Manovra, tanti nodi da sciogliere

Manovra, tanti nodi da sciogliere

Una lunga gior­nata di vota­zioni nomi­nali, con i depu­tati che aspet­tano fuori dall’aula o si accam­pano sugli scranni in attesa di essere chia­mati a sfi­lare sotto la pre­si­denza. Pochi inter­venti, tra una fidu­cia e l’altra: alla fine saranno tre, senza pro­blemi né sor­prese. Ma non è ancora la fine, dal momento che oggi la camera deve votare la legge di sta­bi­lità nel suo com­plesso e prima ancora la bel­lezza di 306 ordini del giorno legati alla mano­vra. Clas­sica mano­vra di ostru­zio­ni­smo, ver­rebbe da pen­sare: ma con i numeri di Mon­te­ci­to­rio si trat­te­rebbe di una bat­ta­glia vana e poi il via libera defi­ni­tivo alla mano­vra è già fis­sato per sta­sera (domat­tina al mas­simo) per­ché al senato sono pronti a par­tire da mar­tedì. Invece gli ordini del giorno sono per la mag­gior parte fir­mati da depu­tati della mag­gio­ranza. È il segnale che restano molte que­stioni aperte e molte richie­ste dei gruppi che andranno affron­tate al senato. Anche la mino­ranza del par­tito demo­cra­tico, che nell’occasione imme­dia­ta­mente pre­ce­dente del «Jobs act» aveva con­tato una tren­tina di dis­sensi alla camera, sulla legge di sta­bi­lità si è alli­neata rin­viando i ten­ta­tivi di modi­fica più impor­tanti al senato.

La tas­sa­zione sui fondi pen­sione e sull’anticipo del Tfr, i con­tri­buti minimi dei lavo­ra­tori auto­nomi, l’Irap. Per non dire del canone Rai. Sono que­sti gli argo­menti che il senato, dove i numeri per la mag­gio­ranza sono assai meno tran­quilli della camera, dovrà affron­tare. Oltre alla «local tax», una tassa unica sugli immo­bili che secondo la pro­po­sta del Nuovo cen­tro­de­stra dovrebbe accor­pare (e ridurre) la com­pli­cata tas­sa­zione muni­ci­pale sulle case. I tre voti di fidu­cia di ieri — ai quali i depu­tati del Movi­mento 5 stelle hanno scelto di non par­te­ci­pare — ancora non bastano. La legge di sta­bi­lità dovrà tor­nare alla camera per l’approvazione defi­ni­tiva, entro natale.

Ma intanto è ancora una dichia­ra­zione del pre­si­dente del Con­si­glio a sol­le­vare pole­mi­che. In un video­mes­sag­gio all’assemblea della Cna, la Con­fe­de­ra­zione dell’artigianato e della pic­cola impresa, Renzi si è così rivolto alla pla­tea: «Cia­scuno di voi è un impren­di­tore, un arti­giano, un lavo­ra­tore. Sa per­fet­ta­mente che par­tire la mat­tina con il grido “tanto non ce la faremo mai”, non è sol­tanto fru­strante, rende impos­si­bile l’impresa. Chi la mat­tina si alza e prova a fare il suo mestiere, e lo fa met­ten­dosi in gioco tutto, è un eroe dei tempi nostri, è un eroe della quo­ti­dia­nità». La tra­du­zione delle prime agen­zie e dei siti inter­net è appena un po’ sbri­ga­tiva — Renzi: gli impren­di­tori sono gli eroi del nostro tempo — ma non sba­glia nel cogliere il fatto che il pre­mier rivol­geva i suoi com­pli­menti a un’assemblea di impren­di­tori, defi­nendo loro «lavo­ra­tori». In ogni caso monta una pole­mica con la Cgil e con altri sin­da­cati, del resto sono i giorni cal­dis­simi che pre­ce­dono il pas­sag­gio del Jobs act al senato e lo scio­pero gene­rale. Rivol­gen­dosi agli arti­giani e pic­coli impren­di­tori riu­niti a Miran­dola, in pro­vin­cia di Modena — signi­fi­ca­ti­va­mente in un capan­none di un’azienda metal­mec­ca­nica rico­struito dopo il ter­re­moto del 2012 — Renzi vanta una «ridu­zione di 18 miliardi del carico fiscale», nelle sue parole «l’inizio di un pro­cesso rivo­lu­zio­na­rio». Come si sa il con­teg­gio è assai con­te­stato dal momento che i tagli alle regioni e ai comuni si tra­du­cono e si tra­dur­ranno in aumenti delle tas­sa­zioni locali. In ogni caso Renzi insi­ste: «La nostra parte la fac­ciamo sem­pli­fi­cando il sistema fiscale, anche per­ché vor­rei vedere come si fa a ren­derlo più com­pli­cato il sistema fiscale italiano».

La frase sull’«eroismo» impren­di­to­riale non suscita solo le rea­zioni del sin­da­cato, incon­tra anche la fred­dezza degli stessi impren­di­tori. «Que­sti eccessi non fanno bene al paese, Renzi sba­glia», dice l’industriale e depu­tato mon­tiano Alberto Bom­bas­sei. «Tutti gli ita­liani sono eroi in que­sto momento, sono pole­mi­che ste­rili», com­menta il pre­si­dente della Con­fin­du­stria Gior­gio Squinzi. Da palazzo Chigi invi­tano a leg­gere le parole di Renzi come rivolte anche ai lavo­ra­tori. Sarebbe bastato ascol­tare la frase per intero — com­men­tano alla pre­si­denza del Con­si­glio, evi­den­te­mente pre­oc­cu­pati dalla piega delle pole­mi­che — per evi­tare frain­ten­di­menti, for­za­ture o stru­men­ta­liz­za­zioni. Stessa pun­tua­liz­za­zione che arriva dalla segre­te­ria del Pd: «Voler pole­miz­zare a tutti i costi non gioca al paese». Da tenere a mente.



Related Articles

La faccia tosta di Renata sui manifesti dell’impunità 

   CON l’incredibile slogan “Ora facciamo pulizia!” la sporcatissima Renata Polverini è, stilisticamente parlando, la prima allieva non siciliana di Totò Cuffaro che, arrestato per mafia, lanciò lo slogan “la mafia fa schifo”.

“E’ vero, il Sismi spiava i giornalisti di Repubblica”

L’interrogatorio di Marco Mancini, capo del controspionaggio (La Repubblica, 4 ottobre 2006) Il racconto dello 007 Mancini ai magistrati di

«Monti rischia, il Nord lo farà  fuori»

Bossi attacca. Poi corregge: volevo dire che non è amato perché ci porta i mafiosi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment