“Ma la nostra polizia deve cambiare spari di meno e parli con i poveri”

“Ma la nostra polizia deve cambiare spari di meno e parli con i poveri”

LOS ANGELES. SIAMO negli studios della Paramount, dove 10 anni fa Ava Du Vernay si occupava di pubbliche relazioni. Oggi, a 42 anni, è in corsa ai Golden Globes come miglior regista per il film su Martin Luther King appena uscito in Usa, e potrebbe continuare a fare storia diventando la prima regista di colore candidata all’Oscar. Prodotto da Oprah Winfrey e Brad Pitt, Selma narra un episodio cruciale della storia dei diritti civili negli Stati Uniti: la marcia di Luther King da Selma, in Alabama, verso la capitale dello Stato, Montgomery, nel 1965. I dimostranti furono vituperati, presi d’assalto, picchiati e alcuni di loro uccisi dall’autorità reazionaria bianca. Eppure King trascinò il suo movimento al parziale trionfo: l’allora presidente Lyndon Johnson finì per varare il diritto dei neri al voto. Ne parliamo con Ava mentre tornano a crescere nelle grandi metropoli americane le tensioni e le proteste degli afroamericani contro le forze di polizia. «Io spero che la gente, uscendo dal cinema, si senta stimolata e motivata, e che magari si attivi a livello sociale e politico per cambiare e migliorare la situazione nel nostro paese», dice la DuVernay.
PENSA alle decisioni del Grand Jury a Ferguson e New York che hanno deciso di non procedere nei confronti dei poliziotti per le morti di Michael Brown ed Eric Garner?
«Ci penso tutto il tempo, penso all’aggressione della polizia e alla riforma fasulla della polizia, alle difficoltà della gente di colore in questo paese. La marcia di Selma, l’impegno di Martin Luther King, fu l’inizio di qualcosa che è ancora in via di sviluppo. Girare la scena in cui i poliziotti bianchi di Selma uccidono il giovane Jimmy Lee Jackson per noi è stato un momento emotivamente molto forte. Sapevamo che stavamo ricreando un momento che è ancora così vero nel nostro paese, cinquant’anni dopo».
Il sindaco di New York Bill De Blasio, con le sue aperture verso le proteste, è accusato dalla polizia di aver indirettamente provocato la morte dei due agenti a Brooklyn? Che ne pensa?
«Sono di Los Angeles e controllo, per così dire, il mio sindaco Eric Garcetti e osservo da vicino le cose che succedendo qui in California. Sospendo il mio giudizio su New York e i rapporti di forza tra il potere municipale, le forze di polizia e la cittadi- nanza».
Non le sembra grave che con Barack Obama alla presidenza ci sia ancora questo clima di sospetto tra neri e bianchi?
«Si tende sempre a puntare il dito su qualcuno. Il sindacato della polizia punta il dito su De Blasio, i repubblicani e quelli di destra su Obama, e io penso: e questo tipo che ha ammazzato i due poliziotti? Non dovremmo biasimare lui? C’è così tanto biasimo da tutte le parti… Certamente c’è stato un progresso dal 1965 a oggi, il fatto che io stia qui a parlare con lei in questo studio hollywoodiano ne è la prova. Lei è bianca, io sono nera e ci parliamo da pari a pari: non avrebbe potuto succedere prima di King. Questa conversazione è di per sé un segno di progresso».
Cosa si dovrebbe fare per migliorare la situazione qui in America, per allentare la tensione tra polizia e comunità afroamericana?
«Di sicuro bisogna affrontare una riforma seria delle forze dell’ordine e della polizia, compresi l’addestramento degli agenti, le misure di controllo, i metodi di de-escalation di situazioni conflittuali al fine di non far scattare gesti violenti e così via. Si spara troppo, e con troppa disinvoltura. La polizia è troppo militarizzata. Occorre una maggior comunicazione e interazione tra la polizia e le comunità meno abbienti nelle città americane».
Cosa pensa di Obama?
«Rispetto ai suoi predecessori Obama ha fatto tantissimo per noi neri, e per questo merita il nostro plauso. Certamente c’è molto ancora da fare. Ma pensiamo a quanti presidenti nel passato non hanno mai aperto la bocca sul tema del razzismo o delle tensioni razziali. Obama almeno ha avuto il coraggio di parlarne apertamente».


Related Articles

Islam, il velo rivendicato come simbolo di identità 

Nei paesi musulmani come in quelli europei, le giovani donne stanno dimostrando una crescente autonomia nell’attribuire all’uso del velo un significato rilevante

Poste, a rischio 20 mila posti Eni, Enel e Finmeccanica via ai tagli nelle Spa di Stato

Allarme Cisl sulla ristrutturazione, Caio frena: piano non completato Starace pensa a ridurre le centrali, proteste sindacali a Gela

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment