Addio al partigiano Giulio Que­sti

Addio al partigiano Giulio Que­sti

Se sei vivo, spara. Ora che vivo non è più, Giu­lio Que­sti, par­ti­giano, scrit­tore e uno dei più ori­gi­nali tra i nostri regi­sti cre­sciuti nel dopo­guerra, più volte risco­perto e amato da diverse gene­ra­zioni, scom­parso nel sonno a 90 anni, dopo aver pub­bli­cato un’autobiografia e un bel­lis­simo libro di rac­conti di guerra per Einaudi (Uomini e coman­danti), pro­ba­bil­mente con­ti­nuerà a spa­rare lo stesso. Come spa­rava l’eroe del suo film più ado­rato dai ragazzi degli anni ’60, appunto il folle western Se sei vivo, spara, mas­sa­crato dalla cen­sura e più volte risorto, dove il pro­ta­go­ni­sta Tomas Milian, come il Johnny Depp di Dead Man di Jim Jar­mu­sch, attra­versa tutto in film da morto o come da morto. Rive­dete l’inizio mera­vi­glioso di que­sto western, mon­tato e rimon­tato da Kim Arcalli, amico e cosce­neg­gia­tore del film, quasi un mani­fe­sto di scrit­tura per un cinema del tutto diverso da quello che si vedeva allora. Non una stra­va­ganza di genere, ma real­mente un viag­gio nell’orrore e nei segreti di una gene­ra­zione che usciva dalla guerra con pesanti ricordi e sof­fe­renze mai dige­rite, un film di «sudore, pol­vere e san­gue», come lo descri­veva lo stesso Questi.

Il tutto den­tro un pic­colo western girato in Spa­gna, coi pochi soldi tro­vati dal «peg­gio della spaz­za­tura cine­ma­to­gra­fica romana, un ex pro­dut­tore fal­lito, che non aveva più la firma per gli asse­gni e si era messo con un macel­laio che aveva soldi». È lì che si pos­sono fare esplo­dere crea­ti­vità e fol­lie di ogni tipo, dove cir­co­lano impic­cati che sem­brano ripresi dal Mano­scritto tro­vato a Sara­gozza di Potocki, ban­diti gay vestiti di bianco che stu­prano i ragaz­zini, indiani che sem­brano aver letto Il libro tibe­tano dei morti. Temi che non sarebbe stato pos­si­bile mostrare den­tro il cinema d’autore del tempo, bac­chet­tone e tri­na­ri­ciuto. Anche se Que­sti, come ricor­dava Tomas Milian intel­let­tuale rivo­lu­zio­na­rio lo era dav­vero. E col suo amico Kim ragio­nano sul cinema e sul loro pas­sato di ragaz­zini par­ti­giani, Kim nel Veneto e Giu­lio, o Jules, come lo chia­mava la banda di Ber­to­lucci evo­cando Truf­faut (Jules et Kim erano chia­mati allora) in Pie­monte. E rimet­tono in scena gli orrori della loro guerra in una Spa­gna dove è pos­si­bile incon­trare Irving Ler­ner e Robert Siod­mak che girano Custer e addi­rit­tura Orson Wel­les che sta girando lì il suo Fal­staff. E sen­ten­zia a Que­sti: «C’è un western nella vita di ogni vero regi­sta». Come sco­prirà molti anni dopo anche Quen­tin Taran­tino, che, assieme a Joe Dante, è stato tra i mas­simi fan di Se sei vivo spara. Anche se forse è Alex Cox il regi­sta che si è sen­tito più in sin­to­nia con Giu­lio Que­sti, che ha scritto le cose più inte­res­santi su di lui e che quando pre­sen­tammo il film a Vene­zia venne a omag­giare il suo mae­stro. Va rico­no­sciuto, però, che per que­sto film di esor­dio di Que­sti si sco­mo­da­rono anche i cri­tici ita­liani, di solito poco inte­res­sati al nostro western.

 

4seseivivospara

Forse per­ché Que­sti era stato pupillo di Vit­to­rini, amico di Anto­nioni, docu­men­ta­ri­sta di talento, assi­stente di Fran­ce­sco Rosi per Kean e La sfida. Attore per Fede­rico Fel­lini in una scena chiave de La dolce vita, dove è un ricco romano disin­can­tato, e per Pie­tro Germi in Signori e signore. Senza scor­dare una stra­va­gante core­gia assieme a Giu­liano Mon­taldo e a Elio Petri di un mondo movie, Nude per vivere, fir­mato appunto «Elio Mon­te­sti». Se Alex Cox tro­vava delle somi­glianze tra il finale tra­gico del film e una tra­ge­dia di Midd­le­ton, Women Beware Women, Kezich trova che il film «è tri­bu­ta­rio più a Edgar Allan Poe che a Bret Harte, più a Roger Cor­man che a John Ford», e arri­vando poi a sco­mo­dare Bunuel e Dalì, con­clude con un mora­leg­giante: «ma le pros­sime volte que­sti regi­sti dovranno pro­prio dirci se scher­zano o fanno sul serio». Scher­za­vano o face­vano sul serio Jules et Kim? Magari entrambe le cose. Si erano cono­sciuti nel 1964, com­plice Moris Ergas, per un epi­so­dio di uno strano e sfor­tu­nato film, Amori peri­co­losi, scritto dallo stesso Que­sti e inter­pre­tato da Juliette May­niel e Frank Wolff. Ma i loro film-manifesto sono Se sei vivo, spara e il suc­ces­sivo folle thril­ler pop, La morte ha fatto l’uovo, girato in pieno 68, con Gina Lol­lo­bri­gida, Jean-Louis Trin­ti­gnant e Ewa Aulin pro­ta­go­ni­sti, ambien­tato fra i polli di bat­te­ria e com­men­tato dalla musica di Bruno Maderna.

Entrambi i film ven­nero mas­sa­crati e rimon­tati, ancora oggi non sono faci­lis­simi da recu­pe­rare inte­gral­mente. Ma frut­ta­rono a Que­sti una fama di regi­sta di culto inter­na­zio­nale. Ovvia­mente non fu facile per lui por­tare avanti que­sto tipo di cinema. Arcana, che uscirà nel 1972, sto­ria di magia dei giorni d’oggi, avrà una distri­bu­zione minima e comun­que non è un film folle e forte come i primi due. In qual­che modo, però, con Arcana si chiude il rap­porto di ami­ci­zia e di col­la­bo­ra­zione con Kim Arcalli, ormai diven­tato il mon­ta­tore e il cosce­neg­gia­tore di fidu­cia di Ber­nardo Ber­to­lucci e poi di Miche­lan­gelo Anto­nioni e di Liliana Cavani, e con­tem­po­ra­nea­mente per Que­sti si chiu­de­ranno per sem­pre le porte del grande cinema.

Pro­getti e pro­getti che non saranno mai por­tati avanti, decine e decine di caro­selli per soprav­vi­vere, anche diver­tenti, per il pro­dut­tore Arturo La Pegna, ricor­date quelli della Birra Peroni con la bionda spu­meg­giante Solvi Stu­bing?, ma anche per Gil­lette, molta tv. Ecco, pro­prio in tv rie­sce a por­tare avanti con fatica un po’ del suo cinema. Gira Vam­pi­ri­smus con Anto­nio Sali­nes e una gio­vane Fran­ce­sca Archi­bugi, Non aprire all’uomo nero con Aurore Clé­ment e Giu­liano Gemma, Il segno del comando con Michel Bou­quet, Robert Powell e Elena Sofia Ricci, la bella serie dell’Ispettore Sarti con Gianni Cavina, dei proto-videoclip sulle can­zoni più cele­bri di Lucio Bat­ti­tsi che amava molto.

 

4lamortehafattol'uovo

Un giorno mi chiama e mi chiede chi sia Quen­tin Taran­tino. Un pro­dut­tore gli ha chie­sto di girare un film alla Taran­tino, che lui non cono­sce. Ma come un film alla Taran­tino?, gli risposi, girane uno alla Giu­lio Que­sti. Più o meno… Tanti anni fa, Giu­lio Que­sti è stata la prima per­sona di cinema che ho cono­sciuto e inter­vi­stato a Roma, per un libro su Kim Arcalli, appena scom­parso, e mi intro­dusse in un mondo che non cono­scevo con una gra­zia e un rispetto per il pro­prio lavoro che rara­mente ho poi ritrovato.

Credo che il suo pas­sato par­ti­giano lo avesse ferito nel pro­fondo e che i suoi fan­ta­smi, che solo in parte con­di­vise con Kim Arcalli, lo venis­sero a tro­vare molto spesso. Ma ancora oggi credo che Se sei vivo, spara sia un capo­la­voro, non solo del cinema western e del nostro cinema. Un ragio­na­mento sulla morte e sul male, come scrive Alex Cox.

E ho ritro­vato in que­sti due libri, da poco usciti, e che lui stesso ha lan­ciato pochi giorni fa durante le gior­nate del Festi­val di Torino assieme alla sua retro­spet­tiva, la stessa forza e la stessa gra­zia di scrittore.


Tags assigned to this article:
cinemaElio Vit­to­riniGiu­lio Que­sti

Related Articles

Il market dell’autentico

La sociologa urbana Sharon Zukin, in un volume edito da Mulino, analizza i complessi processi raccolti all’insegna di una generica gentrification. E si sofferma sulle dinamiche strutturali, come quelle riguardanti i cambiamenti delle politiche pubbliche, i meccanismi fiscali, le strategie dei soggetti privati. Così la Reinassance di Harlem ha un potenziale evocativo ma ambiguo

Venezuela. Il chavismo scommette sulle piazze, l’opposizione sui sondaggi

Venezuela al voto. Oggi le parlamentari. Le destre credono nel ribaltamento, ma a decidere saranno gli indecisi

Riforme costituzionali. Voi al governo, che cosa avete capito?

La posta in gioco è la concezione della vita politica e sociale che la Costituzione prefigura e promette, sintetizzandola nelle parole «democrazia» e «lavoro» che campeggiano nel primo comma dell’art. 1

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment