Varese, agenti in tribunale per la morte di Uva. Ci sono voluti 6 anni

Varese, agenti in tribunale per la morte di Uva. Ci sono voluti 6 anni

Impu­tati, in aula. Sei anni e mezzo dopo la morte di Giu­seppe Uva, per la prima volta i due cara­bi­nieri e i sei poli­ziotti che lo arre­sta­rono e lo por­ta­rono nella caserma di via Saffi, var­cano le soglie dell’aula bun­ker del tri­bu­nale di Varese. Con­tro di loro le accuse sono pesan­tis­sime: omi­ci­dio pre­te­rin­ten­zio­nale, abuso di potere, arre­sto ille­gale e abban­dono d’incapace. Una vit­to­ria già così, visti i sei anni di fati­che dolo­ro­sis­sime patite dalla sorella della vit­tima, Lucia Uva, che in più occa­sioni si è scon­trata con i pro­cu­ra­tori Ago­stino Abate e Sara Arduini, che hanno messo sotto inchie­sta tutti (medici, gior­na­li­sti, la stessa Lucia) ma mai hanno voluto sfio­rare gli uomini in divisa: per loro ave­vano chie­sto due volte l’archiviazione, tro­vando sem­pre l’opposizione del gip di turno. Anche il pm che arrivò in loro sosti­tu­zione, Felice Isnardi, con­cluse che Giu­seppe non era stato pestato, ma, anche in que­sto caso, alla fine il gup Ste­fano Sala decise per il dibat­ti­mento in aula.

La gior­nata a Varese è comin­ciata con l’ammissione delle tele­ca­mere di Rai­tre e dei micro­foni di Radio Radi­cale, che potranno tra­smet­tere il pro­cesso in dif­fe­rita. La Corte d’Assise di Varese, pre­sie­duta dal giu­dice Vito Piglio­nica, ha anche ammesso i parenti di Uva come parti civili, esclu­dendo però l’associazione A Buon Diritto del sena­tore Luigi Man­coni. L’avvocato degli agenti (non­ché con­si­gliere regio­nale eletto con il Pdl) Luca Mar­sico ha cer­cato di opporsi a entrambe le istanze, par­lando aper­ta­mente di «pro­cesso media­tico» e cer­cando di met­tere subito sotto accusa lo stile di vita di Giu­seppe Uva.
Tutto era comin­ciato con una bra­vata, la notte del 14 giu­gno 2008, Giu­seppe e il suo amico Alberto Big­gio­gero, ubria­chi, sta­vano spo­stando una tran­senna in mezzo alla strada. Arrivò una pat­tu­glia, un agente disse: «Uva, pro­prio te cer­ca­vamo». Poi l’arresto, le ore in caserma tra urla e — secondo l’accusa — sevi­zie, il Tso, il rico­vero in ospe­dale e la morte.

Adesso sarà un pro­cesso a sta­bi­lire cosa suc­cesse quella notte. L’aspettativa è grande: tra il pub­blico si sono visti i ragazzi di Acad (Asso­cia­zione con­tro gli abusi in divisa), Dome­nica Fer­rulli (figlia di Michele, morto durante l’arresto, a Milano, nel 2011), Paolo Sca­roni (il tifoso del Bre­scia pic­chiato bru­tal­mente dalla celere dopo la par­tita, a Verona, nel 2005), oltre a Big­gio­gero: tutti lì a soste­nere Lucia Uva e la sua bat­ta­glia. C’era anche Gianni Tonelli, lea­der del Sap, a testi­mo­niare la soli­da­rietà sua e del sin­da­cato di poli­zia ai col­le­ghi finiti alla sbarra. Un copione che si ripete sem­pre uguale: furono pro­prio i mili­tanti del Sap a tri­bu­tare cin­que minuti con stan­ding ova­tion agli agenti con­dan­nati per l’omicidio Aldro­vandi, durante l’ultimo con­gresso, lo scorso aprile.

«La sua pre­senza non ci disturba – ha detto l’avvocato di Lucia, Fabio Ambro­setti — l’udienza è pub­blica, chiun­que può venire a vedere». La gior­nata, ad ogni modo, è stata buona: «A noi baste­rebbe una con­danna in primo grado per poter dimo­strare che quella notte ci furono vio­lenze. La Corte ci ha dato l’idea di voler fare in fretta». I primi testi­moni saranno sen­titi il pros­simo 14 novem­bre, a parte l’omicidio pre­te­rin­ten­zio­nale, tutti i reati con­te­stati agli agenti andranno in pre­scri­zione il 15 dicem­bre del 2015: c’è tempo per fare un pro­cesso, ma non per supe­rare tutti e tre i gradi di giudizio.



Related Articles

Prigionieri del degrado

Alcuni amici stranieri, attribuendomi una autorità  morale che forse non ho, mi rimproverano da tempo di non esprimere adeguata indignazione, adeguato richiamo etico, almeno adeguata segnalazione del senso del ridicolo rispetto allo spettacolo che va da mesi in onda nella nostra arena pubblica. Qualche scusante più o meno giustificativa penso di averla.

Rissa tra Pd e 5Stelle “Cacciate Pizzarotti con mail anonime”

Di Maio attacca: infantile il primo cittadino “Non siamo i dem, rispettiamo i nostri codici”

Armi in America, tutti i numeri della strage

nel periodo 2004–2013, sono 316.545 le per­sone morte da arma da fuoco sul suolo ame­ri­cano

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment