Cariche contro gli operai, un video smentisce Alfano

Cariche contro gli operai, un video smentisce Alfano

Che le cose non siano andate come gio­vedì scorso il mini­stro Alfano le ha rac­con­tate in par­la­mento, era chiaro a chiun­que abbia assi­stito alle cari­che della poli­zia con­tro gli ope­rai della Accia­ie­rie di Terni a piazza Indi­pen­denza, a Roma. Adesso, a smen­tire le parole del tito­lare del Vimi­nale ci sono però anche le imma­gini e soprat­tutto il sonoro di quei momenti con­ci­tati mostrate dome­nica sera dalla Rai durante le tra­smis­sione Gazebo.
Imma­gini girate da Diego Bian­chi e da un suo col­la­bo­ra­tore e che mostrano un fun­zio­na­rio ordi­nare agli agenti di cari­care a freddo, senza che il cor­teo degli ope­rai rap­pre­senti un peri­colo per nes­suno. Sequenze chiare, in cui l’ordine impar­tito agli agenti in tenuta anti­som­mossa, «Cari­cate. Cari­cate», risuona nitido nono­stante l’agitazione del momento. Ma soprat­tutto parole che con­fer­mano come Alfano abbia — con­sa­pe­vol­mente o meno — rife­rito al par­la­mento una verità defor­mata, e di come il mini­stro appaia essere cir­con­dato da per­sone che — quanto meno — non lo infor­mano in maniera cor­retta su quanto accade nel Paese. Come nel caso di Alma Sha­la­bayeva, moglie del dis­si­dente kazako Mukh­tar Ablya­zov, e della figliola di sei anni entrambe rapite dall’Italia e depor­tate in Kaza­ki­stan con l’aiuto dello stesso Vimi­nale. «Alfano prenda atto delle sue negli­genze e si dimetta», com­menta Gior­gio Airaudo, respon­sa­bile lavoro di Sel che insieme al M5S e Lega ha pre­sen­tato una mozione di sfi­du­cia nei suoi con­fronti. E per­fino il Pd si spinge a pren­dere posi­zione, anche se non diret­ta­mente con­tro Alfano. Lo fa il pre­si­dente del par­tito, Mat­teo Orfini, chie­dendo conto di quanto acca­duto al pre­fetto di Roma Giu­seppe Peco­raro: «Capi­sco che è impe­gnato ad annul­lare matri­moni — ha detto Orfini rife­ren­dosi alle pole­mi­che tra pre­fet­tura e Cam­pi­do­glio sui matri­moni gay — ma il pre­fetto potrebbe tro­vare un minuto per spie­gare le nuove imma­gini sulla carica».
Ieri, nell’amichevole cor­nice de «La tele­fo­nata di Bel­pie­tro», la tra­smis­sione che il diret­tore di Libero con­duce su Canale 5, Alfano ha pro­vato a met­tere fine alle pole­mi­che che lo riguar­dano appro­fit­tando del fatto che né da parte né della Cgil né della Fiom è arri­vata una richie­sta di dimis­sioni nei suo con­fronti. «Piut­to­sto che con­ti­nuare con le pole­mi­che, par­ti­rei dal con­senso arri­vato alle mie pro­po­ste da parte dell’Associazione fun­zio­nari di poli­zia, così come da Mau­ri­zio Lan­dini e da Susanna Camusso», ha detto il mini­stro rife­ren­dosi alla pro­po­sta di costi­tuire con sin­da­cati e forze di poli­zia un tavolo per­ma­nente per la gestione dell’ordine pub­blico durante la mani­fe­sta­zioni.
Ed è pro­prio la gestione della piazza che mer­co­ledì, durante la mani­fe­sta­zione degli ope­rai Ast, è man­cata. In par­la­mento Alfano ha giu­sti­fi­cato le vio­lenze della poli­zia con il fatto che alcuni fun­zio­nari avreb­bero rac­colto la voce secondo la quale gli ope­rai inten­de­vano diri­gersi verso la sta­zione Ter­mini per occu­parla. Alcuni di loro, inol­tre, una volta visto lo sbar­ra­mento oppo­sto dalla poli­zia al cor­teo, si sareb­bero dispersi nelle vie limi­trofe sem­pre nel ten­ta­tivo di rag­giun­gere la sta­zione. Pec­cato che non una delle cose dette da Alfano risulti dal video di Gazebo. Nelle imma­gini gli ope­rai par­tono in cor­teo tenendo uno stri­scione e dalle voci si sente chia­ra­mente che inten­dono rag­giun­gere il mini­stero dello Svi­luppo. La mossa però non piace alla poli­zia e un fun­zio­na­rio con giu­botto di pelle e occhiali scuri, senza ten­tare nes­suna trat­ta­tiva, ordina la carica. Seguono alcuni minuti di man­ga­nel­late e la rea­zione dei mani­fe­stanti. «Calma, siamo lavo­ra­tori», urla un ope­rai verso gli agenti. Inter­viene anche il segre­ta­rio della Fiom Lan­dini, che si rivolge ai poli­ziotti: «Siamo con voi, ma cosa state facendo?», dice. Un altro fun­zio­na­rio gli chiede: «Dove volete andare?». «Al mini­stero», risponde Lan­dini. «Dite­celo, allora, dite­celo» è la replica.
Mer­co­ledì pome­rig­gio la Camera discu­terà la mozione di sfi­du­cia pre­sen­tata con­tro Alfano da Sel, M5S e Lega. Ieri però sul sito di Beppe grillo è apparsa un’intervista a un sin­da­ca­li­sta del Con­sap, sin­da­cato auto­nomo di poli­zia, in cui si afferma che «un mani­polo di mani­fe­stanti acce­lera e va con­tro i poli­ziotti, cer­cando di for­zare il cor­done». Una rico­stru­zione che non appare da nes­suna parte.



Related Articles

I fondi Ue che l’Italia non sa spendere

Bruxelles. Ci sono a disposizione 114 miliardi di finanziamenti europei per lo sviluppo e il lavoro

Nei conti di Praga gli affari segreti I pm: più tempo per le rogatorie

MILANO — Sta a Praga una delle chiavi della porta del carcere di Antonio Simone, almeno nella visione della Procura milanese che venerdì ha chiesto al gip una proroga straordinaria di tre mesi della custodia cautelare (altrimenti in scadenza ordinaria il prossimo sabato 13 ottobre dopo 6 mesi di carcere) per il ciellino ex assessore regionale dc negli anni 90, che, dopo aver abbandonato la politica attiva, è divenuto imprenditore immobiliare e consulente in legislazione sanitaria.

Sui ministri il gelo di manager e banchieri “Avevamo pensato di alzarci e andare via”

A Cernobbio, nelle sale del Workshop Ambrosetti, pochi applausi e molto scetticismo per i rappresentanti del governo.  Imbarazzo quando il ministro Romani parla di “manovra da 131 miliardi”, sommando le bozze. L’esecutivo non sa realizzare misure impopolari, ma che per gli imprenditori sono necessarie 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment