Statali in corteo a Roma, storie dal serpentone tricolore

Giove plu­vio deve essere il sin­da­ca­li­sta fra gli dei. Per il secondo sabato di mani­fe­sta­zione le pre­vi­sioni ven­gono smen­tite e al posto della piog­gia annun­ciata c’è il sole ad acco­gliere i lavo­ra­tori arri­vati da una peni­sola in gran parte sott’acqua.

Rispetto al 25 otto­bre il ser­pen­tone si snoda dalla stessa piazza — «Repub­blica» o «Ese­dra», a seconda delle inter­pre­ta­zioni — ma all’ora di pranzo, o quasi. E anche que­sta volta il cor­teo parte in anti­cipo. Il colpo d’occhio è impo­nente, il rosso Cgil domina solo leg­ger­mente sul blu della Uil e sul bian­co­verde della Cisl.

La dimo­stra­zione pla­stica che ora­mai i (sem­pre più carenti) ser­vizi pub­blici non sono più tenuti in piedi da dipen­denti pub­blici garan­titi e che, di con­se­guenza, i sin­da­cati non cer­cano di tute­lare più solo i 3,3 milioni di lavo­ra­tori diret­ta­mente sti­pen­diati dallo Stato o dalle sue ema­na­zioni viene data osser­vando gli stri­scioni pre­senti alla mani­fe­sta­zione: cli­ni­che e strut­ture sani­ta­rie con­ven­zio­nate, coo­pe­ra­tive sociali che spa­ziano dalla sicu­rezza alle scuole, lavo­ra­tori delle can­cel­lande Pro­vince. «Adesso siamo diven­tati Eav, che sta per ente di area vasta. Non sap­piamo nean­che cosa signi­fica e abbiamo vera­mente paura per il nostro posto di lavoro», rac­conta Gio­vanna, 46enne di Potenza, iscritta alla Cisl.

Insomma, la figura del tra­vet mini­ste­riale fan­caz­zi­sta e non licen­zia­bile è un luogo comune desueto: buona parte dei mani­fe­stanti è pre­ca­ria o a rischio mobi­lità involontaria.

In più, i sei anni di blocco con­trat­tuale ini­ziano a diven­tare «inso­ste­ni­bili» per tutti «i garan­titi del mini­stro Madia», come autoi­ro­ni­ca­mente si defi­scono inse­gnanti, guar­die car­ce­ca­rie e Vigili del Fuoco. I pom­pieri sono l’unico com­parto delle forze dell’ordine pre­sente in piazza. Scen­dendo per via Bar­be­rini, azio­nano la sirena blu siste­mata su un model­lino di camion di car­tone che spin­go­noc supe­rando sulla destra il cor­teo . «Alle forze dell’ordine Renzi ha pro­messo lo sblocco del con­tratto, ma noi non sap­piamo ancora se lo sblocco vale anche per noi: sarebbe vera­mente una beffa inac­cet­ta­bile», sin­te­tizza Cin­zia, unica donna del gruppetto.

Il mondo della scuola pri­meg­gia come pre­senza e fan­ta­sia. Da via Sistina si alza il coro: «Giro, giro­tondo, casca il mondo, casca la terra, Renzi va per terra». Il pre­mier è il ber­sa­glio di un’infinità di magliette, stri­scioni, slo­gan. Se la scuola è la sua prio­rità, non sem­bra aver con­vinto chi la scuola la manda avanti tutti i giorni. Inse­gnanti e Ata (gli assi­stenti tec­nici ammi­ni­stra­tivi che hanno sosti­tuito i bidelli) sono habi­tué delle pro­te­ste di piazza con­tro i governi.

Lo stri­scione della Flc di Sira­cusa sta lì a dimo­strarlo con le date che Salvo ha rac­colto sul lato interno: se ne con­tano 25 in 4 anni, dalla prima di Palermo il 20 mag­gio 2010 all’ultimo dello scorso 25 otto­bre. «La scuola non è fatta solo di muri, che fra l’altro Renzi ha solo pro­messo e non ha ancora aggiu­stato», rac­conta lui che lavora da 38 anni in una scuola — «ora isti­tuto com­pren­sivo» — di Pachino. «Io vedo inse­gnanti che ogni giorno vanno avanti solo per la pas­sione che hanno per il loro lavoro: non hanno stru­menti, non hanno auto­no­mia, non hanno niente. E i ragazzi lo capiscono».

La stret­toia che costeg­gia Villa Bor­ghese è un tappo per il cor­teo. Il sole dell’autunno più caldo da secoli scalda i mani­fe­stanti che per avan­zare cam­mi­nano di lato finendo nelle poz­zan­ghere, ricordo del nubi­fra­gio di giovedì.

La voglia di scen­dere in piazza c’è — eccome — nei lavo­ra­tori Uil. Roberto, 39 anni romano, è un dele­gato della fede­ra­zione del com­mer­cio: «Sono venuto per stare vicino ai miei col­le­ghi e per­ché sì, c’è tanta voglia di mani­fe­stare. Non so se arri­ve­remo allo scio­pero gene­rale, ma di sicuro i lavo­ra­tori di tanti com­parti sareb­bero con­tenti». Lui, come mol­tis­simi altri, ha legato alla mano il pal­lon­cino for­nito dalla Uil con Renzi a forma di Pinoc­chio con la scritta “Renzi stai sereno”. «Ulti­ma­mente è ner­voso con noi sin­da­cati, si deve cal­mare», spiega Roberto.

Fatte le dovute pro­por­zioni, il suc­cesso del 25 otto­bre è bis­sato. Piazza del Popolo è gre­mita anche se non pie­nis­sima. Ma è incon­fu­ta­bile il fatto che alle 4 e mezzo, quando i segre­tari gene­rali pren­dono la parola, ancora molta gente sta scen­dendo dal Pin­cio che sovra­sta la piazza. Nel retro­palco la sod­di­sfa­zione per la «riu­sci­tis­sima mobi­li­ta­zione» è palpabile.

L’unico momento di ten­sione accade quando a fondo piazza viene acceso un fumo­geno verde-blu men­tre parla Bar­ba­gallo. Il fuggi fuggi per ripa­rarsi dal fumo è gene­rale. L’unico a non fare una piega è Sauro, 44enne mode­nese con la felpa della Fiom: «Sono qua per fare com­pa­gnia ai miei amici, io in piazza ci sto sem­pre volentieri».



Related Articles

Utile Fiat a 1,2 miliardi, torna il dividendo

Ieri al cda i conti del gruppo: “Raggiunti e superati gli obiettivi”. Con due milioni circa di vetture (più 17%)

COME COMBATTERE LA POVERTÀ

Secondo gli ultimi dati Eurostat, l’Italia è il paese Ue dove non solo c’è il tasso di deprivazione materiale grave più elevato

Atene cede ai tedeschi gli aeroporti delle isole Oggi terzo sì agli aiuti

Il Parlamento di Berlino vota sugli 86 miliardi di prestiti alla Grecia.Ok da Spagna e Estonia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment