Kiev, il governo è atlantico. Tre i ministri stranieri

Tre stra­nieri su meno di 20 mini­stri nel nuovo governo di Kiev, la cui lista è stata appro­vata dalla Rada nella tarda serata di mar­tedì. Ven­gono da Stati Uniti (Nata­lia Jare­sko, alle Finanze; è stata AD di società di inve­sti­menti USA), Geor­gia (Alek­sandr Kvi­ta­sh­vili, alla Sanità; è stato ret­tore dell’Università di Tbi­lisi e, prima, diret­tore del East­West Institute—EWI a New York) e Litua­nia (Ajva­ras Abro­ma­vi­chus, Svi­luppo e com­mer­cio; ha lavo­rato al Dipar­ti­mento di Stato USA): in sostanza, tutti pre­pa­rati alla scuola di Washing­ton, per diri­gere il nuovo governo atlan­tico di Kiev.

Chissà se nella for­ma­zione del governo avranno pesato più i sug­ge­ri­menti del vice­pre­si­dente Usa Joe Biden o quelli del coman­dante ame­ri­cano delle forze Nato in Europa Phi­lip Breed­love? In ogni caso, le ripe­tute visite a Kiev – quelle che non è pro­prio pos­si­bile far pas­sare inos­ser­vate – degli alto­lo­cati amici ame­ri­cani hanno dato un’accelerata alle con­trat­ta­zioni d’affari per accon­ten­tare, per un po’, tutti e cin­que i par­titi di destra (a que­sto punto, defi­nirli nazio­na­li­sti, è quan­to­meno fuori luogo) entrati alla Rada con il voto del 26 otto­bre. E se l’accordo per la coa­li­zione ha avuto una gesta­zione lunga, almeno su un punto l’intesa era già da tempo rag­giunta: l’abolizione dello sta­tus di paese fuori dai bloc­chi, per ripren­dere il per­corso di ade­sione alla Nato. Se gli obiet­tivi, a parole, dei gol­pi­sti usciti da Euro­ma­j­dan erano ade­sione alla Nato e ingresso nella Ue, sem­bra ora che il primo abbia avuto un’accelerazione deci­siva, sulla scia delle recenti dichia­ra­zioni del segre­ta­rio gene­rale Nato Jens Stol­ten­berg sulla pro­ba­bile ammis­sione di Geor­gia e Ucraina.

In ogni caso, sul nuovo governo è subito caduta la tegola ener­ge­tica. Ora che le cose sem­bra­vano andare a posto coi paga­menti del gas russo, il Mini­stro per l’Energia Vla­di­mir Dem­ci­shin ha dovuto chia­rire le cause dello spe­gni­mento del terzo blocco alla cen­trale elet­tro­nu­cleare di Zapo­ro­zhe (la più grande d’Europa) che, dalla scorsa set­ti­mana, costringe Kiev a ridurre l’erogazione di ener­gia elet­trica. I tec­nici, che esclu­dono qual­siasi fuo­riu­scita radioat­tiva, dicono trat­tarsi di un sem­plice gua­sto. Più forti timori non erano fuori luogo (senza dimen­ti­care Cher­no­byl): la cen­trale, non lon­tana dal Don­bass, lo scorso mag­gio era stata presa di mira da un bat­ta­glione neonazista.

Comun­que, a soste­gno della lista dei mini­stri, hanno votato 288 depu­tati dei 5 par­titi di «Ucraina euro­pea». Alcuni depu­tati non hanno votato, per pro­te­sta con­tro la nuova figura del Mini­stro per la poli­tica dell’informazione, che anche l’Osce vede come minac­cia alla libertà d’espressione. Il repli­cante pre­mier Arse­nij Jatse­n­juk e i Mini­stri degli esteri e della difesa (rispet­ti­va­mente Pavel Kli­m­kin e l’ex Capo della Guar­dia nazio­nale Ste­pan Pol­to­rak) sono stati indi­cati da Poro­shenko; gli altri mini­stri, su indi­ca­zione del pre­mier. Con­fer­mato agli Interni l’ex ricer­cato dall’Interpol (fu estra­dato a suo tempo dall’Italia) Arsen Ava­kov, men­tre un’altra stra­niera, la geor­giana Eka Zgu­la­dze, potrebbe essere la sua vice.

Pëtr Poro­shenko ha dovuto far appro­vare in fretta dalla Rada una legge che con­ce­desse ai neo­mi­ni­stri stra­nieri la cit­ta­di­nanza ucraina e, già che c’erano, i depu­tati hanno con­fe­rito la cit­ta­di­nanza anche ai mer­ce­nari stra­nieri che com­bat­tono nei bat­ta­glioni neo­na­zi­sti. Ora, dato che la legge ucraina non pre­vede la dop­pia cit­ta­di­nanza, per quale opte­ranno neo­mi­ni­stri e mer­ce­nari? E ancora: dato che il russo non è più ammesso (nem­meno quale lin­gua regio­nale), in quale dia­letto si svol­ge­ranno le sedute del con­si­glio dei mini­stri? Col­gono nel segno le parole con cui il Segre­ta­rio del Pc ucraino Petr Simo­nenko ha carat­te­riz­zato la situa­zione «Il potere ha lega­liz­zato la dire­zione stra­niera del paese». Un paese il cui governo, a dispetto delle intese sul ces­sate il fuoco, ha spo­stato ieri truppe e mezzi coraz­zati a ridosso del Don­bass. E la crisi torna al Con­si­glio di sicu­rezza dell’Onu.



Related Articles

Israele vs Siria e Iran. Il siparietto Netanyahu/Sharif anticipo di guerra

il generale israeliano Nizan Alon avverte: «Nel 2018 c’è il potenziale per una escalation, non necessariamente perché una delle parti voglia dare il via, ma a causa del graduale deterioramento della situazione».

Il «golpe» fallito di Trump, presidente eversivo

Donald Trump. Molte cose possono ancora accadere prima del 20 gennaio alle 12, ora locale, quando Joe Biden dovrebbe giurare come 46° presidente degli Stati Uniti

Più tempo ai Caf per presentare il 730 Autonomi, reddito medio a 28 mila euro

I dati 2014 sui contribuenti soggetti agli studi di settore. Dichiarazioni, si va al 22 luglio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment