Triton, indifferenza e repressione

Triton, indifferenza e repressione

Un’immagine dell’agenzia Reu­ters, che ha fatto il giro del mondo di recente, rias­sume più di tante parole lo spi­rito della poli­tica di immi­gra­zione dell’Unione euro­pea: a Melilla, enclave spa­gnola in Marocco, una signora accom­pa­gnata da un cad­die tenta uno swing su un ver­dis­simo campo da golf, men­tre dei migranti cer­cano di sca­val­care l’alta bar­riera di filo spi­nato che divide l’Africa dalle terre comu­ni­ta­rie. L’Europa volta le spalle con asso­luta indif­fe­renza al pro­blema dell’immigrazione, che sem­pre più diventa argo­mento elet­to­rale per le destre estreme che hanno por­tato all’Europarlamento una folta pat­tu­glia di depu­tati con le ultime ele­zioni. Assieme all’insediamento della nuova Com­mis­sione euro­pea gui­data da Jean-Claude Junc­ker, con il com­mis­sa­rio Dimi­tris Avra­mo­pou­los (con­ser­va­tore greco) per l’immigrazione, oggi parte anche l’operazione Triton, affi­data a Fron­tex, l’agenzia euro­pea di sor­ve­glianza delle fron­tiere. Non è ancora chiaro se sosti­tuirà del tutto Mare Nostrum, l’iniziativa ita­liana tanto cri­ti­cata in Europa, ma lo spi­rito è chiaro: Triton agirà solo nelle acque ter­ri­to­riali euro­pee, a 30 miglia dalle coste e “con­for­me­mente al man­dato di Fron­tex – spiega il diret­tore ese­cu­tivo dell’agenzia euro­pea Gil Arias Fer­nan­dez – l’obiettivo prio­ri­ta­rio è il con­trollo delle fron­tiere”. Per Amne­sty Inter­na­tio­nal, “ecco di ritorno il con­trollo e la lotta con­tro l’immigrazione <irre­go­lare>”, anche se Fer­nan­dez pro­mette sal­va­taggi. Nei fatti, pre­cisa Amne­sty Inter­na­tio­nal, in caso di indi­vi­dua­zione di una imbar­ca­zione in peri­colo, Triton “tra­sfe­rirà” il pro­blema “sotto la respon­sa­bi­lità al cen­tro di coor­di­na­mento e di ricerca com­pe­tente”, cioè all’Italia o a Malta. Per Triton, ope­ra­zione “ospi­tata dall’Italia”, sono stati stan­ziati da Bru­xel­les 2,9 milioni di euro al mese (il costo di Mare Nostrum per l’Italia è di 9 milioni al mese) e all’iniziativa, a cui sulla carta ade­ri­scono 20 paesi, par­te­ci­pano atti­va­mente solo altri 8 (Fran­cia, Spa­gna, Fin­lan­dia, Por­to­gallo, Islanda – che non è nella Ue – Olanda, Litua­nia e Malta), com­ples­si­va­mente con 6 navi, 2 aerei e un eli­cot­tero, messi a dispo­si­zione a rota­zione. Come per la grande ope­ra­zione di “cac­cia ai clan­de­stini” che ha avuto luogo dal 13 al 26 otto­bre – che la pre­si­denza ita­liana del Con­si­glio Ue ha bat­tez­zato Mos Majo­rum – l’obiettivo è respin­gere gli arrivi, non aiu­tare a sal­vare vite umane. Ma per la Gran Bre­ta­gna, anche Tri­ton è una mano tesa verso l’immigrazione clan­de­stina, come lo è stata Mare Nostrum per gli altri paesi euro­pei. L’Italia è accu­sata di non rispet­tare il Rego­la­mento di Dublino, che il com­mis­sa­rio Avra­mo­pou­los vor­rebbe rive­dere. Ma i paesi del nord Europa sot­to­li­neano che Roma (e Atene) cer­cano di “sca­ri­care il far­dello”: nel 2013, in Ita­lia, mal­grado gli sbar­chi mas­sicci, sono state pre­sen­tate sol­tanto 26.620 richie­ste di asilo (quando dovrebbe essere il primo paese di arrivo ad esa­mi­narle), cioè il 6% delle domande com­ples­sive, men­tre alla Ger­ma­nia ne sono arri­vate 125mila, 65mila alla Fran­cia e 55mila alla Svezia.

Per que­sto motivo, alcune forze poli­ti­che nel nord Europa con­te­stano ormai Schen­gen. In Fran­cia, non solo il Fronte nazio­nale, ma anche Nico­las Sar­kozy, tor­nato in poli­tica per pren­dere a fine mese la pre­si­denza dell’Ump (e pre­pa­rare le pros­sime pre­si­den­ziali), pro­mette “lo scio­pero di Schen­gen”. La Gran Bre­ta­gna, che non è in Schen­gen, rifiuta di par­te­ci­pare a Tri­ton. A sette mesi dalle legi­sla­tive, minac­ciato dall’estrema destra di Ukip, David Came­ron si sta scon­trando con Bru­xel­les per­ché vor­rebbe limi­tare le entrate anche di cit­ta­dini comu­ni­tari, soprat­tutto lavo­ra­tori non qua­li­fi­cati pro­ve­nienti dai paesi dell’est, in asso­luta con­trad­di­zioni con le basi della Ue delle “4 libertà”, tra cui anche quella di libera cir­co­la­zione dei cit­ta­dini (e non solo di merci, capi­tali e ser­vizi). Con la Fran­cia, Lon­dra si scon­tra per il caso di Calais. Qui, dodici anni dopo la chiu­sura del cen­tro della Croce Rossa di San­gatte, soprav­vi­vono attual­mente in bivac­chi di for­tuna 2200–2300 immi­grati, che ten­tano di pas­sare clan­de­sti­na­mente la Manica per arri­vare in Inghil­terra. Tra il 20 e il 22 otto­bre, Calais è stata tea­tro di vio­lenze, con scon­tri tra diverse comu­nità di migranti, dopo giorni di ten­sioni con i camio­ni­sti, che ormai rea­gi­scono per impe­dire ai clan­de­stini di salire di nasco­sto sui camion. Lon­dra ha fir­mato un accordo con Parigi: con­tri­buirà con 15 milioni di euro in tre anni per con­tri­buire al raf­for­za­mento della “sicu­rezza” del porto fran­cese, dove la ten­sione è al mas­simo (qui c’è il 16% di disoc­cu­pa­zione). Il governo fran­cese ha deciso di aprire un cen­tro di acco­glienza, solo di giorno, per per­met­tere ai migranti di avere accesso all’acqua, di tro­vare un pasto ecc. Ma la rispo­sta prin­ci­pale è stata l’aumento del numero di poli­ziotti, nella spe­ranza che con un’accresciuta repres­sione dimi­nui­sca il numero delle presenze.



Related Articles

Il caso Italia agita il Ppe Oggi la «sfida» con Merkel

 Il Cavaliere al vertice dei Popolari. Nuovo affondo di Berlino

Immigrati, mai così tanti sbarcati già in 170 mila ancora una strage in mare

A metà novembre superato il picco del 2014 E a fine anno si prevede la cifra senza precedenti di 200mila profughi

Appello di Le Monde: Sea Watch, fuorilegge sono le autorità italiane

L’iniziativa. Sea Watch, appello di “Le Monde”, oltre 700 firme

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment