Il Papa e le periferie: dialogo, non violenza tra italiani e migranti

Il Papa e le periferie: dialogo, non violenza tra italiani e migranti

ROMA «Invito le istituzioni ad assumere come priorità quella che ormai costituisce un’emergenza sociale e che, se non affrontata al più presto, rischia di degenerare sempre di più». Le periferie delle città — attraversate dalle tensioni degli ultimi giorni — sono nel cuore di papa Francesco: durante l’Angelus in piazza San Pietro il Pontefice ricorda «di non cedere alla tentazione dello scontro» e «di respingere ogni violenza». Italiani e immigrati devono «dialogare, ascoltarsi, progettare insieme, e così superare il sospetto e il pregiudizio e costruire una convivenza sicura, pacifica, inclusiva».
La tensione, a Roma, rimane alta: a Tor Sapienza, teatro degli scontri dei giorni scorsi, come all’Infernetto, dove è stata trasferita la maggior parte dei minorenni del centro d’accoglienza, e all’Alessandrino, dove la protesta si organizza in queste ore. In diretta con Lucia Annunziata, durante la trasmissione In mezz’ora su Rai3, il sindaco Ignazio Marino — che subito dopo si è presentato all’Infernetto per disinnescare le manifestazioni — schiva la bufera politica che lo attanaglia: si dice «convinto di potercela fare, stiamo cambiando la città». L’incontro a metà settimana con il vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini, si annuncia decisivo. Di certo Marino «apre» al cambiamento della squadra, ma vorrebbe limitarsi a qualche modifica; il Pd chiede cambiamenti sostanziali, inclusa la poltrona di vicesindaco. Prossimi giorni decisivi: martedì il consiglio comunale sul Pandagate (Marino pare aver pagato le multe), mercoledì il vertice al Nazareno. Di certo agli alleati di centrosinistra non avranno fatto piacere le parole sulle città governata male per quarant’anni: «Tor Sapienza è una zona trascurata da decenni. Problemi che in alcuni casi, come la raccolta dei rifiuti, il decoro, erano stati lasciati senza soluzione dal 1963». Il sindaco, soprattutto, pare sull’orlo di una svolta «da sceriffo», come fa notare Lucia Annunziata: «Continuare ad accogliere con questi numeri di arrivi di immigrati per Roma è impossibile. Chi non rispetta le leggi — dice Marino — va mandato fuori dall’Italia». Il vicepresidente del Senato, Roberto Calderoli: «Dubito che abbia ragione il Papa, gli immigrati vadano in Vaticano: là non se ne trovano…». Dall’Australia, anche il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, parla del dramma delle periferie «troppo spesso dimenticate. Nel 2015 presenteremo un progetto specifico».
Alessandro Capponi
Rinaldo Frignani


Related Articles

Demir­tas entra a Cizre. Testimonianza di avvocata italiana: «È assedio e strage»

Il lea­der del Par­tito demo­cra­tico dei Popoli (Hdp) Sela­hat­tin Demir­tas è entrato a Cizre ieri mat­tina. Hanno avuto effetto gli appelli del Con­si­glio d’Europa alle auto­rità tur­che

I morti di Lampedusa e la questione mediterranea

3 ottobre. Il festival Sabir forse non eviterà nuove stragi, ma è un lavoro che parte da lontano. E dimostra che solo il dialogo e un compromesso tra le due sponde cambieranno l’approccio al problema

Francia: bombe e confusione diplomatica in Siria

Hollande apre alla Russia, ma per la Francia Assad deve andarsene. Domenica primi bombardamenti aerei francesi nell’est siriano,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment