Eternit, prescrizione e pietra tombale

La paura era rima­sta lì, ferma, come un groppo in gola, per tutto il viag­gio. Con­ge­lata da un’inossidabile spe­ranza. «Vogliamo giu­sti­zia e siamo con­vinti che l’avremo, dopo 35 anni di lotte», sus­sur­rava Romana Bla­sotti (cin­que cari morti di meso­te­lioma), prima di entrare nei cor­ri­doi del Palaz­zac­cio. Con lei, a Roma per l’udienza in Cas­sa­zione, sono arri­vati tanti fami­liari delle vit­time dell’amianto: da Casale Mon­fer­rato, la città mar­tire (50 casi di meso­te­lioma l’anno), Cava­gnolo, Bagnoli e Rubiera. Ma anche dall’estero: Bra­sile, Fran­cia, Bel­gio, Sviz­zera, Inghilterra.

D’altronde sul maxi-processo Eternit, detto «del secolo», sono stati pun­tati gli occhi di mezzo mondo. Per­ché per la prima volta veniva pre­vi­sto il dolo in una causa di morti sul lavoro (per la Thys­sen soprav­vis­suto solo in primo grado), in que­sto caso 3000 vit­time fino al 2008, 2200 morti e 800 malati. Sul banco degli impu­tati, il miliar­da­rio sviz­zero Ste­phan Sch­mi­d­heiny, con­dan­nato, dalla Corte d’appello di Torino, a 18 anni di reclu­sione per disa­stro ambien­tale doloso per­ma­nente. Pur­troppo le strade che por­tano alla giu­sti­zia sono imper­vie e tutt’altro che infi­nite. La realtà è diversa. La Prima sezione penale della corte di Cas­sa­zione ha annul­lato il pro­cesso, acco­gliendo la richie­sta del sosti­tuto pro­cu­ra­tore gene­rale (colui che, qui, rap­pre­senta l’accusa) Fran­ce­sco Iaco­viello, che a fine requi­si­to­ria aveva detto: «Il pro­cesso deve essere annul­lato senza rin­vio della con­danna a Sch­mi­d­heiny per­ché tutti i reati sono pre­scritti». Insomma, una pie­tra tombale.

Non ci crede quasi Bruno Pesce, coor­di­na­tore della ver­tenza amianto, prende fiato, la rab­bia è tanta. Cerca di con­tat­tare la segre­ta­ria della Cgil Susanna Camusso, poi denun­cia: «Noi, movi­mento con­tro l’amianto insieme al team gui­dato dal pro­cu­ra­tore Gua­ri­niello, abbiamo cer­cato di essere pio­nieri in mate­ria. Invece, non si è avuto corag­gio: nei disa­stri ambien­tali le morti con­ti­nuano oltre alla chiu­sura della fab­brica. Il pol­ve­rino sparso per tutto il ter­ri­to­rio con­ti­nua a ucci­dere. L’amianto – con­ti­nua Pesce – è una bomba a oro­lo­ge­ria a lungo periodo, non è pos­si­bile che coloro che l’hanno inne­scata siano trat­tati come dei gran signori. Come pos­siamo pre­scri­vere tutto? La richie­sta del pg è incom­pren­si­bile. È ora che in Ita­lia si apra un serio dibat­tito sul tema dell’ingiustizia».

I timori aleg­gia­vano da tempo tra le asso­cia­zioni di fami­liari. Gli esiti del caso Cuc­chi e del dibat­ti­mento sull’Aquila ave­vano tur­bato anche i più otti­mi­sti. Nella sua requi­si­to­ria, il pg Iaco­viello ha sot­to­li­neato come «l’imputato Sch­mi­d­heiny sia respon­sa­bile di tutte le con­dotte che gli sono state ascritte». Ma il pro­blema è «che il giu­dice tra diritto e giu­sti­zia deve sem­pre sce­gliere il diritto». Aggiun­gendo: «La pre­scri­zione non risponde a esi­genze di giu­sti­zia ma ci sono momenti in cui diritto e giu­sti­zia vanno da parti oppo­ste». Quasi un déjà vu per un pro­cu­ra­tore gene­rale avvezzo a richie­ste simili. Negli anni ha chie­sto di sal­vare dalla con­danna Dell’Utri, Andreotti, Squil­lante, Man­nino e De Gen­naro. Nel cur­ri­cu­lum ora si aggiunge Ste­phan Sch­mi­d­heiny, classe 1947 magnate sviz­zero (tra i 500 uomini più ric­chi del mondo), in esi­lio volon­ta­rio in Costa Rica, ammi­ni­stra­tore dele­gato del Gruppo Eternit dal 1976. Un mana­ger che sep­pur cono­scesse il rischio letale della lavo­ra­zione decise di pro­se­guirla. In Cas­sa­zione, Sch­mi­d­heiny è stato difeso dall’avvocato Astolfo Di Amato e da Franco Coppi, legale di Sil­vio Ber­lu­sconi nel pro­cesso Mediaset.

Il pg Iaco­viello ha sot­to­li­neato le discre­panze nelle sen­tenze di primo grado e appello. In Corte d’assise si è spe­ci­fi­cato come il disa­stro cessi quando ter­mina l’intera boni­fica; in secondo grado dal momento in cui non ci saranno morti. Capo­volto, inol­tre, l’impianto di Gua­ri­niello, giu­di­cato dal pg “pio­nie­ri­stico”. Le morti, per Iaco­viello, non fareb­bero parte del con­cetto di disa­stro. «Per reati come il disa­stro “silente” o “inno­mi­nato” come quello delle morti per amianto che ha una latenza di decenni, o per l’omicidio stra­dale ser­vono nuove leggi e l’intervento del legi­sla­tore per­ché non sono più gesti­bili con le cate­go­rie di reato tradizionali».

Tri­ste finale per tutta la lotta all’amianto. Le fami­glie delle vit­time se ne tor­nano a casa e tutto quello che pos­sono fare è gri­dare in Aula: «Ver­go­gna, vergogna».



Related Articles

Troppo basso il salario minimo è sciopero nei fast food Usa

Stop in cinquanta città americane: i lavoratori chiedono 15 dollari all’ora e un sindacato autonomo

Siriani tra sospetti e voglia di integrazione

Turchia. Come vivono i quasi tre milioni di profughi in Turchia

Se lo psichiatra finisce in carcere per il delitto commesso dal paziente

 Polemiche anche in Italia dopo la condanna di un medico francese   

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment