Sciopero della logistica: «In Italia il facchino paura non ne ha»

Lo scio­pero gene­rale della logistica con­vo­cato ieri in tutto il paese dai sin­da­cati di base Si Cobas, Adl Cobas e Cobas lavoro pri­vato è riu­scito. Da Torino a Roma e Bolo­gna, in Veneto o in Friuli, le mobi­li­ta­zioni dei fac­chini in mag­gio­ranza immi­grati sono ini­ziate verso le 4 del mat­tino. Alle cin­que i camion in entrata e in uscita dall’Ikea sono stati bloc­cati, un’azione in soli­da­rietà con gli 11 lavo­ra­tori licen­ziati. Alle sei l’accesso ai magaz­zini di Sda, Gls e Tnt e al polo della logi­stica di Bre­scia sud era stato bloc­cato. L’Interporto di Bolo­gna è rima­sto fermo per sette ore men­tre i lavo­ra­tori hanno for­mato punti infor­ma­tivi per comu­ni­care le ragioni dello scio­pero. Nel mila­nese è stata bloc­cata la Ceva ad Albai­rate, la Dhl a Set­tala, la Dielle a Cascina dei Pecchi.

Sin dalle prime luci dell’alba, è stato bloc­cato l’hub del quar­tiere tibur­tino a Roma, vicino alla fer­mata della metro B Ponte Mam­molo. Lo scio­pero all’Sda ha riscosso il 100% delle ade­sioni. I fac­chini hanno orga­niz­zato un cor­teo in una zona a grande con­cen­tra­zione di sta­bi­li­menti e smi­sta­mento logi­stico. In Veneto e in Friuli sono stati bloc­cati i depo­siti di Tnt e Dhl a Padova, i magaz­zini Bar­to­lini a Tre­viso e a Pal­ma­nova, quelli Artoni a Cesena. Dall’altra parte dello sti­vale, a Teve­rola, fra Caserta e Napoli, il blocco dei can­celli è con­ti­nuato fino all’ora di pranzo. A Bagnoli, pre­cari, stu­denti e lavo­ra­tori hanno occu­pato alcuni edi­fici della Città della Scienza.

Un ciclo di lotte
Quello dei fac­chini è un ciclo di lotte che dura da almeno sei anni?.La sua cre­scita è stata accom­pa­gnata dal for­tu­nato slo­gan «Il fac­chino paura non ne ha». Meno coin­volti sono i cor­rieri e le altre figure pro­fes­sio­nali che lavo­rano nella logi­stica, set­tore fon­da­men­tale nel tra­sporto merci in un capi­ta­li­smo sem­pre più glo­ba­liz­zato. «Si lavora in magaz­zini in cui vige un incre­di­bile sfrut­ta­mento retto da un sistema di “subap­palto” tra­mite coo­pe­ra­tive, vero e pro­prio “capo­ra­lato” — si legge sul sito Cla­sh­ci­ty­wor­kers dove si pos­sono tro­vare inchie­ste su que­ste lotte— Le coo­pe­ra­tive, gra­zie alla coper­tura delle mul­ti­na­zio­nali com­mit­tenti, ricor­rono spesso al lavoro a chia­mata ed arri­vano a volte al vero e pro­prio furto di ore di lavoro».

Lo scio­pero di ieri ha mani­fe­stato anche una dimen­sione sociale intrec­cian­dosi con i cor­tei, i pre­sidi e le occu­pa­zioni dei col­let­tivi stu­den­te­schi, dei movi­menti della casa e dei cen­tri sociali che hanno mani­fe­stato con­tro la legge delega sul «Jobs Act» nell’ambito di uno «scio­pero sociale e metro­po­li­tano». Alle dieci del mat­tino, i col­let­tivi hanno rea­liz­zato bloc­chi alle entrate dell’università di Bolo­gna e hanno pra­ti­cato azioni di auto-riduzione alla mensa uni­ver­si­ta­ria. A Pisa gli scio­pe­ranti hanno par­te­ci­pato ad un cor­teo che ha attra­ver­sato la città. A Firenze gli stu­denti medi hanno mani­fe­stato nuo­va­mente con­tro la riforma della scuola. Cor­tei anche a Palermo, dov’è stato con­te­stato il Pd cit­ta­dino. A Napoli è stata occu­pata la sede regio­nale del par­tito del premier.

Dramma a Torino

A Torino, davanti ai can­celli del Caat, il grande cen­tro di smi­sta­mento dell’ortofrutta della pro­vin­cia, la ten­sione ha pro­vo­cato la morte per infarto di un com­mer­ciante di 49 anni di Givo­letto. Il tra­gico evento sem­bra essere dovuto ad un alterco con alcuni mani­fe­stanti che bloc­ca­vano una rotonda ad un chi­lo­me­tro dal pre­si­dio che bloc­cava i can­celli. Il Si Cobas e il Net­work anta­go­ni­sta tori­nese hanno comu­ni­cato la loro soli­da­rietà alla fami­glia del com­mer­ciante e respin­gono la rico­stru­zione gior­na­li­stica che adde­bita la sua morte alle ten­sioni tra mani­fe­stanti e forze di polizia.

«Le forze dell’ordine ci hanno con­ti­nua­mente accer­chiato, spinto e un po’ anche menato – sostiene sostiene Fran­ce­sco La Tor­raca (Si Cobas) — La ten­sione è scop­piata quando è uscito un camion ad alta velo­cità nono­stante lo scio­pero. Ma gli anta­go­ni­sti erano die­tro e sta­vano tran­quilli, i pro­ta­go­ni­sti della mani­fe­sta­zione sono stati i lavo­ra­tori. Non ci fos­sero stati gli anta­go­ni­sti sarebbe suc­cessa la stessa cosa se non peg­gio». «Al cen­tro del Caat non c’è nean­che un pre­si­dio sani­ta­rio — con­ti­nua La Tor­raca — Non capiamo per­chè, nono­stante la mani­fe­sta­zione in corso e le forze dell’ordine in assetto mili­tare, non ci fosse nep­pure un’ambulanza. Quella che ha soc­corso il povero ambu­lante è arri­vata dopo 45 minuti…». Il ritardo è stato negato dal 118, secondo cui l’ambulanza è giunta sul posto un quarto d’ora dopo la chia­mata, «di cui tra l’altro — fa sapere l’ufficio stampa — nove minuti di tra­gitto». Tor­raca è stato ascol­tato a lungo, in qua­lità di testi­mone in que­stura a Torino.

«La tra­ge­dia acca­duta sta­notte è il por­tato di una situa­zione non più tol­le­ra­bile di sfrut­ta­mento e impo­ve­ri­mento sociale – aggiun­gono gli anta­go­ni­sti tori­nesi — che sfo­cia in una guerra tra poveri dagli esiti disa­strosi. Per­ché si è deciso di affron­tare quello che si annun­ciava come un pic­chetto di lavo­ra­tori con moda­lità pro­prie di uno stato di poli­zia? E per­ché la Que­stura, nel mobi­li­tare numeri di que­sta por­tata (eser­ci­zio di forza para­go­na­bile a una mani­fe­sta­zione di diverse migliaia di per­sone), non si dota di almeno due ambu­lanze per i casi di emer­genza?». Nella serata di ieri sono stati rila­sciati quat­tro atti­vi­sti fer­mati durante il picchetto.

Le moti­va­zioni dello sciopero

Lo scio­pero gene­rale della logi­stica è stato con­vo­cato da un’assemblea nazio­nale dei lavo­ra­tori orga­niz­zata dai sin­da­cati di base il 21 set­tem­bre scorso. La piat­ta­forma dello scio­pero di ieri era con­tra­ria all’accordo rag­giunto dalla Fede­ra­zione Ita­liana Tra­spor­ta­tori (Fedit), l’organizzazione che rag­gruppa i mag­giori cor­rieri del paese, e i sin­da­cati con­fe­de­rali Cgil-Cisl e Uil. L’accordo è stato il frutto di una lunga trat­ta­tiva, ma anche il pro­dotto delle dure lotte dei fac­chini e dei sin­da­cati di base. Nella pre­messa si legge che le parti «con­di­vi­dono la neces­sità di inter­ve­nire nel set­tore degli appalti dei magaz­zini e delle ribalte per con­tra­stare la dege­ne­ra­zione del pro­cesso pro­dut­tivo». Si parla di un set­tore dove «si regi­stra un cre­scendo di con­flit­tua­lità fuori con­trollo». Accuse respinte dai sin­da­cati di base che riven­di­cano i loro accordi con le con­tro­parti rag­giunti in con­di­zioni ogget­ti­va­mente difficili.

L’accordo siglato il 13 feb­braio (leggi qui) potrebbe essere il sin­tomo di un avan­za­mento. Anche i sin­da­cati e la parte dato­riale con­ven­gono ormai sulla neces­sità di supe­rare la figura del socio lavo­ra­tore, uno dei punti dello scio­pero di ieri, tra­sfor­man­dolo in dipen­dente. I Cobas chie­dono, tra l’altro, garan­zie occu­pa­zio­nali nei cambi di appalto, l’integrazione piena per malat­tia e infor­tu­nio, l’applicazione degli ammor­tiz­za­tori ordi­nari nella logistica.



Related Articles

Tv, le mani del Fondo Clessidra su La7

 Il cda Telecom punta su Sposito (ex Fininvest). Il nodo dei conflitti d’interesse

 

Intervista al sociologo De Masi: «Ridurre l’orario è inevitabile e di sinistra. I rider si ribellino»

Il sociologo critica il «reddito» del M5s con cui collaborò: per 3 anni andava dato senza condizioni, non siamo in Germania. Ottimista sul futuro: la tecnologia ci costringerà a cambiare, il problema è distribuire la ricchezza

Nel risiko mediorientale tutti contro tutti

L’Iran spara missili vicino alla portaerei Usa nello Stretto di Hormuz. La Turchia crea una milizia sunnita in Iraq e Baghdad minaccia azioni militari. Riyadh attacca Mosca

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment