron di Eataly, rac­conta i momenti dell’aggressione di que­sto pome­rig­gio a Roma.
«Di Hos­seini Sha­rif non si è mai lamen­tato nes­suno, anzi — ha aggiunto Fari­netti — Non ha mai preso un giorno di malat­tia, era sem­pre pun­tuale al lavoro, tanto che il suo con­tratto di un anno sarebbe stato modi­fi­cato a dicem­bre per diven­tare a tempo inde­ter­mi­nato. Ma lui si era dimesso il 24 otto­bre con una let­tera scritta di suo pugno per­chè aveva tro­vato un altro lavoro».



Related Articles

Ici, stretta da 5 miliardi sulla casa arriva la mini patrimoniale subito la riforma delle pensioni

Monti: il 5 dicembre il cdm, “misure per stabilità  e crescita”.  Vertice tra premier e quattro ministri Per ora sospesi i tagli antideficit da 13-15 miliardi. Prelievo, forse una tantum, sui beni immobiliari di valore superiore al milione di euro 

Commissari all’Ilva Confindustria contro

Il commissario Piero Gnudi ha presentato l’istanza di ammissione immediata dell’Ilva alla procedura di amministrazione straordinaria

Pagamenti: un’attesa di 235 giorni

A maggio, denunciano i costruttori, il ritardo medio dei pagamenti della Pubblica amministrazione ha raggiunto il massimo storico di 160 giorni oltre i termini fissati dalla legge vigente all’epoca degli appalti. Ovvero, altri 75 giorni. Il che porta il ritardo effettivo medio, e soltanto nei confronti delle imprese edili, a 235 giorni.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment