Tsipras alla Cgil: «Sono con voi. Insieme per un’altra Europa»

La società ita­liana, i sin­da­cati, le per­sone e par­ti­co­lar­mente i gio­vani, hanno asso­luta ragione nel mani­fe­stare per difen­dere i diritti nelle rela­zioni di lavoro.

L’Europa oggi si trova di fronte ad un bivio impor­tante. Gli stru­menti uti­liz­zati per affron­tare la crisi eco­no­mica si sono dimo­strati disa­strosi. L’austerità può aver “levato dal fango” i ban­chieri, può aver aiu­tato i potenti ad assi­cu­rare i loro pro­fitti futuri, ma ha sca­ri­cato sui popoli la dispe­ra­zione. L’economia reale è intrap­po­lata in un cir­cuito di sta­gna­zione e nuovi pas­saggi della crisi eco­no­mica sem­brano minac­ciare l’eurozona.

Di fronte a que­sta strada senza uscita si sta for­mando un fronte che con­te­sta, per il momento ancora timi­da­mente, la ricetta dell’austerità. Cerca uno sbocco con altre pro­po­ste e un’altra poli­tica. Mette come con­di­zione per uscire dalla crisi la libe­ra­zione dei paesi euro­pei dal cap­pio delle severe limi­ta­zioni nella finanza pub­blica. Riven­dica l’offerta di liqui­dità come stru­mento prin­ci­pale per far ripar­tire l’economia. E que­sta pro­po­sta, che non si esprime solo nei diversi luo­ghi di dibat­titi e forum ma anche nei prin­ci­pali organi poli­tici dell’Europa, è una pro­po­sta giusta.

Però per chi far ripar­tire l’economia? Per far entrare il capi­tale in un nuovo ciclo di accu­mu­la­zione di pro­fitto? Per far rilan­ciare di nuovo i grandi affari del set­tore della finanza e del cre­dito? Per far tor­nare il sor­riso nei salotti di Davos? A ragione ogni per­sona delle milioni che vogliono sem­pli­ce­mente vivere digni­to­sa­mente del pro­prio lavoro alze­rebbe le spalle doman­dan­dosi «a me inte­ressa tutto questo?».

Dob­biamo essere molto chiari: rispon­dere alla domanda tra “liqui­dità” o “auste­rità” è fon­da­men­tale per affron­tare la crisi. Ma non basta. Altret­tanto impor­tante è anche la domanda “affron­tare la crisi per chi”? Que­sto deve essere già chiaro oggi. Riven­di­care dalla can­cel­liera Mer­kel l’allentamento delle poli­ti­che del fiscal compact offrendo in cam­bio l’abbassamento dei salari, il pre­ca­riato e la demo­li­zione dello stato sociale è una via di uscita che non inte­ressa la società.

La reto­rica del capi­ta­li­smo con­tem­po­ra­neo dei “liberi mer­cati” si basa sulle bugie. Eccone alcune: «La dimi­nu­zione dei salari porta lo svi­luppo eco­no­mico e que­sto nel lungo periodo è buono per tutti noi…», «L’arricchimento dei ric­chi è impor­tante per il benes­sere sociale…», «Il costo del lavoro è un osta­colo alla con­cor­renza dell’economia…». E anche: «Se lasce­remo i mer­cati liberi, per fare il loro gioco, tutto sarà equi­li­brato e comin­ce­ranno a svi­lup­parsi al meglio». Con tutte que­ste fal­sità l’Europa ha cam­mi­nato dal 1991 fino alla crisi del 2008, demo­lendo pro­gres­si­va­mente il con­tratto sociale che era stato costruito dopo la Seconda Guerra Mon­diale. Le vite delle per­sone sono peg­gio­rate, le dise­gua­glianze sociali sono aumen­tate, la disoc­cu­pa­zione e il pre­ca­riato sono esplosi. Con quale gua­da­gno? Ed oggi a tutti quelli che hanno sacri­fi­cato cosi tante cose gli anni scorsi si chie­dono ulte­riori sacrifici.

Ora è il momento della verità: non pos­siamo uscire dalla crisi basan­doci sulle fal­sità che ci hanno por­tato fin qua. L’uscita dalla crisi ci sarà solo con la società in piedi e forte. Uscire dalla crisi non signi­fica quindi vedere il miglio­ra­mento degli indici eco­no­mici e i dia­grammi con frecce che si alzano. Uscire dalla crisi signi­fica il diritto di tutti ad un lavoro digni­toso, il diritto all’istruzione, la salute e l’assistenza sociale.

L’agenda poli­tica che si forma in Europa con­tro l’austerità non deve rima­nere all’interno dell’allentamento dei vin­coli del fiscal com­pact. Que­sta agenda si deve allar­gare met­tendo sul tavolo i veri biso­gni delle per­sone. Però met­tere in primo piano i biso­gni umani non è una que­stione che può essere fatta dai quar­tieri gene­rali di poli­tici, eco­no­mi­sti e finan­zieri. Lo deve imporre la società con le sue lotte. Difen­dendo la dignità del lavoro. Costruendo la soli­da­rietà e l’unità tra i lavo­ra­tori e i disoc­cu­pati, le vec­chie e le nuove gene­ra­zioni, i popoli del Nord e del Sud. Costruendo fronti sociali e raf­for­zando sem­pre di più la voce dei deboli. Tra­sfor­mando con per­se­ve­ranza la dispe­ra­zione e la paura in ottimismo.

Una lotta di que­sto tipo è comin­ciata in Ita­lia per difen­dere il lavoro e i suoi diritti. Una lotta simile si sta svol­gendo in Gre­cia, dove il ripri­stino delle rela­zioni di lavoro che sono state can­cel­late, insieme alla lotta per affron­tare la crisi uma­ni­ta­ria e far ripar­tire l’economia e rego­lare il debito a livello euro­peo, sono parte dell’agenda del pro­getto poli­tico alter­na­tivo della Sini­stra. Lotte simili si svol­gono e si svol­ge­ranno ovun­que in Europa. Il loro suc­cesso è un com­pito comune per tutti le lavo­ra­trici e i lavo­ra­tori dell’Europa. Le bat­ta­glie che si fanno in ogni Paese, e in ogni par­ti­co­lare situa­zione sociale e poli­tica, sono bat­ta­glie di tutti noi. La soli­da­rietà è la nostra arma.

L’Europa dopo la crisi sarà una Europa nuova, demo­cra­tica e sociale.

*Pre­si­dente di Syriza e Vice­pre­si­dente del par­tito della sini­stra europea



Related Articles

Da Osama al Califfo Bruxelles al centro della tela estremista

Oltre 400 schedati. C’è chi ha preso parte alle decapitazioni. All’inizio dell’estate scorsa il primo fendente. Mehdi Nemmouche, francese, attacca il museo ebraico di Bruxelles, tre le vittime,

Modelli alternativi di nazioni in ascesa

Dal capitalismo comunista della Cina all’economia emergente del Brasile socialdemocratico. Gli esempi di sviluppo dell’area Bric devono far riflettere. Geopolitica: Est e Sud del mondo sfidano le idee dell’Occidente. Alle prediche sugli ideali le nuove superpotenze rispondono che prima vengono problemi come fame, lavoro e mortalità  infantile

Cgil pronta a riformare i contratti e scoppia la lite con la minoranza

Durata triennale, riduzione del loro numero, obbligo per tutti della contrattazione aziendale, tutela degli atipici La Camusso discute la bozza insieme alla Marcegaglia che avverte: nessun passo indietro

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment