Un 12 dicembre che vale doppio

Un 12 dicembre che vale doppio

A Milano per con­te­nere il 12 dicem­bre non basta un giorno solo, ne ser­vono due: anche oggi è mani­fe­sta­zione (alle 15 in piazza XXIV Mag­gio). Com­plice il primo scio­pero gene­rale che cade nell’anniversario di piazza Fon­tana, le mobi­li­ta­zioni non sono ancora ter­mi­nate. I due “pre­te­sti” con­ten­gono tutta l’energia e la rab­bia di una mol­ti­tu­dine diso­rien­tata e disu­nita che con­di­vide lo stesso sen­ti­mento: l’avversione al governo Renzi. Si sono rove­sciate in strada insieme. Ma è dif­fi­cile sin­te­tiz­zare un pro­cesso non ancora com­piuto, più rea­li­stico osser­vare la sequenza delle rea­zioni di un giorno spe­ciale, comin­ciato al mat­tino presto.

Ore 7,45 Il primo pic­colo cor­teo si muove all’interno del can­tiere di Expo, lon­ta­nis­simo dal cen­tro. La vio­la­zione anta­go­ni­sta (Rete Atti­tu­dine No Expo) lan­cia un mes­sag­gio rivolto anche ai sin­da­cati che hanno fir­mato i con­tratti per i lavori dell’esposizione: “Expo è un dispo­si­tivo di governo del ter­ri­to­rio peri­co­loso, il cui para­digma di lavoro pre­ca­rio e la logica com­mis­sa­riale sono rece­piti dal governo nel Jobs Act e nello SbloccaItalia”.

Ore 9,30 In Porta Vene­zia comin­ciano a sven­to­lare le ban­diere della Cgil (l’azzurro è Uil), ma l’esito non è scon­tato: dopo due ore piazza Duomo è piena. Cin­quan­ta­mila per­sone sfi­lano die­tro lo stri­scione “Così non va”. Dif­fi­cile non con­si­de­rarlo uno scio­pero poli­tico. Basta guar­darsi intorno. Alcune scritte si pos­sono ripor­tare: “Se que­sto governo è di cen­tro­si­ni­stra, re Mar­chionne è comu­ni­sta”. Altre, con­tro il capo del Pd, sono meno ele­ganti. Sicu­ra­mente in molti l’hanno votato: “L’errore più grande della mia vita” (esa­ge­ra­zioni, ma danno l’idea). Sfi­lano decine di fab­bri­che, ma anche lavo­ra­tori delle catene (Esse­lunga, Coop, Car­re­four, Mc Donald’s), uni­ver­si­tari, medici, mae­stre, ope­ra­tori museali e lavo­ra­tori del Comune di Milano. In coda, discreta, la poli­tica, con un pic­colo ten­ta­tivo di mira­colo: uno stri­scione uni­ta­rio tar­gato “Milano a sini­stra” con die­tro gli espo­nenti di ciò che rimane della sini­stra in città — Prc, Sel, L’Altra Europa e qual­che “civa­tiano” sparso (com­preso il tito­lare del marchio).

Ore 12,45 A quest’ora gli stu­denti, alcune migliaia, hanno già per­corso otto chi­lo­me­tri, sfio­rando il cor­teo dello scio­pero. Si fer­mano davanti al Pirel­lone. Sfila anche qual­che pezzo di “scio­pero sociale”, spez­zone che certo non sim­pa­tizza con i sin­da­cati con­fe­de­rali. Comin­cia la “pro­vo­ca­zione”: fumo­geni, botti, lan­cio di oggetti dalle retro­vie e come al solito parte la carica di rito, con man­ga­nel­late e lacri­mo­geni. Il fatto dà il titolo a tutte le cro­na­che fret­to­lose: “Scon­tri a Milano”. La pro­vo­ca­zione? Venti stu­denti, tra­ve­stiti da babbo natale, vole­vano ripor­tare al gover­na­tore Maroni “il pacco dono” rice­vuto: i tagli del 40% al diritto allo stu­dio uni­ver­si­ta­rio. Gli sca­to­loni e le for­bici di car­tone sono volati da tutte le parti. Il bol­let­tino parla di dicias­sette feriti, tra ragaz­zini e poliziotti.

Ore 16,37 Piazza Fon?tana?.La ceri­mo­nia del minuto di silen­zio si svolge in anti­cipo per evi­tare le con­te­sta­zioni del Can­tiere. I ragazzi vor­reb­bero con­te­stare Roberto Maroni, ma lui non c’è. Il sin­daco Giu­liano Pisa­pia ha già preso la parola durante il con­si­glio comu­nale straor­di­na­rio con­vo­cato per l’occasione: “Piazza Fon­tana è il sim­bolo del nostro dolore ma anche del nostro riscatto”. Fra­telli d’Italia e Forza Ita­lia sono uscite dall’aula.

Ore 17,30 Da piazza San Babila parte il cor­teo diretto in piazza Fon­tana. Davanti a mille per­sone il segre­ta­rio gene­rale della Cgil Susanna Camusso: “Il paese avrebbe dav­vero diritto di sapere cosa è suc­cesso”. La sua pre­senza smorza una pole­mica: i fami­liari delle vit­time ave­vano cri­ti­cato la scelta del sin­da­cato di indire lo scio­pero pro­prio il 12 dicembre.

Oggi, ore 15 Parte un cor­teo da piazza XXIV Mag­gio. Sono cen­tri sociali, stu­denti, comi­tati, pezzi di movi­mento che ricor­dano la strage del 1969, “con­tro il fasci­smo di ieri e di oggi”. Pur­troppo non è una mani­fe­sta­zione rituale, è l’urgenza della cro­naca a segna­lare “il pro­blema”. La nuova destra di Mat­teo Sal­vini, i pre­sidi di Forza Nuova davanti alle scuole, i raduni rock dei neo nazi e Casa Pound che gua­da­gna spazi in provincia.

Lunedì, ore 21 Al Leon­ca­vallo serata per non dimen­ti­care l’assassinio di Pinelli e l’innocenza di Val­preda. Par­te­cipa Mau­ri­zio Landini.



Related Articles

Il bavaglio di Putin

Dopo l’annessione della Crimea, Zar Vladimir gode in Russia di una popolarità e di un potere mai avuti. Lui ne approfitta per lanciare leggi sempre più liberticide. Così mette a tacere dissidenti, gay, cronisti e scrittori fuori dai ranghi. E il suo volto trionfa persino sulle t-shirt

LAVORI. Precari e insoddisfatti. Indagine IRES-CGIL

NULL Un`indagine Ires su giovani, lavoro e sindacato Precari e insoddisfatti Flessibili. Magari precari. Ma non per scelta. Una “condizione

Un giorno di feroce tristezza

L’11 SETTEMBRE 1973 IN CILE
40 anni fa, lo scrittore era nelle forze di sicurezza socialiste che difesero Santiago dal golpe di Pinochet. «Quel giorno la mia gioventù finì violentemente. E da allora il Cile non è più uscito dalla dittatura»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment