Un 2015 saldamente nel tunnel

Un 2015 saldamente nel tunnel

Tutto il pre­gresso di que­sti anni che effetti avrà nell’immediato futuro? Il 2015 ha come retro­terra l’impresa ita­liana e le poli­ti­che pub­bli­che. Invece di occu­parsi di creare lavoro il governo si impe­gna a rea­liz­zare la terza grande riforma del mer­cato del lavoro. Non sono inte­res­sati gli oltre 8,6 milioni di per­sone in cerca di lavoro, piut­to­sto gli occu­pati. Nes­suna delle misure messe in campo creerà un nuovo posto di lavoro, sem­mai sosti­tu­zione di lavoro buono con lavoro incerto. Facendo la media della cre­scita del tasso di disoc­cu­pa­zione degli ultimi anni (2011–2014), que­sta rag­giun­gerà il 16%, por­tando gli inoc­cu­pati a supe­rare i nove milioni. È il risul­tato delle poli­ti­che di auste­rità, dell’archiviazione del diritto posi­tivo e for­san­che del diritto natu­rale. La «libertà da e la libertà di» sono diven­tati temi lasciati a impa­vidi docenti di diritto. Gli anni venti son tornati.

Riforma del mer­cato del lavoro per chi? Può esserci mer­cato del lavoro quando scom­pare chi domanda lavoro? Da Solow sap­piamo che il mer­cato del lavoro dovrebbe essere trat­tato come una isti­tu­zione sociale, ma l’Italia si avvi­cina sem­pre di più verso la de-pauperizzazione. Non c’è solo la fles­sione del 25% della pro­du­zione indu­striale. Ben più grave è la dis­so­lu­zione di un quinto della capa­cità pro­dut­tiva, con­fer­mata anche dalla Banca d’Italia. Il calo ver­ti­cale degli inve­sti­menti di que­sti ultimi tre anni non sono attri­bui­bili all’incertezza delle imprese (legit­tima). In realtà nasconde qual­cosa di molto più pro­fondo: la de-pauperizzazione dell’economia ita­liana. La ridu­zione degli inve­sti­menti è attri­bui­bile alla dis­so­lu­zione del tes­suto pro­dut­tivo nazio­nale. Altro che incer­tezza, sta scom­pa­rendo l’industria assieme ai ser­vizi alle imprese. Ma l’industria rima­sta non è in buone con­di­zioni. Recla­mare l’archiviazione del diritto posi­tivo è come recla­mare la schia­vitù per con­ti­nuare a pro­durre cotone. L’impresa ita­liana reclama di con­ti­nuare a pro­durre «cotone», dimen­ti­cando che il supe­ra­mento della pro­du­zione di cotone e della schia­vitù ha per­messo all’America di diven­tare pro­ta­go­ni­sta dell’industria inter­na­zio­nale e della cre­scita economica.

Può esserci di peg­gio? Il Cer ha cal­co­lato l’indice di vul­ne­ra­bi­lità alla defla­zione dell’Italia mutuato dal FMI. Quando l’indice supera 0,5 il rischio di defla­zione è alto. La rile­va­zione è inquie­tante: 0,9. Peg­gio di così si può solo «morire». Imma­gi­nate l’impatto del Jobs Act sui livelli di con­sumo e degli inve­sti­menti. Rischio defla­zione 0,9? Diciamo che le cose andranno peg­gio. Se qual­cuno si aspetta un rim­balzo tec­nico del Pil ha dei pro­blemi seri. Stante la dis­so­lu­zione dell’industria, dei ser­vizi, tra non molto l’impatto cruento per tutto il com­mer­cio di qual­siasi ordine e grado e il livello di inoc­cu­pati (9 milioni), se nel 2015 il Pil dimi­nui­sce dello 0,5% sarebbe un mira­colo. In realtà le cose non si ripe­tono allo stesso modo. Dopo sette anni di crisi è pos­si­bile con­trarre ulte­rior­mente il red­dito. Il Pil è dina­mico e rap­pre­senta quanto accade nell’economia reale. Quanto acca­duto in que­sti anni, assieme all’insipienza del governo Renzi, uso un eufe­mi­smo, faranno dimi­nuire il Pil in misura mag­giore. Dif­fi­cile da con­ta­bi­liz­zare, ma sarà cer­ta­mente supe­riore al meno 0,5%.

Il recente ral­len­ta­mento degli inve­sti­menti delle imprese ita­liane, che fino al 2011 erano rima­sti costanti o supe­riori alla media euro­pea (in rap­porto al PIL), segnala una ulte­riore debo­lezza: per­dita di cono­scenza di base e cre­scente ina­de­gua­tezza (impos­si­bi­lità) nel sele­zio­nare i for­ni­tori di beni stru­men­tali e tec­no­lo­gici. Da un lato agi­sce la sfi­du­cia delle imprese («non potete aspet­tarvi che gli impren­di­tori si met­tano a varare pro­grammi di amplia­menti men­tre stanno subendo per­dite» Key­nes, Teo­ria Gene­rale), ulte­rior­mente aggra­vata dal fatto che una parte del così detto made in Italy è ormai pro­dotto da paesi terzi, dall’altra l’impossibilità di con­di­zio­nare lo svi­luppo tec­no­lo­gico, for­san­che il puro appren­di­mento delle cono­scenze tec­ni­che pro­dotte all’estero. Non solo l’intensità tec­no­lo­gica degli inve­sti­menti delle imprese ita­liane è coe­rente con la pro­du­zione, ma la minore inci­denza della spesa pri­vata in ricerca e svi­luppo sul totale (40%) ha de-cumulato cono­scenza e quindi con­di­zio­nato i pro­cessi di appren­di­mento e adat­ta­mento di tec­no­lo­gia terza. In que­sto modo si spiega la minore cre­scita del PIL dell’Italia e la crisi nella crisi dell’Italia.
Tanti com­men­ta­tori sosten­gono che da que­sta crisi non si uscirà come siamo entrati. Alla fine il mer­cato sele­ziona le imprese migliori, ma le con­di­zioni di par­tenza «con­di­zio­nano» le rispo­ste delle imprese e degli stati. Tutte le imprese euro­pee sono state inte­res­sate dalla crisi, ma l’impresa ita­liana, in ragione delle debo­lezze pre­gresse, è crol­lata sotto il peso della pro­pria de-specializzazione, a cui ha con­tri­buito la fles­si­bi­liz­za­zione del mer­cato del lavoro.
Lo stato dell’arte dell’industria ita­liana sug­ge­ri­rebbe delle misure eco­no­mi­che coe­renti. La dina­mica della domanda e dei con­sumi incide sulle scelte di inve­sti­mento delle imprese, ma ser­vi­rebbe anche una coe­rente capa­cità di offerta per sod­di­sfarla. Le misure adot­tate dal Mini­stero dello Svi­luppo Eco­no­mico si muo­vono nel solco del soste­gno agli inve­sti­menti e della ricerca e svi­luppo (con­tri­buti, cre­dito di impo­sta, age­vo­la­zioni fiscali, finan­zia­menti age­vo­lati), disat­ten­dendo le poli­ti­che euro­pee tese a soste­nere i pro­getti pre-commerciali. La poli­tica indu­striale e di ricerca e svi­luppo è lasciata alla libera ini­zia­tiva pri­vata, indi­pen­den­te­mente dalla de-pauperizzazione com­ples­siva del tes­suto pro­dut­tivo. La poli­tica indu­striale del governo si tra­duce in poli­tica (leva) fiscale, con degli effetti misu­ra­bili in decimali.

Qual­cosa potrebbe anche cam­biare. La poli­tica conta. La poli­tica eco­no­mica euro­pea deve cam­biare, ma deve cam­biare anche la poli­tica ita­liana. Un bel con­tri­buto potrebbe arri­vare dal nuovo pre­si­dente della Repub­blica. Ser­vi­rebbe una per­so­na­lità che sap­pia coniu­gare la neces­sità di cam­bia­mento delle poli­ti­che nazio­nali ed euro­pee. Con il nuovo pre­si­dente della Repub­blica potrebbe aprirsi anche uno spa­zio rifor­mi­sta (rivo­lu­zio­na­rio). For­san­che la pos­si­bi­lità di un par­tito della sini­stra che oggi non è né carne né pesce.

Il 2015 non sarà un anno come tutti gli altri. La capa­cità di offrire uno sbocco almeno rifor­mi­sta alla crisi, mai come oggi il monito di Min­sky «lavoro non assi­stenza» è diven­tato attuale, rap­pre­senta lo sbocco natu­rale di tutta la sini­stra. Occorre corag­gio: chi lo pos­siede lo metta, che non lo pos­siede lo trovi.



Related Articles

Più imprenditori, meno impiegati Così si trasforma l’elettorato del Pd

Consensi al 38,3%, in calo di 2,5 punti. Balzo della Lega (+1,9%), unico partito in crescita

La tre giorni del debito pubblico

Un calendario da «tempesta perfetta». Maria Cannata, direttore del Debito pubblico del Tesoro, definisce così la tre giorni di aste di titoli a breve, media e lunga scadenza che, a partire da lunedì, accompagnerà  la fine delle votazioni e la diffusione dei risultati.

Ttip, le multinazionali sfidano la legislazione degli stati

Controversie tra Stati. I tribunali di arbitrato constano di collegi di tre membri scelti ricorso per ricorso da una lista ristretta di avvocati

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment