La Torino-Lione e i conti che non tornano

La Torino-Lione e i conti che non tornano

Per quanto riguarda i costi della tratta tran­sfron­ta­liera, il movi­mento ritiene che per il «solo tun­nel di base ver­ranno spesi almeno 12 miliardi di euro, anzi­ché gli 8,5 indi­cati dalla società Lyon Turin Fer­ro­viaire, ma l’indice di riva­lu­ta­zione potrà essere più alto del 3,5% ipo­tiz­zato da Rfi». La Torino-Lione ad alta velo­cità «è morta anche per­ché — hanno spie­gato gli espo­nenti No Tav — nel bilan­cio dello Stato sono dispo­ni­bili solo 1,37 miliardi di finan­zia­mento nazio­nale fino al 2020. E per spese effet­tuate oltre quella data, l’Europa non ero­gherà con­tri­buti». La sto­ria recente rac­conta, infine, come i costi per opere simili non fac­ciano che aumen­tare: «Il pre­ce­dente della Tav Torino-Milano — ha con­cluso Vela — inse­gna que­sto, dal pre­ven­tivo di 2.400 miliardi di lire si è pas­sati a un con­sun­tivo di 12 mila miliardi».
Mauro Ravarino



Related Articles

Giglio, operazione carburante al via

ISOLA DEL GIGLIO – Nel triste giorno del ritrovamento di altri due corpi di donne (una è stata identificata, è Maria d’Introno, la giovane sposa di 30 anni che viveva a Biella ma era originaria di Corato, in provincia di Bari), la migliore risposta ai «turisti del disastro» che si sono riversati a frotte sull’isola per un picnic sul set della nave arenata fra gli scogli, è quella che danno i gigliesi stessi.

La grande scommessa del gigante indiano

L’India ha i numeri per superare Cina e Usa ma le caste rischiano di rallentarlo. ci sono ancora problemi di sanità e istruzione. E il divario fra ricchi e poveri è sempre maggiore

La sinistra in trincea sul lavoro E Landini «sfiducia» il premier

Il leader Fiom Landini: il governo non ha la maggioranza nel Paese. Damiano: servono correzioni

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment