Renzi si dà ai Giochi

Renzi si dà ai Giochi

Un fiume di sei miliardi di euro che si river­serà sulla città ormai cono­sciuta in tutto il mondo come Mafia Capi­tale. A due set­ti­mane dall’inchiesta e dagli arre­sti che hanno scon­volto Roma e l’intero paese il pre­si­dente del Con­si­glio annun­cia la can­di­da­tura ai Gio­chi Olim­pici del 2024. E non è dif­fi­cile imma­gi­narsi i maneg­gioni, i palaz­zi­nari, tutto il malaf­fare poli­tico sfre­garsi le mani dall’appetito fra bandi, appalti e gare da oliare ed aggiudicarsi.

Dove non riu­scì Vel­troni con la can­di­da­tura per il 2016, dove non riu­scì Ber­lu­sconi con quella per il 2020, oggi ci prova Renzi. Ma le con­di­zioni sono esat­ta­mente le stesse. La crisi e la penu­ria di risorse pub­bli­che — ragione addotta da Mario Monti per negare la firma per la can­di­da­tura del 2020, quando tutto il car­roz­zone era già par­tito — sono tutte intatte. I conti del Comune sono da default, le prio­rità sareb­bebo ben altre — le peri­fe­rie, ad esem­pio. Senza dimen­ti­care che nel bilan­cio del Comune com­pa­iono ancora i costi per l’esproprio delle aree uti­liz­zate per i Gio­chi di Roma 1960.

La tesi alquanto bislacca che il pre­mier e il Coni cer­cano di accre­di­tare è esat­ta­mente con­tra­ria. Per riu­scire a risol­le­vare l’immagine sdru­cita della città eterna, offu­scata dagli scan­dali, serve una grande impresa. «Il governo è pronto a fare la pro­pria parte: sono con­vinto che ce la faremo», ha annun­ciato Renzi davanti ai cam­pioni dello sport riu­niti nel salone d’onore del Coni per la ceri­mo­nia dei “Col­lari d’oro”.

Sotto i dipinti che magni­fi­cano le imprese del duce, il pre­mier ha cer­cato di met­tere subito le mani avanti sulla que­stione costi e appalti, spie­gando che «non pen­siamo che possa essere un pro­getto cam­pato in aria, fatto di grandi infra­strut­ture, di grandi sogni, ma un pro­getto fatto di grandi per­sone», «saremo all’avanguardia dal punto di vista del con­trollo della spesa».

Poi è stato il padrone di casa Gio­vanni Malagò, pre­si­dente del Coni, a pro­met­tere che per il pro­getto «ci deve essere il Can­tone di turno a super­vi­sio­nare, ser­virà una tra­spa­renza reli­giosa». È Malagò stesso a defi­nire «rea­li­stica» la stima di sei miliardi di fondi neces­sari, «a cui par­te­ci­pe­ranno anche aziende pri­vate che mi hanno fatto capire che sono dispo­ste a investire».

Di certo buona parte degli arre­stati e degli inda­gati dell’inchiesta mafia capi­tale erano pre­senti il 5 marzo 2010 all’Auditorium della Musica di Roma. Quel giorno l’allora sin­daco Gianni Ale­manno pre­sentò il pro­getto per le Olim­piadi del 2020. Una grande ker­messe sulla quale però aleg­giava già un altro scan­dalo. Quello dell’inchiesta sui Grandi appalti di cui buona parte riguar­da­vano un altro evento spor­tivo finito male: i Mon­diali di nuoto di Roma, con­cluso con un buco da 8 milioni e gran parte delle piscine seque­strate o chiuse.

Indo­vi­nate chi era il pre­si­dente del comi­tato orga­niz­za­tore di quell’evento? Gio­vanni Malagò. Che fu inda­gato e poi assolto per le auto­riz­za­zioni e i lavori al suo Cir­colo Aure­lia, cro­ce­via dei con­tatti fra i vari Ane­mone, Bal­ducci, Ber­to­laso e della cosid­detta cricca. Dall’assoluzione Malagò è par­tito per la sca­lata al Coni. E ora, sfrut­tando l’ambizione smi­su­rata di Renzi, vuole arri­vare dove nes­suno è riu­scito: ripor­tare le Olim­piadi a Roma.

Un mirag­gio che diventa almeno più pro­ba­bile gra­zie al fatto che le Olim­piadi del 2020 non sono andate ad una città euro­pea — come voleva la regola dell’alternanza — ma a Tokyo. Il Comi­tato olim­pico inter­na­zio­nale — il Cio — sta poi cer­cando di ridurre le spese delle città ospi­tanti. In quest’ottica si spiega l’allargamento a città limi­trofe di gare e com­pe­ti­zioni — fino però solo ai quarti di finale — che ha per­messo a Renzi di annun­ciare come nel pro­getto rien­tre­ranno anche «Firenze, Napoli e la Sardegna».

Il vil­lag­gio olim­pico è sem­pre stata la spesa più grande. Per il 2020 Ale­manno e i suoi ave­vano pen­sato alla Col­lina Fle­ming e Tor di Quinto (nord della città). L’area è a rischio eson­da­zioni, ma il Comune aveva già ten­tato di costruirci un “nuovo” Foro Ita­lico per il ten­nis. Que­sta volta si spera che la solu­zione sia più azzeccata.

Il monu­mento allo spreco del gigan­ti­smo spor­tivo vel­tro­niano è la vela di Cala­trava. A Tor Ver­gata il suo sche­le­tro vuoto si impone sul pae­sag­gio cir­co­stante. La città dello Sport doveva con­te­nere oltre alle piscine per i mon­diali di nuoto, un Pala­sport mul­ti­fun­zio­nale da 15 mila posti e campi di atle­tica. Il pro­getto ini­ziale aveva un costo di 136 milioni, poi arri­vati a 256, infine a quota 700, con i lavori, diretti da il con­sor­zio Via­nini del gruppo Cal­ta­gi­rone, fermi ormai da anni per man­canza di fondi. Ora Malagò vor­rebbe com­ple­tarla: «La copri­remo di ple­xi­glass invece che di vetro rispar­miando 30 milioni». Ma senza il via libera della — fu — archi­star spa­gnola, non si potrà fare.

Intanto però è già par­tita la corsa alla pol­trona. Si spe­rava che quella di pre­si­dente del comi­tato pro­mo­tore la potesse occu­pare lo stesso Gio­vanni Malagò, rispar­miando un lauto sti­pen­dio e le spese di rap­pre­sen­tanza. Niente affatto. In pole posi­tion c’è invece Luca Cor­dero di Mon­te­ze­molo, fre­sco di nomina a pre­si­dente di Ali­ta­lia. Per il 2020 fu cal­co­lato un costo di 42 milioni, vedremo quanto sarà que­sta volta. La deci­sione sulla can­di­da­tura sarà presa dal Cio nel set­tem­bre 2017. A meno di ripen­sa­menti alla Monti, fino a quel giorno per il comi­tato ci sarà da lavo­rare. E spendere.

Tutto il mondo poli­tico si dice entu­sia­sta dell’annuncio. Anche il sin­daco Igna­zio Marino che appena inse­diato — il 3 dicem­bre 2013 — si defi­niva «piut­to­sto tie­pido sulle Olim­piadi 2024». Pochis­sime le voci con­tra­rie. Nel Pd solo Civati. La Lega invece è spac­cata: per Sal­vini le «Olim­piadi sono una fol­lia», ma Maroni punta ad ospi­tare qual­che evento e parla di «Olim­piadi ita­liane, non di Roma». Con­trari il M5s — che parla di «cin­que cer­chi, cin­que manette» — e la sinistra.



Related Articles

Tensioni tra Alfano e Renzi sulle unioni civili

Lo stop del vicepremier: prima famiglie e sicurezza. Il Pd: lui che ha fatto dal 2008? Letta: credo che su tutti i temi ci saranno le condizioni per l’intesa nella maggioranza

Droghe, la Carta di Milano per la riforma

Il 20 e 21 novembre si è svolta a Milano l’Assemblea «Cambiamo verso sulle droghe. Adesso», promossa dal Cartello di Genova, sulle orme di Don Gallo

Letta stringe l’accordo sul governo “Ora siamo più vicini al traguardo”

Entro domenica la lista dei ministri. Ma sulla “squadra” è ancora scontro con il Pdl    

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment