Isis, il corpo femminile bot­tino di guerra

Isis, il corpo femminile bot­tino di guerra

Donne bot­tino di guerra. Donne schiave del sesso, ven­dute per 10 dol­lari agli schia­vi­sti dell’Isil (Stato isla­mico in Iraq e nel Levante). E quelle che osano ribel­larsi ven­gono uccise. L’ultimo mas­sa­cro, denun­ciato dal mini­stro dei diritti umani ira­cheno, è avve­nuto a Fal­luja, la cit­ta­dina alle porte di Bagh­dad, sim­bolo di mar­ti­rio e di resistenza.

Gio­vedì scorso un jiha­di­sta, iden­ti­fi­cato con il nome di Abu Anas al-Libi, ha ucciso più di 150 donne e ragazze, alcune delle quali incinta, per­ché si rifiu­ta­vano di con­trarre il matri­mo­nio jiha­di­sta (Jihad al Nikah, ovvero jihad del sesso), un matri­mo­nio tem­po­ra­neo per sod­di­sfare gli appe­titi ses­suali dei com­bat­tenti. Le donne mas­sa­crate sono poi state sepolte in fosse comuni nella peri­fe­ria della città. Sem­pre a Fal­luja, la moschea di al Hadra al Moham­ma­diyyah è stata tra­sfor­mata in una grande pri­gione dove sono stati richiusi cen­ti­naia di donne e di uomini. E le pri­gioni potreb­bero pro­li­fe­rare visto che Fal­luja è chia­mata la città delle cento moschee, ma certo non sono state costruite per diven­tare luo­ghi di deten­zione. L’Isil sem­bra per­sino andare oltre la più fer­rea appli­ca­zione della sharia.

Con­si­de­rare le donne bot­tino di guerra non è una novità, una fatwa che aval­lava que­sto trat­ta­mento era stata emessa dal lea­der alge­rino del Gia (Gruppi isla­mici armati) Ali Belhadj all’inizio degli anni ’90. Con la guerra civile in Siria lo sfrut­ta­mento delle donne a scopo ses­suale è stata san­cita da una fatwa dell’imam sau­dita Muham­mad al Arifi. La fatwa aveva indotto ragazze, con­sen­zienti o meno, a par­tire dalla Tuni­sia verso la Siria per con­trarre il matri­mo­nio jiha­di­sta e dare così il loro con­tri­buto alla guerra santa. Ma è con la pro­cla­ma­zione del calif­fato di al Bagh­dadi che la vio­lenza ha subito una nuova esca­la­tion. Le vit­time sono soprat­tutto donne e bam­bini. All’inizio di dicem­bre l’Isil ha dif­fuso un pam­phlet in cui ven­gono indi­cati 27 con­si­gli su come cat­tu­rare e ren­dere schiave le donne per poi abu­sarne ses­sual­mente. Un docu­mento aber­rante ma non sor­pren­dente viste le testi­mo­nianze già rac­colte dalle Nazioni unite. Tra le indi­ca­zioni: «Stu­prare le donne fatte pri­gio­niere imme­dia­ta­mente» e l’autorizzazione a rap­porti anche con gio­vani che non abbiano rag­giunto la pubertà. Sono ammessi matri­moni jiha­di­sti mul­ti­pli anche con mem­bri della stessa famiglia.

Almeno 2.500 donne e bam­bini sono stati impri­gio­nati e abu­sati ses­sual­mente e poi but­tati sul mer­cato degli schiavi. Que­sti mer­cati, che si tro­vano nell’area di al Quds a Mosul in Iraq e a Raqqa in Siria, sono diven­tati un modo per reclu­tare nuovi adepti del Calif­fato. Que­sti «schiavi» appar­ten­gono soprat­tutto alla mino­ranza yazida e ven­gono trat­tati come ani­mali. Si tratta di una puli­zia etnica. Nei momenti di mag­giore vio­lenza tra le diverse com­po­nenti etnico-confessionali nell’Iraq ancora sotto occu­pa­zione ame­ri­cana vi era stata una divi­sione etnica per quar­tieri, soprat­tutto a Bagh­dad, così come la mino­ranza cri­stiana è stata cac­ciata dal sud del paese, a mag­gio­ranza sciita, ma non si era mai arri­vati a lan­ciare una cam­pa­gna di puli­zia etnica con­tro i non-arabi e i non-musulmani sunniti.

«La lista di vio­la­zioni e abusi per­pe­trati dall’Isil e dai gruppi armati a esso asso­ciati è scon­vol­gente, molti di que­sti atti costi­tui­scono cri­mini di guerra o cri­mini con­tro l’umanità», sostiene l’Alto com­mis­sa­rio Onu per i diritti umani Zeid Raad al Hussein.

Tut­ta­via, seb­bene dal 2008 l’Onu con­si­deri lo stu­pro cri­mine con­tro l’umanità e si sia impe­gnata a met­tere fine all’impunità dei loro autori, rara­mente gli stu­pra­tori sono stati condannati.

Nei con­flitti in corso è molto più peri­co­loso essere donna che essere un combattente.



Related Articles

I politicamente scorretti che insultano la Kyenge

INSULTARE Cecile Kyenge è diventato una forma di neoconformismo. Bastano una buona dose di razzismo volontario o involontario; una notevole mancanza di fantasia; e una pagina Facebook. Di suo il vicesindaco di Diano Marina, signor Cristiano Za Garibaldi (Pdl) ci ha messo un sovrappiù così surreale da risultare quasi divertente: scusandosi, ha spiegato di averlo fatto perché era stressato dalle tasse.

Bombe alla periferia di Damasco Uccisi 31 militari: quattro sono generali

BEIRUT — Le immagini mostrano il palazzo nella luce del pomeriggio. Un botto e resta solo la polvere. I ribelli proclamano di aver distrutto una caserma dell’esercito di Bashar Assad, 31 morti secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, tra loro 3 generali e un generale di brigata.

La follia della guerra negli occhi dei bambini siriani

Nel rapporto Unicef sui due anni di conflitto un quadro agghiacciante di violazioni dei diritti dell’infanzia Vittime di armi e bombe, abusi e privazioni. Nelle immagini di oggi il ricordo delle altre ferite della Storia 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment