La guerra non può essere affare della maggioranza

La guerra non può essere affare della maggioranza

Quando si fanno le pen­tole è bene che chi non è il dia­volo pre­veda anche i coper­chi. Nel com­bi­nato dispo­sto della riforma elet­to­rale e di buona parte della Costi­tu­zione c’è un intento espli­cito di raf­for­zare il governo, attra­verso molte vie. Ma al par­la­mento oltre che il potere legi­sla­tivo — sem­pre più spo­stato verso l’iniziativa del governo — resta la facoltà di eleg­gere organi di garan­zia, fra cui il Capo dello Stato; e non senza fatica il testo di riforma giunto alla camera pre­vede infatti un innal­za­mento del quo­rum neces­sa­rio, per­ché la più alta magi­stra­tura della repub­blica non sia facil­mente dispo­ni­bile per la mag­gio­ranza (arti­fi­ciale) della camera.

Alla camera spetta anche, secondo l’articolo 78 della Costi­tu­zione (che pre­ve­deva anche il senato, oggi giu­sta­mente uscito di scena a que­sto riguardo), la deli­be­ra­zione dello stato di guerra, a mag­gio­ranza sem­plice. Que­sta nasceva dal fatto che il sistema pro­por­zio­nale era impli­ci­ta­mente incor­po­rato nella carta, ovvero faceva parte, insieme al potere reale dei par­titi, della costi­tu­zione mate­riale del paese. I costi­tuenti, così, ave­vano pre­vi­sto, per la deli­be­ra­zione dello stato di guerra, che il ruolo cen­trale spet­tasse al par­la­mento (e que­sto era un enorme passo avanti rispetto allo Sta­tuto Alber­tino che, nella sua let­tera, affi­dava la dichia­ra­zione di guerra solo al re in quanto capo dell’esecutivo), e che il voto cor­ri­spon­desse alla volontà della mag­gio­ranza reale dei cit­ta­dini. Anche in un sistema rap­pre­sen­ta­tivo, una deci­sione esi­sten­ziale straor­di­na­ria come la guerra non può che essere espressa nelle forme più aper­ta­mente democratiche.

Oggi, invece, que­sta fina­lità costi­tu­zio­nale, che fa della guerra non un atto del governo ma un atto del popolo, è seria­mente minac­ciata: con le riforme del sistema elet­to­rale e della Costi­tu­zione chi è mino­ranza reale nel paese non solo vince le ele­zioni e si assi­cura una comoda gover­na­bi­lità con una mag­gio­ranza pre­miale, ma si trova anche nella con­di­zione di essere arbi­tro della pace e della guerra. Il che è dav­vero troppo. Per que­sta via si sot­trae la guerra al suo giu­dice natu­rale (il popolo), e si distorce il pre­mio di mag­gio­ranza verso una fina­lità che non gli è pro­pria: quel pre­mio serve infatti a por­tare a com­pi­mento «in sicu­rezza» un pro­gramma elet­to­rale, e quindi ha la fun­zione di age­vo­lare il cam­mino ordi­na­rio del governo; ma non può essere pen­sato per gestire un’eccezionale emer­genza come una guerra, che di un pro­gramma di governo non può far parte.
Dato quanto dispone l’articolo 11 della Costi­tu­zione, infatti, la guerra non è più, per l’Italia, uno degli stru­menti ordi­nari di gestione dei rap­porti inter­na­zio­nale, e può quindi con­fi­gu­rarsi solo come caso estremo di legit­tima difesa.
Si dirà che la guerra nella sua forma solenne — con tanto di deli­be­ra­zione par­la­men­tare e dichia­ra­zione da parte del capo dello Stato — è un relitto d’altri tempi; e che l’esercizio armato della vio­lenza passa oggi attra­verso altre vie, ben più dut­tili e ben più dispo­ni­bili per il governo e per la sua mag­gio­ranza (mis­sioni inter­na­zio­nali a guida Nato e Onu, lotta al ter­ro­ri­smo, eser­ci­zio della «respon­sa­bi­lità di pro­teg­gere»; e, per l’interno, leggi spe­ciali di pub­blica sicu­rezza); war is over, insomma, nelle sue moda­lità clas­si­che di rela­zione ostile fra stati sovrani.

Eppure, nel deci­dere della pace e della guerra si mani­fe­sta tanto cla­mo­ro­sa­mente l’essenza ultima della sovra­nità che è impos­si­bile disin­te­res­sarsi della fac­cenda come alta­mente impro­ba­bile; deve esserci un limite, anche sim­bo­lico, al di là del quale le esi­genze della spe­di­tezza, e in ultima ana­lisi della gestione «tec­nica» della poli­tica, si fer­mano. Un limite oltre il quale la demo­cra­zia riprende i suoi diritti e le sue forme. Que­sto limite è la guerra, che pro­prio per la sua ecce­zio­na­lità deve essere inve­stita della mas­sima demo­cra­ti­cità, dal mas­simo con­senso par­la­men­tare. Que­sto limite è lo spi­rito della Costi­tu­zione repub­bli­cana, che un emen­da­mento tra­sver­sale (a prima firma mia) che a Mon­te­ci­to­rio ha finora rac­colto 120 ade­sioni, vuole custo­dire, pro­prio modi­fi­cando, la let­tera dell’articolo 78 ed ele­vando a due terzi degli aventi diritto (per­ché sia rap­pre­sen­tata la metà reale dei cit­ta­dini) il quo­rum neces­sa­rio per­ché la camera deli­beri lo stato di guerra.

L’intento è di rime­diare l’implicito vul­nus costi­tu­zio­nale già da anni intro­dotto, sul tema della guerra, dalle leggi elet­to­rali mag­gio­ri­ta­rie, e dare ancora una volta sostanza di civiltà giu­ri­dica demo­cra­tica a quel sapere illu­mi­ni­stico, supre­ma­mente moderno, che faceva dire a Kant, nel suo scritto Per la pace per­pe­tua: «In uno Stato a costi­tu­zione repub­bli­cana la deci­sione di intra­pren­dere o no la guerra può avve­nire sol­tanto sulla base dell’assenso dei cittadini».



Related Articles

Lombardia, la truffa del federalismo amorale

   C’È UNA proposta shock che può essere raccolta solo da uno schieramento che vada da Monti a Vendola passando per Bersani. Perché è questa l’unica potenziale coalizione del dopo voto che avrà  in Parlamento i numeri per farlo e che può essere credibile nel prendersi questo impegno. Si tratta di porre un freno all’autonomia irresponsabile di Regioni ed enti locali, spacciata per federalismo dalla Lega Nord, per tagliare davvero i costi della politica locale.

Il revival feudale della democrazia

CHI eserciterà  il potere sulla nostra lacerata penisola, sempre meno essenziale negli equilibri mondiali, man mano che la ricchezza si sposta altrove?

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment