Allarme riciclaggio: economia criminale vale 12% del Pil

Allarme riciclaggio: economia criminale vale 12% del Pil
ROMA . È un’industria prospera: secondo alcune stime il giro d’affari dell’economia criminale arriva fino al 12 per cento del Pil. Ma è anche ben connessa: i proventi del traffico di droga, estorsione, gioco d’azzardo, sfruttamento della prostituzione vengono immessi con facilità nell’economia sana, grazie soprattutto al sommerso e all’uso eccessivo del contante, una caratteristica tutta italiana. Nel nostro Paese infatti, ricorda il Comitato di Sicurezza Finanziaria, presieduto dal direttore generale del ministero dell’Economia Vincenzo La Via, il contante viene usato nell’85 per cento delle transazioni contro una media Ue del 60 per cento.
Non è soltanto un problema di arretratezza sul fronte dei pagamenti elettronici: il rischio di riciclaggio è altissimo e i controlli sono praticamente impossibili, visto che i pagamenti in contante non sono “tracciabili”, una banconota è uguale all’altra. Negli ultimi anni, riconosce il Comitato nell’ Analisi nazionale dei rischi di riciclaggio e finanziamento del terrorismo , l’uso di contante ha subito «una costante contrazione dovuta sia alle crescente diffusione di strumenti alternativi, sia all’effetto delle politiche restrittive». Ma non è abbastanza: la criticità rimane ancora alta, soprattutto in alcune province italiane, prevalentemente meridionali. Anche l’economia sommersa, che pur concentrandosi in attività legali sfugge ai controlli del fisco e degli istituti di previdenza, è un canale di passaggio ideale per il riciclaggio. Tanto più che il sommerso ha raggiunto in Italia, secondo alcune stime, una quota del 22 per cento del Pil, contro il 19 per cento della media europea.
Ci sono attività economiche che più di altre sono esposte al rischio di riciclaggio: i giochi, e non soltanto il gioco d’azzardo, anche le piattaforme online legali oppure le scommesse a quota fissa. I compro-oro, che si sono diffusi con la crisi e attualmente tenuti al solo obbligo di segnalazione di operazioni sospette. Il settore immobiliare, da sempre «uno dei settori privilegiati per il reimpiego dei ricavi illegali delle organizzazioni mafiose e dei capitali illeciti stranieri». I trust, società non regolate ancora a sufficienza dal diritto italiano. A vigilare, oltre alle forze dell’ordine, l’accurata rete di controlli finanziari che include anche la Banca d’Italia, la Guardia di Finanza e la Consob.


Related Articles

Fiat, accordo-ponte per il 2013 «Aumenti legati ai turni»

 L’offerta di 40 euro. Record Volkswagen: ma sarà  un anno difficile

Podemos: «Siamo il voto della speranza»

Intervista. Il leader di Podemos: «Non è possibile il cambiamento in un Paese solo, per cambiare bisogna allearsi in vari Paesi. E se andremo al governo la Spagna uscirà dalla Nato»

Già 17 mila domande per l’Ape social, ma per gli edili è una «truffa»

Pensioni. L’Inps diffonde i primi numeri sulle richieste di anticipo. Ma la Fillea Cgil accusa: paletti troppo rigidi, molti resteranno esclusi. E l’Inca segnala il problema dei termini di iscrizione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment