La Fiom raddoppia lo sciopero

Sem­pre uno scio­pero gene­rale. Ma sdop­piato: venerdì 14 novem­bre toc­cherà ai metal­mec­ca­nici del centro-nord con mani­fe­sta­zione a Milano, una set­ti­mana più tardi sarà l’altra metà della peni­sola a scio­pe­rare per 8 ore ritro­van­dosi a Napoli.

La Fiom prova ad inno­vare uno stru­mento che in molti con­si­de­rano supe­rato, rilan­cian­dolo a livello macro­re­gio­nale. Potrebbe poi essere il primo ten­ta­tivo di quello «scio­pero a rove­scio» di cui Lan­dini ha par­lato nelle set­ti­mane scorse per mobi­li­tare tutte le per­sone, anche chi non può scio­pe­rare. A que­sto pro­po­sito il segre­ta­rio della Fiom pre­cisa: «Qual­cosa ci inven­te­remo, ma il tema è da approfondire».

Niente mani­fe­sta­zione nazio­nale unica a Roma — risul­te­rebbe un dop­pione del 25 otto­bre — dun­que. La pro­po­sta della segre­te­ria acciac­cata dalle man­ga­nel­late di mer­co­ledì — Rosa­rio Rappa si pre­senta nono­stante 5 punti in testa — viene appro­vata dal comi­tato cen­trale con 111 voti favo­re­voli e 6 astensioni.

Ini­zial­mente Lan­dini pun­tava a tri­pli­care gli scio­peri e le mani­fe­sta­zioni. «Abbiamo pen­sato che rispetto ad un clas­sico scio­pero gene­rale sarebbe più utile met­tere insieme 2–3 mani­fe­sta­zioni con i rispet­tivi scio­peri in diverse date per il nord, il cen­tro e il sud. Le città potreb­bero essere Milano, Napoli e Terni, quest’ultima da valu­tare in base a quello che suc­ce­derà», spie­gava nella sua rela­zione. Poi, vista la deli­ca­tezza e la pos­si­bile modi­fica della ver­tenza delle Accia­ie­rie spe­ciali di Terni, ha optato per due sole manifestazioni.

I metal­lur­gici della Cgil rilan­ciano così la loro bat­ta­glia con­tro il governo e il Jobs act. E la col­lo­cano a ridosso del Diret­tivo della Cgil del 12 novem­bre che dovrà varare lo scio­pero gene­rale di tutta la confederazione.

La comu­nità d’intenti con la con­fe­de­ra­zione è riaf­fer­mata dagli applausi che hanno accolto l’intervento di Susanna Camusso. Il segre­ta­rio gene­rale della Cgil ha chie­sto ai metal­mec­ca­nici di pre­pa­rarsi ad una «lunga bat­ta­glia». «Man mano che andremo avanti le pro­vo­ca­zioni si mol­ti­pli­che­ranno, spero non come quella di ieri (mer­co­ledì, ndr)», ha detto ricor­dando gli scon­tri in piazza Indi­pen­denza. «Per vin­cere la par­tita di lungo periodo» è indi­spen­sa­bile che «tutti insieme siamo con­vinti che stiamo attra­ver­sando una sta­gione nuova diversa dal pas­sato e per­ciò dob­biamo avere un forte radi­ca­mento sul ter­ri­to­rio, con­qui­starne ogni giorno uno in più. Solo così pos­siamo farcela».

A cin­que mesi dal con­gresso e a sei dal richiamo disci­pli­nare al segre­ta­rio della Fiom sulle vicende del Testo unico sulla rap­pre­sen­tanza, Camusso e Lan­dini mar­ciano ora di pari passo. Potere del ren­zi­smo e della svolta pro-Confindustria intra­presa dal premier.

Un accenno se n’è avuto anche ieri mat­tina quando Renzi davanti ai sin­da­cati metal­mec­ca­nici riu­niti a palazzo Chigi per la ver­tenza Ast Terni ha riba­dito la sua pre­fe­renza per i sin­da­cati azien­dali: «Non vogliamo fare a meno del sin­da­cato sulle trat­ta­tive azien­dali», lasciando inten­dere che con­ti­nuerà invece ad avver­sare il sin­da­cato confederale.

Un pas­sag­gio non pas­sato inos­ser­vato a Susanna Camusso. «Credo che il governo abbia pro­vato a rico­struire una ver­gi­nità nel con­fronto con i lavo­ra­tori persa negli scon­tri — ha spie­gato Camusso — . Resta però il veleno del rico­no­sci­mento del sin­da­cato solo quando si occupa di una ver­tenza azien­dale e non come inter­lo­cu­tore sui temi del lavoro».

Su que­sto punto ha poi appro­fon­dito l’analisi in un’intervista al Tg3. «Noi siamo pronti a discu­tere e a tro­vare solu­zioni. È il governo che si fa scudo del non volere discu­tere con il sin­da­cato. C’è — ha sot­to­li­neato il segre­ta­rio gene­rale della Cgil — una ten­denza della discus­sione ad igno­rare i con­te­nuti della mani­fe­sta­zione del 25 otto­bre, ad igno­rare i con­te­nuti delle nostre pro­po­ste per ridurre tutto al dibat­tito tra i par­titi o den­tro un par­tito. Il nostro obiet­tivo è avere poli­ti­che che creano lavo­rano, esten­dano i diritti e sal­va­guar­dino quelli che ci sono». Per Camusso per tro­vare una solu­zione all’attuale ten­sione «baste­rebbe non con­ti­nuare a dire che con il sin­da­cato non si discute».

Nella sua replica con­clu­siva al Comi­tato cen­trale, Lan­dini ha riba­dito l’importanza della mani­fe­sta­zione di sabato scorso a piazza San Gio­vanni, sot­to­li­neando «la dimo­stra­zione di auto­no­mia della Cgil». In que­sto qua­dro «lo scio­pero gene­rale che abbiamo indetto è la prima con­ti­nua­zione di quella mobilitazione».



Related Articles

Il prelievo e la lotta a chi evade

Il sistema fiscale è malato. Gravemente. E da anni. I vari governi hanno fatto poco per curarlo. E sì che la medicina è conosciuta (anche se non semplice da attuare): lotta all’evasione, allargamento della base imponibile, riduzione delle aliquote, diminuzione delle imposte sui redditi, specie di quelle sul lavoro, aumento delle tasse sulle rendite e sui patrimoni. Nemmeno il governo Monti sembra, secondo le anticipazioni, muovere i primi passi nella direzione giusta.

Spending review in ritardo e Bruxelles congela la deroga ai conti pubblici di Roma

 BRUXELLES — Oggi, domani notte al massimo, questo è il termine ultimo: l’orologio galoppa, l’Italia fra un governo ballerino e l’altro non invia i dati della sua «spending review» — i tagli alle spese — e così si allontana la possibilità di ottenere da Bruxelles una piccola «deroga» o sforamento del deficit in rapporto al prodotto interno lordo.

Al via l’addestramento Usa di 15mila siriani anti Isis

Reclutamento. La Tunisia il paese che fornisce più “foreign fighters”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment