Napo­li­tano fa partire la corsa

 

« Napo­li­tano per dimet­tersi aspetta le riforme, dopo anni di chiac­chiere final­mente ci siamo». È una dichia­ra­zione di capo­danno di Mat­teo Renzi, ma del capo­danno pas­sato. Andrebbe bene ancora oggi, quando per la prima volta il capo dello stato parla delle sue dimis­sioni «immi­nenti». Gior­gio Napo­li­tano incon­tra gli amba­scia­tori accre­di­tati in Ita­lia, replica gli elogi di mar­tedì al governo — «ampio e corag­gioso sforzo per eli­mi­nare alcuni nodi e cor­reg­gere taluni mali anti­chi» — e con un agget­tivo stringe l’orizzonte davanti a sé: «La con­clu­sione del mio man­dato è immi­nente». Venti mesi fa aveva accolto il rein­ca­rico chia­rendo che sarebbe stato a ter­mine, il ter­mine lo avrebbe sta­bi­lito lui. Due set­ti­mane fa ha rispo­sto alle indi­scre­zioni con­fer­mando l’intenzione di lasciare in tempi stretti. Ieri ha aggiunto l’ultimo indi­zio: è certo che le dimis­sioni non ci saranno prima del 13 gen­naio (ter­mine del seme­stre ita­liano di pre­si­denza euro­pea), tutto lascia pen­sare che non arri­ve­ranno oltre la fine di gennaio.

In quell’intervallo di due set­ti­mane o poco più, al quale aggiun­gere i giorni neces­sari per con­vo­care la prima seduta comune del par­la­mento e dei dele­gati che nel frat­tempo andranno scelti dai con­si­gli regio­nali, Renzi vuole infi­lare il dop­pio colpo. «Il timing è chiaro — uffi­cia­lizza il vice segre­ta­rio del Pd Gue­rini — abbiamo il mese di gen­naio per fare sia la riforma costi­tu­zio­nale che la legge elet­to­rale». Quanto alla prima, la camera entrerà nel vivo l’8 gen­naio, con i primi voti. Ieri in un’aula semi­vuota — al punto che man­ca­vano anche due rela­tori di mino­ranza su tre, assenti il gril­lino e il leghi­sta è inter­ve­nuto solo il depu­tato di Sel — sono state liqui­date le pre­giu­di­ziali di inco­sti­tu­zio­na­lità e rin­viato l’esame degli emen­da­menti. La seconda, la riforma elet­to­rale, ripren­derà domani ancora in com­mis­sione al senato, ma è già scritto che la mag­gio­ranza chiu­derà sul nascere la sede refe­rente, impo­nendo il pas­sag­gio in aula senza l’esame degli emen­da­menti. L’obiettivo è «incar­di­nare» la legge a dicem­bre, e dal momento che lunedì tanti sena­tori potreb­bero pen­sare di anti­ci­pare le vacanze, per non rischiare nulla la con­fe­renza dei capi­gruppo può addi­rit­tura deci­dere, oggi stesso, uno scippo imme­diato del testo alla com­mis­sione. Subito in aula. A marzo, quando alla camera fu fatta la stessa for­za­tura sulla stessa legge, i gril­lini sca­te­na­rono la guer­ri­glia e occu­pa­rono aula e commissione.

Si corre allora, anche adesso che l’argomento reto­rico ori­gi­na­rio — «si chiac­chiera di riforme da anni» — fini­sce in secondo piano. Lasciando il posto a un altro obiet­tivo: si corre per anti­ci­pare con le riforme la data in cui biso­gnerà comin­ciare a votare per il suc­ces­sore di Napo­li­tano. Renzi non può arri­varci essendo sco­perto sul fianco delle riforme, rischie­rebbe di dover cedere troppo all’avversario-alleato Ber­lu­sconi e agli alleati-avversari del suo par­tito. La chiave per otte­nere il via libera almeno al senato sta­rebbe in un ultimo arti­colo da aggiun­gere al testo dell’Italicum, una clau­sola di entrata in vigore della nuova legge elet­to­rale non prima dell’autunno 2016. La clau­sola ras­si­cu­re­rebbe non solo Ber­lu­sconi, ma anche il nutrito par­tito di chi, più che al suc­cesso o all’insuccesso di Renzi, sta pen­sando alla durata del suo man­dato par­la­men­tare. La solu­zione potrà anche essere un capo­la­voro di tat­tica del pre­si­dente del Con­si­glio, ma lascia aperto più di un dub­bio di legit­ti­mità: non era una legge tanto attesa e urgente, addi­rit­tura neces­sa­ria dopo che ampie parti di quella vigente sono state can­cel­late dalla Con­sulta? E non risul­te­rebbe limi­tato, dalla clau­sola di rin­vio, il potere del nuovo capo dello stato di scio­gliere le camere? E poi la clau­sola non potrebbe essere supe­rata, magari per decreto, se Renzi deci­desse di ripensarci?

Vista così, la corsa di que­sti giorni in par­la­mento diventa per­sino para­dos­sale. È il governo a sta­bi­lire che la legge elet­to­rale non sarebbe uti­liz­za­bile prima dell’autunno 2016, rea­li­sti­ca­mente dun­que prima di even­tuali ele­zioni nella pri­ma­vera 2017. La riforma della costi­tu­zione, poi, una volta appro­vata dalla camera avrebbe davanti almeno altri tre pas­saggi in par­la­mento, gli ultimi due dopo la pausa di rifles­sione di tre mesi. E dopo ancora il refe­ren­dum. Dun­que pariamo anche in que­sto caso del 2017. Man­cano due anni e mezzo. Non si vede il senso di cor­rere adesso, a natale, né di pre­pa­rarsi a cor­rere ancora di più dopo la befana. O almeno, non si vede fuori da palazzo Chigi.



Related Articles

L’ Unità 8200 si ribella “Da noi troppa violenza basta con la guerra nei territori palestinesi”

Fa scalpore la lettera pubblica degli ufficiali del reparto “cyberwar” dell’esercito israeliano “Troppi innocenti uccisi con un solo click stanchi di frugare nel privato dei cittadini di Gaza”

Dal Viminale nessun dossier specifico Gli analisti: non enfatizzare il disagio sociale

ROMA — Il silenzio del ministro dell’Interno Roberto Maroni di fronte al doppio allarme lanciato dal suo collega del Welfare Maurizio Sacconi non appare affatto casuale. Perché l’analisi su azioni o possibili obiettivi dei gruppi violenti che hanno agito a Roma durante il corteo degli «Indignati» del 15 ottobre scorso, il titolare del Viminale l’ha consegnata al Parlamento e oltre non ritiene di dover andare.

Il Grande Gioco dello Zar schierarsi con Damasco per puntare all’Europa

La posta del Risiko è allargare la propria sfera di influenza scommettendo sull’inesistenza politica dell’Unione e dell’America

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment