Ecco come l’Italia viola il Trattato di non proliferazione nucleare

Ecco come l’Italia viola il Trattato di non proliferazione nucleare

 

Per la seconda volta con­se­cu­tiva si è svolta in Ita­lia la Stea­d­fast Noon (Mez­zo­giorno riso­luto), l’esercitazione Nato di guerra nucleare: nel 2013 ad Aviano (Por­de­none), quest’anno a Ghedi-Torre (Bre­scia), dove si cele­bra il 50° anni­ver­sa­rio dello schie­ra­mento di armi nucleari sta­tu­ni­tensi in que­sta base

Alla Stea­d­fast Noon 2014, svol­tasi nell’ultima decade di otto­bre, hanno preso parte Stati uniti, Ita­lia, Polo­nia, Ger­ma­nia, Bel­gio, Olanda e Tur­chia. L’elemento di novità è stata la par­te­ci­pa­zione, per la prima volta a una eser­ci­ta­zIone nucleare, di cac­cia­bom­bar­dieri F-16 polacchi.

Sotto comando Usa, i cac­cia­bom­bar­dieri si sono eser­ci­tati all’attacco con le B61, le bombe nucleari sta­tu­ni­tensi stoc­cate a Ghedi e ad Aviano in un numero sti­mato in 70–90. Quante ve ne siano effet­ti­va­mente è segreto militare.

Quello che uffi­cial­mente si sa è che le B61 saranno tra­sfor­mate da bombe a caduta libera in bombe «intel­li­genti» B61-12, che potranno essere sgan­ciate a grande distanza dall’obiettivo.

La B61-12 a guida di pre­ci­sione, il cui costo è pre­vi­sto in 8–12 miliardi di dol­lari per 400–500 bombe, si con­fi­gura come un’arma poli­va­lente, con una potenza media di 50 kilo­ton (circa quat­tro volte la bomba di Hiro­shima). Essa svol­gerà la fun­zione di più bombe, com­prese quelle pro­get­tate per «deca­pi­tare» il paese nemico, distrug­gendo i bun­ker dei cen­tri di comando e altre strut­ture sot­ter­ra­nee in un «first strike» nucleare.

A tale scopo la B61-12 «sarà inte­grata col cac­cia F-35 Joint Strike Fighter».

I cac­cia­bom­bar­dieri polac­chi, che hanno preso parte in Ita­lia all’esercitazione di guerra nucleare, sono stati tra­sfe­riti a Ghedi dalla base aerea di Lask in Polo­nia, dove la U.S. Air Force ha schie­rato un distac­ca­mento dalla base aerea di Spang­da­hlem in Ger­ma­nia. A Spang­da­hlem ha sede anche il 52° Muni­tions Main­te­nance Group, inca­ri­cato della manu­ten­zione delle circa 200 bombe nucleari sta­tu­ni­tensi stoc­cate in Ger­ma­nia, Ita­lia, Bel­gio, Olanda e Turchia.

Decol­lando dalla base di Lask, un cac­cia sta­tu­ni­tense F-16, armato di bombe nucleari, può rag­giun­gere l’exclave russa di Kali­nin­grad in 12 minuti e Mosca in meno di un’ora.

Gli F-16 che la Polo­nia ha acqui­stato dalla sta­tu­ni­tense Loc­kheed, spen­dendo 5 miliardi di dol­lari, ven­gono ora armati con mis­sili da cro­ciera Agm-158 della stessa Loc­kheed, in grado di distrug­gere con le loro testate pene­tranti posti di comando sot­ter­ra­nei a 400 km di distanza. E i piloti polac­chi degli F-16 ven­gono con­tem­po­nea­mente adde­strati all’attacco nucleare.

Mosca non sta a guar­dare: alla fine di otto­bre, circa 25 cac­cia e bom­bar­dieri russi hanno sor­vo­lato il Mar Bal­tico, il Mare del Nord e l’Atlantico per dimo­strare la loro capa­cità di col­pire obiet­tivi in Polo­nia e in altri paesi della Nato.

L’Italia, ospi­tando armi nucleari sta­tu­ni­tensi ed eser­ci­ta­zioni di guerra nucleare, viola il Trat­tato di non-proliferazione delle armi nucleari rati­fi­cato nel 1975.

Esso viene vio­lato da tutti gli altri par­te­ci­panti alla Stea­d­fast Noon, che hanno rati­fi­cato il Tnp.

Gli Stati uniti, quale Stato in pos­sesso di armi nucleari, sono obbli­gati dal Trat­tato a non tra­sfe­rirle ad altri (Art. 1).

Italia, Polonia, Germania, Belgio, Olanda e Turchia, quali stati non-nucleari, hanno secondo il Trattato l’obbligo di non riceverle da chicchessia (Art. 2).

Il 29 otto­bre, men­tre gli F-16 polac­chi par­te­ci­pa­vano in Ita­lia all’esercitazione di guerra nucleare, il pre­si­dente Napo­li­tano rice­veva al Qui­ri­nale il pre­si­dente polacco Komo­ro­w­ski, dichia­rando che «la Polo­nia con­di­vide con noi le forti spinte ideali del pri­mi­ge­nio pro­getto euro­peo basato sulla pace».



Related Articles

Siria. Continuano i combattimenti e gli ultimatum turchi contro Assad

Ankara dà tempo a Damasco fino a fine mese per lasciare la provincia di Idlib. Intanto, secondo media russi, le truppe turche avrebbero aperto il fuoco contro caccia di Mosca

Israele fa il suo test di guerra

Misterioso raid aereo al confine tra Siria e Libano. Probabile obiettivo Hezbollah. È la scintilla di un conflitto che si allarga? Aleppo, accuse incrociate sull’ultima strage

Se Obama è costretto a riscoprire l’Europa

Vladimir Putin ha costretto Barack Obama a riscoprire una sorta di centralità dell’Europa.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment