Con la Cia, gli agenti di Sua Maestà

Con la Cia, gli agenti di Sua Maestà

Men­tre John Bren­nan, all’epoca numero due e oggi a capo della Cia, cerca di difen­dere i metodi uti­liz­zati dopo l’11 set­tem­bre, lo scan­dalo rela­tivo al report pub­bli­cato dai Demo­cra­tici del Senato Usa, sulle tor­ture uti­liz­zate dai ser­vizi ame­ri­cani, rischia di allar­garsi, com­pren­si­bil­mente. Del resto non erano certo solo gli Stati uniti ad essere impe­gnati nelle guerre uma­ni­ta­rie. Ad essere sotto pres­sione da alcuni giorni è anche il governo bri­tan­nico, per il coin­vol­gi­mento nel dos­sier delle tor­ture com­piute dalla Cia nella «guerra al ter­ro­ri­smo». La que­stione è la seguente: può essere che – a seguito di incon­tri tra le parti – siano state omesse le par­te­ci­pa­zioni di agenti di Sua Mae­stà a tor­ture effet­tuate da agenti della Cia? «Qual­che agente bri­tan­nico potrebbe essere stato a cono­scenza di tor­ture da parte di fun­zio­nari della Cia e potreb­bero per­fino essere stati pre­senti durante alcune pra­ti­che come il water­boar­ding, ma un’inchiesta pub­blica com­pleta sarebbe una per­dita di tempo», ha sen­ten­ziato l’ammiraglio Lord West, ex capo della sicu­rezza durante il governo labu­ri­sta coin­volto even­tual­mente nelle torture.

 Eppure non tutti hanno le stesse sicu­rezze. Secondo quanto emerso da alcuni media bri­tan­nici, Bbc e Guar­dian ad esem­pio, Dow­ning Street — per la prima volta — avrebbe ammesso di essersi più volte con­fron­tato con le auto­rità sta­tu­ni­tensi, che avreb­bero garan­tito a Lon­dra, prima dell’uscita pub­blica del docu­mento, di can­cel­lare rife­ri­menti riguar­danti il Regno unito sulla base di «ragioni di sicu­rezza nazio­nale». «Ma que­sta richie­sta, ha spie­gato un por­ta­voce del governo, non mirava a coprire l’eventuale coin­vol­gi­mento degli agenti bri­tan­nici nelle tor­ture». Secondo il Guar­dian, dal 2009 i fun­zio­nari del governo di Lon­dra hanno avuto 24 incon­tri con i mem­bri della com­mis­sione del Senato Usa che lavo­ra­vano al dos­sier. Fra i par­te­ci­panti, c’erano il mini­stro degli Interni, The­resa May, il labu­ri­sta Lord West (guarda il caso) e gli amba­scia­tori bri­tan­nici a Washington.

E ieri il governo con­ser­va­tore di David Came­ron ha ammesso che l’intelligence ha avuto con­tatti con le con­tro­parti ame­ri­cane in merito al rap­porto pub­bli­cato dal Senato di Washing­ton, ma un por­ta­voce del pre­mier ha pre­ci­sato che «non è stata richie­sta nes­suna revi­sione del testo tale da rimuo­vere ogni accenno a pre­sunti coin­vol­gi­menti della Gran Bre­ta­gna in torture».

Even­tuali can­cel­la­zioni «avreb­bero potuto essere per motivi di sicu­rezza nazio­nale, come acca­drebbe per qual­siasi altro rap­porto». Dichia­ra­zioni più che ambi­gue che difatti non con­vin­cono nes­suno: non a caso dalle parti di Lon­dra comin­cia a ser­peg­giare insi­stente la richie­sta circa l’apertura di un’inchiesta per veri­fi­care even­tuali respon­sa­bi­lità anche da parte di agenti dell’intelligence bri­tan­nica, per appu­rare se ci sono state «vere e pro­prie tor­ture eser­ci­tate dalla Cia negli inter­ro­ga­tori di pre­sunti terroristi».

Il vice primo mini­stro Nick Clegg, lea­der dei par­tito libe­ral­de­mo­cra­tico, si è detto favo­re­vole ad affi­dare un’inchiesta ad un giu­dice indi­pen­dente se la com­mis­sione intel­li­gence del par­la­mento, che sta già esa­mi­nando il caso, non darà rispo­ste suf­fi­cienti. Come negli Stati uniti per George Bush, così in Gran Bre­ta­gna per per Tony Blair la posi­zione è piut­to­sto deli­cata. E lo è anche per il par­tito labu­ri­sta che era al governo con Blair all’epoca della guerra al ter­rore pro­cla­mata da George W. Bush.

Il lea­der labu­ri­sta Ed Mili­band ha difeso il fra­tello David, allora mini­stro degli esteri, dicendo che non avrebbe mai per­messo ai bri­tan­nici «di farsi coin­vol­gere in simili atti­vità». Ma se Mili­band non si è spinto fino a chie­dere un’inchiesta, lo ha fatto il depu­tato labu­ri­sta Paul Flynn. «È essen­ziale che vi sia una piena inchie­sta affi­data ad un giu­dice indi­pen­dente», ha detto, aggiun­gendo che «vi sono serie domande da porre a Tony Blair e David Miliband».



Related Articles

Robert Fisk: Was he betrayed? Of course. Pakistan knew Bin Laden’s hiding place all along

Hillary Clinton, President Barack Obama and Vice President Joe Biden, along with with members of the national security team, receive an update on the mission in the Situation Room   AP  Hillary Clinton, President Barack Obama and Vice President Joe Biden, along with with members of the national security team, receive an update on the mission in the Situation Room

A middle-aged nonentity, a political failure outstripped by history – by the millions of Arabs demanding freedom and democracy in the Middle East – died in Pakistan yesterday. And then the world went mad.

Sbarchi. Save the Children: ”E’ record di minori negli ultimi 3 anni”

Circa 6 mila i minori arrivati in Italia via mare su 30 mila migranti giunti al 30 settembre di quest’anno. Nel 2011, su oltre 60 mila immigrati, i minori erano circa 4.500. “Sempre più famiglie disposte ad affrontare rischi. Arrivano da realtà realmente disperate”

E in Olanda il suo partito va al governo “Stop agli immigrati e divieto di burqa”

Il congresso dei Cristiano-democratici dà  il via libera all’alleanza con i liberali e il Pvv del regista. Adesso però deve affrontare un processo per aver incitato all’odio razziale  

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment