Mar­lane. Doppio delitto

Mar­lane. Doppio delitto

E tre! Dopo l’Eternit, Bussi e Mar­lane. Se c’era biso­gno di una con­ferma sull’inadeguatezza della legi­sla­zione ita­liana, eccola. Stando alle prime noti­zie, la que­stione sem­bra la stessa: non c’è il reato di disa­stro ambien­tale, che com­porti la per­ma­nenza del reato fin­ché per­si­stono gli effetti disa­strosi sulla salute umana e sulla com­pro­mis­sione distrut­tiva dell’ambiente. Per cui la pre­scri­zione scatta, ine­vi­ta­bile. Oggi con una variante in più, pro­po­sta sem­bra dall’avv. Seve­rino, già mini­stro della giu­sti­zia, che sostiene che, al con­tra­rio di quanto ci hanno sem­pre ripe­tuto che la legge non ammette igno­ranza, per l’ambiente que­sta igno­ranza sarebbe ammessa e quindi gli impu­tati non sape­vano quel che face­vano! Se dovesse far scuola anche que­sta let­tura dei disa­stri ambien­tali, le pos­si­bi­lità di resi­stere ed impe­dire l’inquinamento e il danno alla salute scomparirebbero.

Ecco per­ché è asso­lu­ta­mente inde­ro­ga­bile inse­rire i delitti ambien­tali nel nostro codice penale.

C’è un paese dimen­ti­cato che chiede giu­sti­zia è che oggi trova voce in un fronte com­patto che dice basta all’impunità degli eco­cri­mi­nali, dando sol­lievo e nuova linfa all’economia legale e soste­ni­bile, ai cit­ta­dini per­bene. Sono milioni di per­sone che si rico­no­scono in 25 sigle, dalle asso­cia­zioni ambien­ta­li­ste (come, oltre Legam­biente, Green­peace, Wwf, Fai, Lav, Lipu, Kyoto Cub) a quelle anti­ma­fia come Libera, e ancora, tra le tante, Arci, Medici per l’Ambiente e Medi­cina demo­cra­tica, Forum ita­liano dei movi­menti per l’acqua, Fede­rAm­biente, Asso­cia­zione ita­liana espo­sti amianto, Col­di­retti, Cia, Aiab, Rete Rifiuti Zero, Unione degli Stu­denti, Link, insieme al soste­gno di sem­plici cit­ta­dini e comi­tati locali, che si sono mobi­li­tate per la giu­sti­zia sia giusta!

Tutti con­sa­pe­voli che il cri­mine ambien­tale è un cri­mine essen­zial­mente eco­no­mico, figlio di una logica per­versa di impresa e della ricerca del pro­fitto a ogni costo. Que­sta logica va sman­tel­lata alla radice, quando in gioco ci sono inte­ressi col­let­tivi e il futuro di intere comu­nità. Ser­vono nuove poli­ti­che di pre­ven­zione e di gestione vir­tuosa dei beni comuni, certo, ma serve anche il bastone della legge penale con­tro chi si ostina a fare impresa a danno della comu­nità. Se vogliamo essere un paese nor­male e moderno.

Non è più accet­ta­bile nel nuovo Mil­len­nio una legi­sla­zione ambien­tale arre­trata di almeno un secolo, pen­sata per un paese agri­colo e a eco­no­mia di sus­si­stenza, non per il secondo paese mani­fat­tu­riero d’Europa e tra i primi del mondo indu­stria­liz­zato. Esi­bendo ai respon­sa­bili dei cri­mini ambien­tali solo l’arma spun­tata di sem­plici e blande con­trav­ven­zioni, che si pre­scri­vono senza nem­meno il tempo di noti­fi­care gli avvisi di garan­zia. Dopo il danno, la beffa.

Oggi, però, una strada da per­cor­rere fino in fondo c’è. Una strada che è stata per­corsa finora solo a metà e che oggi sem­bra impan­ta­nata. Que­sta strada è il dise­gno di legge 1345, appro­vato lo scorso 26 feb­braio a lar­ghis­sima mag­gio­ranza alla Camera e subito spa­rito nelle sab­bie mobili del Senato. Qui il fronte del No ha tro­vato rin­no­vato vigore, forag­giato da una parte di quel mondo indu­striale, pre­i­sto­rico, abi­tuato a sca­ri­care sulla col­let­ti­vità i costi di pro­cessi pro­dut­tivi obso­leti e for­te­mente inqui­nanti. Che temono come il demo­nio quei 4 nuovi delitti ambien­tali, soprat­tutto quelli di disa­stro e di inqui­na­mento ambien­tale, che li costrin­ge­reb­bero a pren­dere una deci­sione defi­ni­tiva: ade­guarsi ai nuovi tempi e alle nuove tec­no­lo­gie (inter­na­liz­zando parte dei costi finora sca­ri­cati all’esterno), respon­sa­bi­liz­zando la pro­pria con­dotta, oppure met­tersi dichia­ra­ta­mente fuori legge e rischiare di finire nelle patrie galere. È l’effetto della deter­renza, o meglio, della pre­ven­zione ciò che ci inte­ressa di più. Que­sta riforma, facil­mente miglio­ra­bile e per­fet­ti­bile, potrebbe con­tri­buire a svec­chiare un pezzo di mondo pro­dut­tivo e soprat­tutto soste­nere l’economia sana con­tro quella che gioca sporco, altri­menti, come è sem­pre acca­duto, l’economia cat­tiva cac­cerà l’economia sana.

Ai sena­tori di que­sta legi­sla­tura il com­pito di dimo­strare al paese intero il loro senso di respon­sa­bi­lità e di lun­gi­mi­ranza, appro­vando in tempi rapidi il Dl già pas­sato alla Camera, con miglio­ra­menti pos­si­bili ma senza stra­vol­gi­menti pre­te­stuosi. Su que­sto siamo a saremo intran­si­genti. Biso­gna dare rispo­ste con­crete a quel paese dimen­ti­cato, che non ha nes­suna inten­zione di abbas­sare la guar­dia e di accet­tare supi­na­mente i dik­tat delle solite lobby. Ognuno fac­cia la sua parte e se ne assuma la respon­sa­bi­lità, noi lo stiamo già facendo per il bene del nostro paese.

*pre­si­dente di Legambiente



Related Articles

Perché è il momento di una tassa sulle transazioni finanziarie

 tasse transazioni finanziarieCentotrenta economisti italiani (tra cui il sottoscritto) hanno firmato un Appello per la l’introduzione di una tassa sulla transazioni finanziarie (TTF).

Anche alla Fiat di Mirafiori si prepara la firma separata

Fiom contraria alla proposta Marchionne, tavolo fino alla notte

Corruzione, indagati Sepe e Lunardi

Propaganda Fide nel mirino dei pm Immobili e favori ai potenti, l’inchiesta sbarca Oltretevere. Il porporato e l’ex ministro alle Infrastrutture coinvolti nella compravendita di un palazzo nel centro della Capitale dagli inviati Il cardinale Sepe

1 comment

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment