«Sapevano che la polvere era nociva» Così Guariniello punta sulle aggravanti

«Sapevano che la polvere era nociva» Così Guariniello punta sulle aggravanti

 TORINO La carta segreta era pronta da luglio. Gli interrogativi sul che fare, come ricominciare dopo una mazzata come quella della Cassazione finiscono con l’annuncio della Procura. Altra inchiesta, il solito sospetto, e obiettivi meno ambiziosi.
L’avviso di chiusura delle indagini è stato recapitato al destinatario di sempre, Stephan Schmidheiny, il magnate svizzero che fu amministratore delegato di Eternit. Le accuse nei suoi confronti sono ancora peggio di quelle dell’inchiesta appena cassata a Roma, omicidio volontario continuato e pluriaggravato. In questo nuovo capitolo giudiziario, che riguarda 256 decessi avvenuti tra il 1976 e il 1986, conta molto la contestazione delle aggravanti, che se accolte porterebbero in via ipotetica alla pena dell’ergastolo. L’aver agito con «mezzo insidioso», è senz’altro una definizione inedita del terribile polverino, senza aver informato la cittadinanza dei rischi che correva. E poi i classici motivi futili e abbietti: «Ha indubbiamente commesso il fatto per fini di lucro».
Il nesso di causa ed effetto con la sentenza di mercoledì sera è innegabile. L’annuncio della nuova inchiesta ha anche un indubbio effetto placebo verso quei familiari delle vittime che ieri sono tornati ai loro paesi viaggiando nella notte su pullman dove non parlava nessuno. Senza speranza, senza qualcosa cui aggrapparsi, non resta che la disperazione. Raffaele Guariniello, uomo di calcolo e non di emozioni, ha messo nel conto le eventuali critiche per una tempestività che certo non può essere attribuibile al caso. Ma per una volta ha deciso che ne valeva la pena. Le circostanze, e la cupezza indotta ai diretti interessati dalla sentenza della Cassazione erano davvero eccezionali.
«Agendo con coscienza e volontà cagionava la morte di 256 tra lavoratori operanti presso i predetti stabilimenti, familiari degli stessi e cittadini residenti nelle zone limitrofe». Schmideheiny «fu consapevole» del fatto che il mesotelioma è una patologia dalla prognosi infausta correlata all’amianto, che le sedi italiane di Eternit «presentavano condizioni di polverosità enormemente nocive» e che le risorse finanziarie investite erano esigue. «E ciò malgrado, per mero fine di lucro» decise di continuare l’attività, di non modificare lo stato dei suoi stabilimenti e di risparmiare «sulle gravose spese» indispensabili per una radicale revisione degli impianti, omettendo l’informazione e la formazione dei lavoratori sul pericolo che correvano per consentire la fornitura di amianto a privati ed enti pubblici «per giunta inducendo un’esposizione di fanciulli e adolescenti anche durante le attività ludiche».
L’avviso di conclusione delle indagini sembra quasi una invettiva nei confronti dello «svizzero». Ma i toni duri, seppur filtrati dal linguaggio giuridico, nascondono un cambio di strategia che non è stato certo deciso ieri e anche ambizioni più modeste e concrete. Il processo appena naufragato aveva in qualche modo esplorato le frontiere della giurisprudenza, inseguendo la prima condanna in Italia e non solo di un imprenditore per disastro doloso relativo all’amianto. Sarebbe stata una sentenza storica generata soprattutto da uno stato di necessità. Nel 2004, quando cominciarono le indagini del maxi processo appena naufragato, i magistrati torinesi si trovarono a un bivio. Davanti alla possibilità di esaminare centinaia e centinaia di singoli casi procedendo per omicidio, reato non prescrivibile, scelsero di tenere tutto insieme e intrapresero il cammino più veloce, ma anche più impervio, del processo per disastro. Sappiamo come è andata a finire. Adesso per tenere viva la speranza di giustizia non resta che la strada più lunga.


Related Articles

La nuova Resistenza contro i muri dell’Europa

Assieme a quello di Lampedusa, il sindaco Giuliano Pisapia, alla sua ultima uscita per la festa della Liberazione, ha messo l’accento sulla necessità di accogliere chi fugge dalla guerra e dalla miseria

Una perizia accidentale

La vicenda di Stefano Cucchi è stata ridimensionata a uno dei tanti casi di mala-sanità . Stefano Cucchi sarebbe morto perché dopo essere probabilmente scivolato, come spesso capita alle persone arrestate o carcerate, sarebbe stato malnutrito dai medici. Dopo tre anni è arrivata la superperizia che di super ha ben poco. In modo ineffabile essa afferma che: «Il quadro traumatico osservato si accorda sia con un’aggressione, sia con una caduta accidentale, nè vi sono elementi che facciano propendere per l’una piuttosto che per l’altra dinamica lesiva». 

La vera trincea sarà  il lavoro

 SECONDO il vincitore delle primarie, Pierluigi Bersani, il centro sinistra ha già  da oggi uno squadrone in campo. Bene perché ci sarà  bisogno non solo di esperienza, ma anche di idee nuove per affrontare i problemi dell’economia italiana.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment