Char­lie Hebdo, il cadavere della modernità

 

È netta l’impressione che con l’attentato di Parigi la bar­ba­rie abbia infine col­pito al cuore il suo obbiettivo.

Quando hanno ucciso Char­lie ci hanno strap­pato col­le­ghi e fra­telli. Ucci­dere gior­na­li­sti può sem­brare come spa­rare sulla croce rossa, una puli­zia etnica con­tro le ultime bande ran­dage di una pro­fes­sione estinta – ma non è casuale. In que­sto caso si trat­tava di com­pa­gni di strada su quel sen­tiero incerto ini­ziato per molti versi pro­prio nella loro città — quale miglior luogo della Ville Lumièreper imporre il buio di un nuovo oscurantismo.

Il per­corso di Char­lie come quello di molti di noi è stret­ta­mente asso­ciato con un’altra sta­gione pari­gina, un mag­gio che segnò la pri­ma­vera libe­ra­to­ria della con­te­sta­zione, della cri­tica poli­tica e men­tale un labo­ra­to­rio di libertà, di anar­chie e lai­ci­simi — ana­tema dei fascismi.

Fu a sua volta un pezzo impor­tante di quel cam­mino liber­ta­rio comin­ciato, sem­pre in quella città, ancora molti anni prima, con la rivo­lu­zione dei dise­re­dati sui potenti e ancora di più della ragione sulla super­sti­zione. L’illuminismo della rivo­lu­zione fran­cese è atto fon­da­tivo di una moder­nità di cui fa parte il ’68 e anche le vignette di Wolin­ski e com­pa­gni con la loro carica di mera­vi­gliosa e “infan­tile” irriverenza.

Per que­sto abbiamo la sen­sa­zione che gli eser­citi che vogliono il sonno del ragione non pote­vano sce­gliere vit­time migliori da immo­lare sull’altare di una nuova fana­tica restau­ra­zione. Nell’era in cui ci vor­reb­bero tra­sci­nare, le deca­pi­ta­zione cari­cate su you­tube e le tor­ture “stra­te­gi­che” scritte nei rap­porti CIA sono armi dello stesso arse­nale. L’asse rigido della nuova età dei fana­ti­smi col­lega fatal­mente le poli­ti­che di Ryahd e Tel Aviv ai risor­genti popu­li­smi euro­pei e occidentali .

In que­sto cre­pu­scolo, il coro degli oppo­sti inte­gra­li­smi ci ripete che la ragione cri­tica è un ana­cro­ni­smo, ci incita a lasciare l’infanzia delle vignette e di tor­nare alla reli­gione, all’odio adulto e ata­vico – alla sto­ria che, è utile ricor­darlo, è durata ben più che la corta sta­gione della ragione.

È utile ricor­dare anche che l’era della “ragione” e andata a brac­cetto con quella dell’imperialismo colo­niale più rapace a cui si pos­sono ricon­durre i mali con­ge­niti di que­sta moder­nità che oggi minano forse mor­tal­mente gli ideali dello stato libe­rale e della società pluralista.

La moder­nità ha semi­nato i semi della pro­pria distru­zione; della libertè, éga­lité, fra­ter­nité rimane poco. Della fra­tel­lanza hanno fatto enne­sima strage il Kala­sh­ni­kov di Rue Nico­las Appert, l’uguaglianza è un mirag­gio sem­pre più fle­bile in una società di mer­cato avan­zato di cui è pro­prio la dispa­rità la prin­ci­pale cifra. Della libertà non resta che un simu­la­cro espor­tato a colpi di mis­sili Hell­fire spa­rati da droni telecomandati.

Di tutto que­sto la lai­cità, l’irriverenza e la somma sov­ver­sione della risata erano – sono — nemici natu­rali. È quello che ha fatto di Char­lie Hebdo una vit­tima essen­ziale dei car­ne­fici della modernità.



Related Articles

Poveri, questi sconosciuti per Renzi

La Caritas striglia il governo Renzi: il bonus degli 80 euro, il taglio della Tasi e il Jobs Act sono «avanzamenti marginali» nella lotta all’indigenza

Medio oriente. L’occasione dell’Europa

  Haddad

Da tempo relegata in secondo piano, l’Unione europea potrebbe giocare un ruolo fondamentale nelle relazioni con il mondo arabo, inserendosi tra Stati Uniti e Russia, che si dimostrano sempre meno all’altezza della situazione, sottolinea una giornalista di Al Hayat.

«Inaccettabili aumenti di 8 euro dopo sei anni di blocco dei contratti pubblici»

Pubblico Impiego. Dai servizi ai ministeri, dalla scuola al privato sociale, sabato 28 sfilano nella Capitale i lavoratori pubblici con i sindacati Cgil-Cisl-Uil

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment