Lavoro, sanità, i rischi del Ttip

Lavoro, sanità, i rischi del Ttip

Ambiente e indu­stria ali­men­tare. Il supe­ra­mento de facto del prin­ci­pio di pre­cau­zione che guida la rego­la­men­ta­zione euro­pea in mate­ria di pro­du­zione e con­sumo è uno dei prin­ci­pali obiet­tivi dei nego­zia­tori ame­ri­cani del Ttip. Tale supe­ra­mento allen­te­rebbe le restri­zioni sani­ta­rie ed ambien­tali rela­tive ai con­sumi – aprendo, ad esem­pio, alla pos­si­bi­lità di com­mer­cia­liz­zare pro­dotti ali­men­tari ame­ri­cani con­te­nenti OGM o altri tipi di sostanze attual­mente non con­sen­tite in Europa – ed alla pro­du­zione, favo­rendo le lobby del «frac­king gas».

Pro­prietà intel­let­tuale. Un obiet­tivo ulte­riore del Ttip – già ten­tato con il pre­ce­den­te­mente respinto Acta (Anti-Counterfeiting Trade Agree­ment) – è l’armonizzazione della rego­la­men­ta­zione Usa-Ue in mate­ria di pro­prietà intel­let­tuale. L’impatto che avrebbe tale com­po­nente del Trat­tato è quello di limi­tare in modo rile­vante il libero accesso alla cono­scenza sul web e di dare un potere enorme nella gestione dei dati per­so­nali alle grandi mul­ti­na­zio­nali del settore.

Set­tore sani­ta­rio e far­ma­ceu­tico. Sotto i colpi del Ttip potrebbe cadere un altro pila­stro della rego­la­men­ta­zione Ue, il Reach – Regu­la­tion on Regi­stra­tion, Eva­lua­tion, Autho­ri­sa­tion and Restric­tion of Che­mi­cals. In que­sto caso ad avere la meglio sareb­bero le mul­ti­na­zio­nali del set­tore chi­mico e, in par­ti­co­lare, di quello farmaceutico.

Finanza. I rap­pre­sen­tanti della finanza stanno chie­dendo agli esten­sori del Ttip di pre­ve­dere una «disci­plina» per la rego­la­men­ta­zione della finanza da parte degli stati. Ciò signi­fi­che­rebbe una limi­ta­zione alla dimen­sione ed alla per­va­si­vità della rego­la­men­ta­zione finan­zia­ria nei due bloc­chi. Que­sto aspetto del Trat­tato potrebbe essere foriero di una nuova dif­fu­sione di massa degli eredi di que­gli stru­menti finan­ziari pro­ta­go­ni­sti del crack della Leh­man Brothers.

Arbi­trato inter­na­zio­nale. Gra­zie al Ttip nasce­rebbe la pos­si­bi­lità per le mul­ti­na­zio­nali, qua­lora voles­sero con­te­stare una rego­la­men­ta­zione sta­tale o comu­ni­ta­ria strin­gente, di rivol­gersi ad un orga­ni­smo arbi­trale terzo dotan­dosi così di un potente mezzo per il con­tra­sto di poli­ti­che e leggi diver­genti dalle loro stra­te­gie azien­dali. Gli stati mem­bri dell’Unione euro­pea e degli Stati Uniti potreb­bero vedersi cata­pul­tati in breve tempo in con­ten­ziosi ana­lo­ghi a quelli che hanno visto con­trap­po­sti sin dagli anni ottanta molti Stati del Sud Ame­rica e le mag­giori mul­ti­na­zio­nali americane.



Related Articles

Pioggia di diserbanti su Gaza, Israele conferma «operazione di sicurezza»

aerei agricoli israeliani hanno irrorato con gli erbicidi almeno 150 ettari di terreni fertili palestinesi, distruggendo le coltivazioni di centinaia di famiglie

Le rivelazioni della stampa USA: notizie di Intelligence «Da Israele a Trump ai russi»

Stati uniti. Le rivelazioni del New York Times sulle informazioni di intelligence «passate a Mosca»

«Scudo euro, niente solidarietà  senza controlli»

Le condizioni di Merkel sull’Europa. Il governo: nessun allarmismo sui mercati

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment