Orlando: «Stop al Piano carceri, si volta pagina»

Orlando: «Stop al Piano carceri, si volta pagina»

«Già a marzo 2014, molto prima di sapere dell’esistenza di una “Mafia Capi­tale”, ave­vamo avviato una rico­gni­zione delle coo­pe­ra­tive che lavo­rano con l’amministrazione peni­ten­zia­ria. E avendo riscon­trato troppa discre­zio­na­lità nel finan­zia­mento dei pro­getti, con costi anche con­si­de­re­voli, abbiamo avvi­sato con mesi di anti­cipo che tutti i pro­getti in essere anda­vano con­si­de­rati con­clusi alla fine di que­sto anno, e abbiamo chie­sto al Mef di con­trol­lare la Cassa Ammende che li finan­zia. Poi, visti i tempi che cor­rono, abbiamo tra­smesso il rap­porto sulle atti­vità finora finan­ziate alla pro­cura di Roma e alla magi­stra­tura con­ta­bile». Ha adot­tato lo stesso metodo di Igna­zio Marino, il mini­stro di Giu­sti­zia Andrea Orlando che ieri, pre­sen­tando il report della situa­zione peni­ten­zia­ria di fine anno e i nuovi ver­tici del Dap — con la nomina a vice capo di Mauro Palma, coor­di­na­tore delle 47 ammi­ni­stra­zioni peni­ten­zia­rie del Con­si­glio d’Europa e mem­bro del diret­tivo dell’Associazione Anti­gone — ha riven­di­cato i «buoni risul­tati fin qui otte­nuti nella lotta al sovraf­fol­la­mento» e san­cito il punto di svolta nella con­ce­zione del sistema peni­ten­zia­rio ita­liano. Comin­ciando con lo stop al Piano carceri.

Dun­que già prima di sapere che tra i sodali dell’ex Nar Mas­simo Car­mi­nati ci fosse «l’ingegnere», al secolo Giu­seppe Ietto, impre­sa­rio nella risto­ra­zione che, come rico­strui­sce l’inchiesta sul “Mondo di mezzo”, «è attual­mente impe­gnato in un pro­getto in fase di rea­liz­za­zione volto alla crea­zione di un punto cot­tura per una mensa da alle­stire all’interno del car­cere fem­mi­nile di Rebib­bia», il Guar­da­si­gilli aveva deciso di azze­rare tutto e di inter­na­liz­zare di nuovo — tra le pro­te­ste delle coo­pe­ra­tive e anche di alcune asso­cia­zioni e diret­tori — la gestione di molte mense carcerarie.

Orlando però non vede il rischio che si butti il bam­bino con l’acqua sporca: «Il lavoro delle coop è impor­tante — dice — ma, sic­come la Cassa Ammende finan­zia le fasi di start up, piut­to­sto che limi­tarsi a svol­gere un ruolo di sup­plenza delle carenze dell’amministrazione peni­ten­zia­ria, biso­gna che pro­pon­gano nuovi pro­getti fina­liz­zati al rein­se­ri­mento sociale dei dete­nuti». Di que­sto par­le­ranno le coop inte­res­sate nell’incontro fis­sato per il 30 dicem­bre con il nuovo capo Dap, Santi Consolo.

La riforma pro­fonda del sistema peni­ten­zia­rio chie­sta per primo dal pre­si­dente Napo­li­tano sta infatti pro­prio, spiega Orlando, in un diverso accento sulla vita dei dete­nuti fuori e oltre il car­cere, anzi­ché in cella, al fine di limi­tare la reci­diva. Misure alter­na­tive, lavoro, celle uti­liz­zate solo per il per­not­ta­mento, for­ma­zione, incen­ti­va­zione dei con­tatti con le fami­glie, nuovi pro­grammi per tos­si­co­di­pen­denti, isti­tuti più per­mea­bili alla società: «Dopo una fase di prima emer­genza — spiega Mauro Palma — il Dap deve ritro­vare una idea­lità per­ché si rie­sca a costruire un’utilità sociale della san­zione penale e una presa in carico dei sog­getti anche dopo il carcere».

La fase dell’emergenza, sostiene il mini­stro, è supe­rata anche se non tutti i pro­blemi sono risolti: «Quest’anno — dice Orlando — si è affron­tato con risul­tati impor­tanti il sovraf­fol­la­mento e siamo vicini, anche se dob­biamo riman­dare l’obiettivo al pros­simo anno, alla chiu­sura della for­bice tra dete­nuti e posti che sono rispet­ti­va­mente 54.050 e 49.494». Evi­tata «l’onta poli­tica della con­danna per vio­la­zione dei diritti dell’uomo pro­prio nel nostro seme­stre di pre­si­denza», aggiunge il Guar­da­si­gilli, «abbiamo anche scon­giu­rato multe per circa 41 milioni sui 3685 ricorsi archi­viati» dalla Corte euro­pea. Oltre al fatto che «se i 18.219 ricorsi pen­denti davanti ai giu­dici fos­sero stati pro­po­sti a Stra­sburgo, lo Stato avrebbe avuto un costo di ulte­riori 203 milioni, per un totale quindi di oltre 244 milioni».

Fine dell’emergenza signi­fica soprat­tutto chiu­dere la sta­gione dei com­mis­sa­ria­menti. Orlando pro­mette: « Basta pro­ro­ghe del Piano car­ceri », quello di ispi­ra­zione ber­lu­sco­niana che ormai si rin­nova dal 2008. «Le risorse che per troppo tempo sono state desti­nate alla costru­zione di nuovi car­ceri, e peral­tro in posti dove non sono neces­sari — con­ti­nua il mini­stro — ora dovranno andare al restauto degli edi­fici esi­stenti e alla manu­ten­zione degli isti­tuti. Recu­pe­rando così spa­zio e dignità». Si riparte da qui. E, assi­cura Orlando, dalla con­vo­ca­zione di tutti i sog­getti inte­res­sati per tenere final­mente nel 2015, pro­prio nel 40esimo com­pleanno dell’Ordinamento peni­ten­zia­rio, gli Stati gene­rali del carcere.



Related Articles

Sarà reato andare a combattere all’estero

Subito in vigore le misure antiterrorismo: da 3 a 6 anni di carcere a chi si unisce ai jihadisti Poteri speciali all’intelligence. E per proteggere l’Expo saranno schierati seicento militari

La nuova frontiera del Cristianesimo

Il pastore partito dal Sud del mondo parla agli ultimi delle Filippine, l’arcipelago cattolico dell’Estremo Oriente

Il regno di Bilal, terra della sharia nel cuore dell’Europa

L’imam Husein Bosnic che tutti chiamano Bilal, è il più grande reclutatore europeo di jihadisti. Così, almeno, lo considerano varie procure che hanno trovato tracce tangibili del suo passaggio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment