Novanta città in piazza contro il Jobs Act e la scuola-impresa di Renzi

Novanta città in piazza contro il Jobs Act e la scuola-impresa di Renzi

Saranno novanta le città a scen­dere in piazza sta­mat­tina con­tro la riforma della scuola tar­gata Renzi-Giannini. Stu­denti, docenti pre­cari, sin­da­cati, movi­menti sociali impe­gnati nella costru­zione dello scio­pero sociale del 14 novem­bre, tutti insieme nella prima mani­fe­sta­zione di massa con­tro il governo nato da una lotta fra­ti­cida den­tro il Pd, il par­tito al cen­tro di tutte le pole­mi­che dopo la fidu­cia in bianco alla legge delega sul Jobs Act al Senato.

***

Leggi: No alla scuola azienda, stu­denti in piazza 

***

Dopo giorni di intensa mobi­li­ta­zione negli isti­tuti, e di appro­fon­dite ana­lisi con­sul­ta­bili anche in rete, tutte le orga­niz­za­zioni stu­den­te­sche hanno com­preso il rap­porto spe­cu­lare tra la «Buona scuola» del mini­stro dell’Istruzione Gian­nini e il Jobs Act del mini­stro del lavoro Poletti. La «Buona scuola» pre­vede la gestione mana­ge­riale degli isti­tuti, affi­data a un pre­side ple­ni­to­po­ten­zia­rio che diri­gerà una strut­tura gerar­chica dove i 148 mila pre­cari assunti solo dalle gra­dua­to­rie ad esau­ri­mento ver­ranno gestiti con le moda­lità del «lavoro a chia­mata» per­ce­pendo un aumento di sti­pen­dio in media ogni sei anni.

***

Leggi: Il Bluff del merito a scuola: pre­vi­sti tagli da 42 a 75 euro agli stipendi

***

Gli «scatti di com­pe­tenza» riguar­de­ranno solo il 66% dei docenti. Secondo alcune stime per­de­ranno fino a 75 euro al mese. Gli stu­denti cri­ti­cano anche la voca­zione «pro­fes­sio­na­liz­zante» del «modello tede­sco», quello dell’”alternanza scuola-lavoro”, che il governo vuole intro­durre negli isti­tuti tec­nici e pro­fes­sio­nali a disca­pito dei saperi cri­tici capaci di garan­tire un’autonomia per­lo­meno di pen­siero sul mer­cato del lavoro.

Il Jobs Act sem­bra invece rac­co­gliere i frutti di que­sta semina male­fica impo­nendo a tutti i neo-assunti il fan­to­ma­tico «con­tratto a tutele cre­scenti». Per gli stu­denti que­sta espres­sione allude ad una forma di pre­ca­rietà garan­tita per almeno tre anni, durante i quali l’impresa sarà libera di licen­ziarli in ogni momento. Alle loro ana­lisi non è sfug­gita l’aberrazione di que­sta visione: tanto più a lungo il sog­getto lavo­rerà, tante più tutele rice­verà in cam­bio. Ma se potrà essere licen­ziato su due piedi, in cam­bio di un’indennità com­mi­su­rata al periodo di lavoro, su quali tutele potrà contare?

Forte è il timore di una pre­ca­riz­za­zione defi­ni­tiva. Lo si è notato ieri a Palazzo Chigi dove la rete degli stu­denti medi ha fatto un blitz espo­nendo lo stri­scione: «Jobs Act non me lo posso per­met­tere». «Il governo ha appro­vato una riforma che non sostiene i gio­vani nel per­corso for­ma­tivo, ma ne pre­ca­rizza ulte­rior­mente il lavoro» ha detto Gian­luca Scuc­ci­marra, coor­di­na­tore nazio­nale dell’Udu. «La nostra con­di­zione sociale non può essere usata come uno slo­gan media­tico dal Pre­mier» ha aggiunto Alberto Irone, por­ta­voce della Rete degli stu­denti medi. «La Buona scuola apre le porte agli inte­ressi e ai finan­zia­menti delle imprese – sostiene Danilo Lam­pis, coor­di­na­tore dell’Unione degli Stu­denti – valuta e puni­sce stu­denti e docenti, assume la com­pe­ti­zione e le clas­si­fi­che pre­miali come unico fine». Gli stu­denti riven­di­cano una legge sul diritto allo stu­dio, mas­sicci inter­venti per il wel­fare uni­ver­sa­li­stico e il red­dito minimo, ele­menti assenti nel Jobs Act.

Al loro fianco oggi ci saranno i coor­di­na­menti dei docenti pre­cari e i Cobas che hanno dichia­rato lo scio­pero gene­rale. «Rifiu­tiamo i grot­te­schi scatti di merito e chie­diamo il man­te­ni­mento di quelli di anzia­nità» afferma il por­ta­voce Piero Ber­noc­chi. In piazza ci sarà anche la Flc-Cgil che, tra l’altro, denun­cia l’esclusione dalle assun­zioni degli abi­li­tati Tfa e Pas e degli altri pre­cari. A difesa della scuola pub­blica, e laica, sfi­le­ranno Rifon­da­zione, l’Arci Gay e il coor­di­na­mento «per la scuola della costi­tu­zione», una rete asso­cia­tiva che si oppone al «dise­gno auto­ri­ta­rio» con­te­nuto nella riforma costi­tu­zio­nale, oltre che in quelle del lavoro e della scuola. La mobi­li­ta­zione pro­se­guirà in rete. Oggi farà il suo esor­dio lo «scio­pero digi­tale». L’hashtag #fol­lo­w­the­strike s’intreccierà con #10o, #entrain­scena #non­servi e #lagran­de­bel­lez­za­sia­mo­noi. #IoNon­Ci­Sto è l’hashtag della rete Stu­dAut che par­te­ci­perà allo «scio­pero sociale» del 16 ottobre.



Related Articles

Si muore prima, ci si cura peggio

Rapporto salute. Per la prima volta nella storia d’Italia sta calando l’aspettativa di vita degli italiani, un fatto quasi inedito nel mondo occidentale

Marchionne, vittoria sul filo “Svolta storica a Mirafiori grazie ai lavoratori coraggiosi”

L’ad: bene il 54% di sì. Elkann: ora basta scontri.  Nella nota ufficiale l’azienda condanna le bugie che alcuni sindacati avrebbero diffuso Il pieno utilizzo dei 18 turni permetterà  di aumentare i salari di circa 3.500 euro l’anno. Sulle malattie si sono dette tante assurdità . Nessun diritto intaccato Mi auguro che chi ha votato no, messe da parte le ideologie, prenda coscienza dell’importanza di un accordo che salvaguarda le prospettive di tutti. Questa è la migliore risposta alle esasperazioni e bugie degli ultimi mesi. Porta chiusa agli estremismi. Abbiamo ricevuto critiche ingiuste e frustranti

 

Bando russo sull’import, la lista di Putin

La reazione di Putin. Il governo russo ha annunciato due giorni fa una serie di misure economiche, in risposta alle sanzioni decise dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment