Sarkozy riconquista l’Ump, ma senza strafare

Senza sor­presa, Nico­las Sar­kozy ha ricon­qui­stato la pre­si­denza dell’Ump, ma solo con il 64,5% dei voti, con­tro il gio­vane ambi­zioso e più calmo Bruno Le Maire (meno radi­cale, almeno sulle que­stioni sociali), che ha otte­nuto il 29,18% e l’ultraconservatore Hervé Mari­ton, fermo al 6,3%. Ha votato più della metà, oltre il 60% dei 269mila iscritti all’Ump. Ci sono stati pro­blemi: un «bug» infor­ma­tico, hanno spie­gato i diri­genti. Ma non dovrebbe ripe­tersi la con­fu­sione che ha fatto seguito al voto per la pre­si­denza del 2012, con lo scon­tro tra Jean-François Copé, che ha riven­di­cato la vit­to­ria, e Fra­nçois Fil­lon, che l’ha con­te­stata. Copé, eletto male, ha poi dovuto cedere il posto a un «diret­to­rio» tem­po­ra­neo, in seguito allo scan­dalo dei fondi neri della società Bygmalion.

Nico­las Sar­kozy vuole la rivin­cita sul 2012. È tor­nato in campo, per ripren­dere le redini del par­tito. Sognava un ple­bi­scito, con l’idea di poter evi­tare le pri­ma­rie del 2016 per la can­di­da­tura a destra alle ele­zioni pre­si­den­ziali. Ma il risul­tato è delu­dente. Inol­tre, dovrà fare i conti con gli sfi­danti per il 2017: gli ex primi mini­stri Alain Juppé, che ha per il momento il favore dei son­daggi, e Fra­nçois Fil­lon, deciso a pre­sen­tarsi a qua­lun­que costo (minac­ciando quindi un pos­si­bile bal­lot­tag­gio tra il can­di­dato socia­li­sta e Marine Le Pen). E resta l’incognita delle undici inchie­ste giu­di­zia­rie in corso che lo riguar­dano, che potreb­bero far crol­lare in volo lo slan­cio della riconquista.

Sar­kozy ha voluto comin­ciare la mar­cia della rivin­cita alla pre­si­denza dell’Ump. Nel 2004 aveva con­qui­stato que­sta carica con l’84% dei voti. L’idea dell’ex pre­si­dente è di avere le mani libere per cam­biare il par­tito: vuole rifon­darlo con un nuovo nome — forse Le Ras­sem­ble­ment — e tra­sfor­marlo in un comi­tato elet­to­rale per la ricon­qui­sta dell’Eliseo. Aveva pro­messo di «essere cam­biato». Ma nella breve cam­pa­gna del ritorno in campo, Sar­kozy non è riu­scito a con­vin­cere. Ha mostrato troppa improv­vi­sa­zione, poche idee. All’inizio ha cer­cato di occu­pare il cen­tro, ma Juppé lo ha fatto meglio di lui. Si è così pro­gres­si­va­mente spo­stato sem­pre più a destra: sul matri­mo­nio gay ha pro­messo di annul­lare la legge Tau­bira, per sosti­tuirla con un’unione spe­ci­fica per gli omo­ses­suali, sull’Europa ha ripreso i toni di David Came­ron con­tro l’immigrazione che «minac­cia il nostro modo di vivere», affer­mando che adot­terà la «sedia vuota» a Bru­xel­les se non verrà rine­go­ziato Schen­gen. Ha accu­sato la Com­mis­sione di «avere troppe com­pe­tenze» e ha spie­gato che oggi la Fran­cia rischia di essere messa sotto tutela a causa di Hol­lande, il suo rivale del 2012 su cui cerca la rivin­cita, «un dilet­tante», «perso», «suo­nato», «senza stra­te­gia». In pri­vato, aggre­di­sce ver­bal­mente i suoi rivali a destra, a comin­ciare da Juppé, «che mi fa sem­brare gio­vane» (ci sono più di dieci anni di dif­fe­renza tra i due). Ma, al di là del voto degli iscritti all’Ump, l’opinione pub­blica fran­cese al 59% dà un giu­di­zio nega­tivo su Sarkozy.



Related Articles

Milano, sipario sull’Expo e Sala guarda già alla corsa a sindaco

Il commissario: candidarsi è una possibilità, ne parleremo L’orgoglio di Mattarella: l’Italia unita sa vincere le sfide

Unione europea Non è il momento del federalismo

Hajo / Caglecartoons.com

In Germania diverse forze politiche sembrano favorevoli a cedere sovranità  a Bruxelles in nome degli Stati Uniti d’Europa. Ma prima di parlare di grandi progetti bisognerebbe superare l’emergenza della crisi.

Nigeria. Miliziani jihadisti scatenati, «rapite 300 studentesse»

Pressioni su Muhammadu Buhari perché dichiari lo «stato d’emergenza». Amnesty: «Diritto allo studio negato». Aumentano stragi e sequestri, inutili i raid aerei contro Boko Haram e le bande criminali

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment