Accordo Meri­diana sulle uscite volontarie, per Renzi è tutto ok

Per l’accordo rag­giunto ieri nella sede del mini­stero del lavoro tra sin­da­cati e Meri­diana non c’è nulla da festeg­giare. L’intesa pre­vede infatti che se qual­cuno tra i 1.634 dipen­denti dichia­rati in esu­bero vuole andar­sene volon­ta­ria­mente, può farlo. Entro il 30 dicem­bre deve atte­stare con una let­tera di non opporsi al licen­zia­mento, in cam­bio rice­verà fino a un mas­simo di 15.000 euro lordi di incen­tivo e potrà usu­fruire delle regole sulla mobi­lità pre-legge For­nero (le norme molto meno van­tag­giose pre­vi­ste dai prov­ve­di­menti fatti appro­vare dall’ex mini­stro del governo Monti scat­tano dal 1 gen­naio 2015). L’accordo pre­vede anche l’apertura di una nuova pro­ce­dura di licen­zia­mento per i lavo­ra­tori che non inten­dono andar­sene volontariamente.

Tutte le posi­zioni indi­vi­duali, e le norme con­trat­tuali e di legge che le tute­lano, restano salve rispetto all’accordo fir­mato ieri, è quanto i sin­da­cati hanno pre­teso si met­tesse a ver­bale. Su que­sto punto hanno insi­stito con forza le Rsa (Rap­pre­sen­tanze sin­da­cali azien­dali) di Meri­diana. Si sareb­bero oppo­ste all’accordo, altri­menti. La richie­sta è pas­sata gra­zie alla media­zione del sot­to­se­gre­ta­rio Teresa Bel­la­nova, con Meri­diana che ha pro­vato inu­til­mente a resi­stere. Rispetto alla nota a ver­bale impo­sta dai sin­da­cati con­fe­de­rali i mana­ger della com­pa­gnia aerea hanno espresso «vivo disap­punto», facendo a loro volta ver­ba­liz­zare che «l’azienda riba­di­sce quanto già espli­ci­tato nel giu­gno 2011, data di avvio del pro­cesso in corso, e tutti gli accordi in seguito sot­to­scritti». Tra­dotto, signi­fica che Meri­diana con­si­dera i licen­zia­menti non solo neces­sari per la soprav­vi­venza eco­no­mica dell’azienda, ma anche legit­timi sotto ogni pro­filo, sia sul piano sin­da­cale sia su quello legale.

Il pros­simo appun­ta­mento per la ripresa della ver­tenza è il 9 gen­naio, que­sta volta nella sede del mini­stero dello svi­luppo eco­no­mico, come richie­sto dai sin­da­cati. «Il governo — si legge nell’accordo — si è impe­gnato ad assu­mere l’iniziativa per aprire un tavolo di con­fronto indu­striale sulle pro­spet­tive di svi­luppo del gruppo Meri­diana, al fine di accom­pa­gnare, anche con l’utilizzo di ade­guati stru­menti di tutela del lavoro, il pro­cesso di ristrut­tu­ra­zione del gruppo». «Ma la bat­ta­glia è ancora lunga — spiega Fran­ce­sco Stac­cioli, rap­pre­sen­tante dell’Usb, una delle sigle sin­da­cali coin­volte nella trat­ta­tiva — Oggi abbiamo fatto solo un pic­colo passo. Ciò che vogliamo non sono le uscite volon­ta­rie incen­ti­vate, ma la can­cel­la­zione degli esu­beri. È impor­tante che il governo si sia impe­gnato in que­sta direzione».

L’obiettivo, insomma, resta quello della defi­ni­zione di un piano azien­dale che rilanci Meri­diana ed eviti i licen­zia­menti. Secondo fonti sin­da­cali, non dovreb­bero essere più di 400 (su 1.643) i dipen­denti che usci­ranno volon­ta­ria­mente. Per gli altri 1.243 serve una pro­spet­tiva che non sia quella di sostan­ziale liqui­da­zione dell’azienda deli­neata nella prima fase della trat­tiva dal mana­ge­ment Meri­diana. «L’accordo di ieri — com­menta il segre­ta­rio nazio­nale della Filt Cgil, Nino Cor­to­rillo — per­mette a chi lo desi­dera di uscire dall’azienda entro la fine dell’anno, con­sen­tendo (prima dell’entrata in vigore della legge For­nero) di non per­dere un anno di mobi­lità. Solo que­sto. Per il resto, i pro­blemi di Meri­diana riman­gono irri­solti ». E com­men­tando le dichia­ra­zioni del pre­si­dente del con­si­glio Mat­teo Renzi, che ieri con un tweet ha dato per chiusa la ver­tenza, il diri­gente della Cgil osserva: «Dichia­ra­zioni di que­sto tenore sono fuor­vianti. Renzi sba­glia a vedere l’accordo di ieri come una solu­zione del pro­blema Meri­diana. La que­stione va affron­tata in ter­mini indu­striali, non di esu­beri. Ora Meri­diana deve uscire allo sco­perto e dirci che cosa vuole fare della seconda com­pa­gnia aerea italiana».



Related Articles

“Persi migliaia di posti nell’auto per la task force di Obama”

NEW YORK – Steve Rattner e gli altri membri della task force dell’auto di Barack Obama costrinsero la General Motors e la Chrysler a tagliare frettolosamente il numero dei concessionari senza badare ai contraccolpi sull’occupazione in un momento di grave recessione. Questa la conclusione di un rapporto di Neil Barofsky, ispettore speciale per il Tarp, il maxi-pacchetto economico con cui venne finanziato gran parte del salvataggio dei due colossi di Detroit.

Così il governo studia il taglio del cuneo fiscale

Per un intervento minimo necessari almeno 10 miliardi

Nigeria, altre due bambine kamikaze

Caricate di esplosivo e fatte saltare: è la nuova tecnica di attentato di Boko Haram. Sette le vittime in un mercato

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment