Manovra ad personam

Manovra ad personam

Quat­tro mini­stri e cin­que sot­to­se­gre­tari. Man­dati da Renzi ad incon­trare le parti sociali. Col man­dato pre­ciso a non trat­tare su alcun­chè. E dun­que la legge di sta­bi­lità rimarrà intoc­ca­bile. A meno che lo stesso Renzi non cambi idea. Come ha fatto sull’articolo 18.

Se la con­cer­ta­zione del pre­si­dente del con­si­glio era finita con l’ora e 47 minuti dello scorso 7 otto­bre, la seconda pun­tata è stata una sorta di pan­to­mima. Alla sala Gino Giu­gni — inven­tore dell’articolo 18 — del mini­stero del Lavoro di via Veneto è andato in scena un incon­tro «sur­reale», come lo sin­te­tizza Susanna Camusso.

Rim­brot­tata in serata dallo stesso Renzi, dagli schermi di “Otto e mezzo” da Lilli Gru­ber: «La cosa sur­reale è che la Camusso dica che si deve trat­tare. Deve trat­tare con gli impren­di­tori, non con il governo. Le leggi il governo non le scrive trat­tando coi sin­da­cati. Noi ascol­tiamo tutti, dob­biamo par­lare col sin­da­cato, ma è il momento che in Ita­lia ognuno torni a fare il suo mestiere. Noi abbiamo detto: que­sta è la nostra mano­vra, diteci cosa pen­sate, anche via mail. Ma nes­suno può pen­sare di trat­tare sulla legge di Stabilità».

Una rispo­sta che spiega l’ora e mezzo di com­me­dia delle parti del pome­rig­gio. Con il governo che aveva spie­gato la ratio della mano­vra — «cre­scita e occu­pa­zione», sin­te­tizza il mini­stro dell’Economia Pier Carlo Padoan nella sua strin­gata intro­du­zione. Poi parola a Cgil, Cisl, Uil e Ugl che dicono la loro e pro­pon­gono modi­fi­che. Alla fine tocca al sot­to­se­gre­ta­rio Gra­ziano Del­rio e al padrone di casa Giu­liano Poletti acco­mia­tare gli invi­tati con la vaga pro­messa: «Valu­te­remo le vostre indicazioni».

Ma quando sulla porta la Uil nella per­sona di Car­mine Bar­ba­gallo — l’uomo che fra meno di un mese sosti­tuirà Luigi Ange­letti — chiede se ci saranno nuovi incon­tri, i mini­stri sono costretti ad ammet­tere: «Non sap­piamo se ci sarà, non abbiamo il man­dato per rispondere».

«Mai visto niente di simile», rac­conta chi nella dele­ga­zione sin­da­cale ha più espe­rienza. «Per­ché ci aspet­ta­vamo almeno che ci dices­sero: “Di que­sto non par­le­remo mai”. E invece da Renzi non ave­vano il man­dato nean­che per quello».

Una legge di sta­bi­lità ad per­so­nam dun­que. Immo­di­fi­ca­bile, a meno che il pre­si­dente del Con­si­glio non voglia. In puro stile ren­ziano, ora il con­fronto pro­se­guirà «via mail». I sin­da­cati man­de­ranno le loro pro­po­ste. Pro­po­ste che saranno «appro­fon­dite e valu­tate» dai mini­stri. Che poi faranno sapere agli stessi sin­da­cati se deci­de­ranno di pren­derle in con­si­de­ra­zione. Un dia­logo fra sordi, quindi. «Il governo non intende non dico con­di­vi­dere con le parti sociali ma nean­che pro­vare a misu­rarsi con noi. Per que­sto non ci pare un governo inno­va­tore», attacca una Susanna Camusso di ottimo umore: «Ora ci aspet­tiamo che ci diano il giu­di­zio sui testi che invie­remo per mail». A chi le chie­deva se la chiu­sura del governo fosse cau­sata dal milione di per­sone por­tate in piazza, il segre­ta­rio della Cgil ha rispo­sto: «Al con­tra­rio, dopo la mani­fe­sta­zione dovreb­bero ascol­tarci di più».

Par­tito con un fac­cia a fac­cia da tri­plice — da una parte del tavolo Del­rio, Poletti e Padoan, con Marianna Madia più defi­lata; dall’altra rispet­ti­va­mente Fur­lan, Camusso e Bar­ba­gallo — si è con­cluso con giu­dizi agli anti­podi. Alle pro­te­ste dei sin­da­cati si con­trap­pon­gono le parole di Padoan: «È andata benis­simo» e quelle — più arti­co­late — di Giu­liano Poletti: «C’è la dispo­ni­bi­lità ad even­tuali appro­fon­di­menti su temi che risul­tas­sero meri­te­voli. Non pen­siamo di fare più discus­sioni gene­rali», prova a controbattere.

A smar­carsi — ma fino ad un certo punto — è stata Anna­ma­ria Fur­lan, neo­se­gre­ta­ria gene­rale della Cisl. La donna che ha sosti­tuito Raf­faele Bonanni inter­viene subito per cer­care di mostrare almeno un po’ di posi­ti­vità sull’incontro. «Noi sulla mano­vra diamo un giu­di­zio posi­tivo sulla con­ferma degli 80 euro e sullo sgra­vio Irap per­ché se le imprese stanno meglio, stanno meglio anche i lavo­ra­tori. Ci sono poi due sva­rioni: — ha con­ti­nuato — il Tfr in busta tas­sato di più e il taglio dei patro­na­tii». Il giu­di­zio della Cisl è quindi sospeso: «Se le nostre richie­ste avranno rispo­sta, allora l’incontro sarà stato frut­tuoso altri­menti dovremo sce­gliere tra mobi­li­ta­zione e inter­lo­cu­zione con i par­titi», conclude.

A gon­go­lare sono invece le imprese, incon­trate dal governo subito dopo i sin­da­cati. Con­fin­du­stria, Rete Imprese, coo­pe­ra­tive, ban­che e assi­cu­ra­zioni appro­vano la mano­vra: «Bene obiet­tivi e impo­sta­zione». Si sen­tono forti. Tanto che anche il man­sueto Gior­gio Squinzi ieri si è sen­tito di dare una stoc­cata senza pre­ce­denti ai sin­da­cati. Dall’assemblea di Con­fin­du­stria di Pavia ha tuo­nato: «È neces­sa­rio che chi difende i lavo­ra­tori ammetta che a volte si sono difese situa­zione indifendibili».



Related Articles

Euro rottamati e riparati in Cina truffa alla tedesca

Con Hermes siamo assolutamente pacifici e pieni di buone intenzioni. Vogliamo sostenere Hermes e i suoi dirigenti e non abbiamo alcuna intenzione di prendere il controllo

Montezemolo: il Paese può farcela

Il presidente di Confindustria: la crescita del Pil è merito delle imprese, non della Finanziaria (la Repubblica, GIOVEDÌ, 15 FEBBRAIO

Volkswagen, Lufthansa, Siemens boom di assunzioni in Germania

Si prevede la creazione di mezzo milione di posti di lavoro nel 2011, pronte quasi tutte le trenta aziende quotate al Dax  

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment