Il sentimento del controllo sociale

Il sentimento del controllo sociale

Così come avviene per qual­siasi pro­cesso messo in atto dall’essere umano allo scopo di rag­giun­gere una cono­scenza razio­nale, anche i ten­ta­tivi di sto­ri­ciz­zare il reale rive­lano un fascino sot­tile (ma indi­scu­ti­bile) nella piena con­trad­dit­to­rietà della pro­pria natura. Scissi tra l’aspirazione all’oggettività e la pos­si­bi­lità di essere sot­to­po­sti a una messa in discus­sione costante, essi appa­iono del tutto neces­sari alla com­pren­sione del pro­ce­dere umano, quanto neces­sa­ria­mente inca­paci di rive­larne l’essenza reale. D’altronde, la volontà di ripar­tire in sezioni com­piute e risolte, di attri­buire una sequen­zia­lità ordi­nata e coe­rente a quella massa informe di azioni ed epi­sodi che si aggro­vi­gliano nell’accadere quo­ti­diano, non può che cedere a inter­venti di appros­si­ma­zione più o meno volon­tari (se non con­ve­nienti) non­ché a for­mu­la­zioni molto effi­caci ma non ugual­mente esau­stive. Lo sanno bene — giu­sto per fare un esem­pio — quanti si sono pre­oc­cu­pati di indi­vi­duare una cro­no­lo­gia e, di con­se­guenza, una defi­ni­zione per la moder­nità e per il suo poste­riore supe­ra­mento, (il cui esau­ri­mento, a sua volta, sem­bra essere già stato segnato dalla perio­dica aggiunta di un ulte­riore post–).

ATTRA­VER­SARE LA STORIA

Se la Sto­ria è in gran parte una que­stione di for­mule e di nar­ra­zioni, alle quali con­tri­bui­scono — in maniera deci­siva — con­si­de­ra­zioni di carat­tere poli­tico, cul­tu­rale e morale, si potrà ben intuire in quale maniera il mondo occi­den­tale abbia prov­ve­duto a indi­vi­duare (nel per­corso di evo­lu­zione cro­no­lo­gica dell’uomo) epo­che di pro­gresso e di arre­tra­mento, di splen­dore e di panico, di fio­ri­tura arti­stica e di imbar­ba­ri­mento e per quali ragioni una visione a tal punto mani­chea della realtà possa essere stata assunta nell’opinione comune, spesso, in maniera quasi com­ple­ta­mente acri­tica. La volontà e, spe­cial­mente, il biso­gno di cre­dere in una società in grado di rag­giun­gere lo stato più ele­vato della per­fe­zione (secondo una visione costan­te­mente auto­re­fe­ren­ziale dell’esistere e dell’accadere) hanno indotto l’uomo con­tem­po­ra­neo a esal­tare, oltre misura, la carica pro­gres­si­stica di quei periodi sto­rici segnati da uno svi­luppo sen­si­bile della cul­tura e delle scienze, occul­tan­done i carat­teri dete­riori (o, in que­sto caso, quelli mag­gior­mente rea­zio­nari). Seb­bene l’immagine ste­reo­tipa che ne è stata pro­dotta rias­suma diver­sa­mente lo spi­rito del tempo, è pro­prio nel corso del Rina­sci­mento, così come durante il Secolo dei Lumi, che la società sem­bra essere inve­stita da ango­sce e da pro­fondi timori, come mette in luce Pier­franco Pel­liz­zetti in Sto­ria della paura: gli incon­fes­sa­bili retro­pen­sieri col­let­tivi dell’Occidente (Mime­sis, pp. 206, euro 18). A pren­dere campo, in que­sti casi, è «quell’involuzione nella rivo­lu­zione che avviene tutte le volte in cui la rimessa in moto di fat­tori mate­riali e spi­ri­tuali rompe le nic­chie ras­si­cu­ranti delle cer­tezze con­so­li­date in tra­di­zione (e) la mente si libera delle gab­bie protettive/ossessive create dal pen­siero magico/religioso. Si ini­zia ad avan­zare nell’ignoto. Una situa­zione che atter­ri­sce, che deter­mina paura del futuro».
Riat­tra­ver­sare l’Umanesimo, giun­gendo sino alla bat­ta­glia di Lepanto e all’Illuminismo rap­pre­senta, per l’autore, una stra­te­gia di inda­gine, atta a iden­ti­fi­care nuovi stru­menti di ana­lisi, più che a regre­dire sino a una visione cicli­ca­mente ripe­ti­tiva dell’accadere sto­rico. D’altronde quella che Pel­liz­zetti si pro­pone di rea­liz­zare, attra­verso que­sto volume, è una let­tura del tutto con­tem­po­ra­nea delle nostre fobie sociali e, in modo par­ti­co­lare, delle moda­lità e delle ragioni per le quali esse sono riu­scite ad avere una dif­fu­sione a tal punto capil­lare nel mondo occi­den­tale. Il pro­pa­garsi di una paura dice molto del con­te­sto che la ha gene­rata e, in par­ti­co­lar modo, dei sistemi di potere a esso sot­tesi. Non a caso «nella società com­plessa e pre­ca­ria, in cui viviamo attual­mente, (sono) venuti for­man­dosi stati ansio­geni di tipo total­mente diverso rispetto al pas­sato; nei piani alti della pira­mide sociale e secondo moda­lità — appunto — “com­ples­si­fi­cate”, in una sorta di ambi­gua dua­lità; di non facile inqua­dra­mento, in quanto mime­tiz­zate in quella zona gri­gia lad­dove il pen­siero domi­nante oscilla tra il con­sa­pe­vole e l’inconsapevole, tra il par­zial­mente apper­cet­tivo e il rela­ti­va­mente subli­mi­nale. Riflessi auto­ma­tici e rea­zioni fina­liz­zate che deter­mi­nano la dra­stica spac­ca­tura dell’Io plu­rale in due emi­sferi, net­ta­mente distinti: una parte fidu­ciosa e tut­tora orien­tata al futuro e un’altra timo­rosa e retro­versa». Due atti­tu­dini, que­ste, indub­bia­mente com­ple­men­tari e pari­menti neces­sa­rie all’esercizio di un potere che si serve della paura e della fidu­cia nella pos­si­bi­lità di eli­mi­narla — attra­verso il cre­scente svi­luppo tec­no­lo­gico — allo scopo di dire­zio­nare con­sa­pe­vol­mente il pen­siero col­let­tivo, verso posi­zioni pro­fon­da­mente rea­zio­na­rie. Paura, quindi, «come tec­nica di con­trollo sociale, atti­vato e incen­ti­vato da paure che si sono insi­nuate nella mente degli stessi controllori».

UN DIA­LOGO TRA LE FONTI

Dando vita a un eccel­lente dia­logo tra le fonti, Pel­liz­zetti rea­lizza (in modo par­ti­co­lare all’interno dei capi­toli ini­ziali) una ana­lisi di grande inte­resse, che rie­sce effi­ca­ce­mente a inqua­drare l’argomento da un punto di vista teo­rico. L’autore si rivela in grado, soprat­tutto, di sti­mo­lare una rifles­sione per nulla scon­tata sugli ele­menti di mag­gior rilievo poli­tico e cul­tu­rale, descri­vendo — anche gra­zie alla grande varietà di rife­ri­menti storico-letterari — una tra­iet­to­ria dal grande respiro sto­rico. Tut­ta­via, nel pro­ce­dere del discorso sem­bra disper­dersi la com­pat­tezza del pen­siero, impe­gnato in ana­lisi pro­gres­si­va­mente più spe­ci­fi­che e meno bril­lanti. Seb­bene atten­ta­mente com­pi­late, la sezione cen­trale del libro e quella con­clu­siva appa­iono (fatta ecce­zione per brevi pas­saggi) pre­ve­di­bili nella loro arti­co­la­zione e nei con­te­nuti, quando non visi­bil­mente infi­ciate dalle anti­pa­tie teo­ri­che e poli­ti­che dell’autore stesso.



Related Articles

Eataly Firenze, primo sciopero contro l’impresa (e la filosofia) new age di Farinetti

Il tempio del gusto. La protesta prosegue oggi. I protagonisti sono i giovani dipendenti che non vedranno rinnovato il loro contratto a fine agosto, così come il 50 per cento degli assunti dall’apertura del negozio nel dicembre 2013

Mutui, 240 mila famiglie in arretrato

Il decreto crea un doppio regime trattando diversamente chi è insolvente e subisce il pignoramento dei tribunali (52 mila l’anno) e chi lo sarà in futuro, con vendite in tempi più brevi ma estinzione garantita del debito

La legalità  spiegata dai nostri ragazzi

Il costituzionalista introduce l’iniziativa voluta da “Biennale Democrazia” La legalità  spiegata dai nostri ragazzi Da oggi al 23 maggio a Torino, una serie di appuntamenti Nel nome di Falcone e Borsellino 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment