Un colpo al cuore dell’inte­gra­zione culturale

Un colpo al cuore dell’inte­gra­zione culturale

«È uno choc enorme, come se fos­simo stati col­piti da un ura­gano. Que­sto non è un atten­tato, ma una vera strage. Ad agire sono stati dei pro­fes­sio­ni­sti armati e pre­pa­rati che sape­vano cosa face­vano e ave­vano un obiet­tivo pre­ciso. Non erano dei pazzi o degli squi­li­brati qua­lun­que che col­pi­scono a casac­cio in mezzo alla gente. Per la Fran­cia è un momento ter­ri­bile, a rischio è la nostra stessa democrazia».

Le parole di Domi­ni­que Manotti tra­di­scono tutta l’emozione del momento quando, nel primo pome­rig­gio, la rag­giun­giamo al tele­fono nella sua casa di Parigi. La scrit­trice, già mili­tante sin­da­cale e docente di Sto­ria eco­no­mica, è con­si­de­rata una delle mag­giori inter­preti del nuovo noir fran­cese e ha rac­con­tato in una decina di romanzi di grande suc­cesso, in pas­sato pub­bli­cati nel nostro paese da Tro­pea e dall’inizio di quest’anno da Sel­le­rio, la realtà delle peri­fe­rie urbane, le pagine più scure della sto­ria fran­cese, come il col­la­bo­ra­zio­ni­smo, e i legami peri­co­losi tra la poli­tica e il mondo degli affari..

Gli inqui­renti sem­brano pre­di­li­gere la «pista interna», vale a dire quella di jiha­di­sti locali piut­to­sto che pro­ve­nienti dal Medio­riente. Se que­sta ipo­tesi fosse con­fer­mata, cosa ci direbbe della società transalpina?

In realtà anche se si trat­tasse di cit­ta­dini fran­cesi è molto pro­ba­bile che ciò che sta acca­dendo da molti anni in Medio­riente, penso allo stallo della que­stione pale­sti­nese e agli inter­venti mili­tari occi­den­tali in quell’area, possa aver gio­cato un qual­che ruolo. Però, è chiaro come nella società fran­cese si viva da tempo una crisi nel pro­cesso di inte­gra­zione di molti gio­vani di ori­gini magh­re­bina e un’altrettanto dif­fi­cile nor­ma­liz­za­zione della pre­senza musul­mana nel paese. Non credo di fare un’affermazione nuova se dico che si respira da tempo un pro­fondo males­sere, spe­cie tra i gio­vani che vivono nelle ban­lieue. Ovvia­mente tutto ciò non spiega da solo per­ché un ragazzo possa tra­sfor­marsi in uno jiha­di­sta, tanto più che in molti dei casi ci si è tro­vati di fronte a gio­vani con­ver­titi all’Islam nati e cre­sciuti in pic­coli cen­tri di pro­vin­cia invece che nelle ban­lieue: ad esem­pio, qual­che mese fa si è sco­perto che uno dei gio­vani coin­volti nella deca­pi­ta­zione di un repor­ter ame­ri­cano in Siria veniva da un pae­sino della cam­pa­gna della Nor­man­dia. Si tratta quindi di un feno­meno com­plesso, che trae ali­mento da diverse cose, come l’emergere di una radi­ca­liz­za­zione reli­giosa tra i più gio­vani, assente fino a pochi anni fa.

Un altro ele­mento ricor­rente nella discus­sione pub­blica fran­cese è la cre­scita nelle ban­lieue di una «quinta colonna» isla­mi­sta. A dieci anni dalla più grande rivolta delle peri­fe­rie del paese, quella del 2005, le sem­bra uno sce­na­rio reale?

No. Intanto si deve essere molto pru­denti, visto che le inda­gini sono appena ini­ziate, ma è chiaro che i toni usati abi­tual­mente per descri­vere le nostre peri­fe­rie sono esa­ge­rati e con­tri­bui­scono sol­tanto ad ampli­fi­care le even­tuali minacce che però fino ad ora sono state cir­co­scritte a casi per­so­nali. Il punto è che negli ultimi dieci anni poco o nulla è stato fatto per dare rispo­ste al males­sere sociale che nel 2005 si era espresso attra­verso la rivolta. Non si tratta, benin­teso, di qual­cosa facile da fare, ma resta pur sem­pre il fatto che non c’è stata alcuna rispo­sta ai motivi di disa­gio di chi vive in que­sti quar­tieri che datano da molto prima che in Europa si comin­ciasse a par­lare di una minac­cia jiha­di­sta. Anche in que­sto caso non dico forse nulla che non sia già noto, ma da decenni la sini­stra ha perso il suo con­tatto con que­sti quar­tieri e con la popo­la­zione che ci abita. Un tempo, soprat­tutto gra­zie alle orga­niz­za­zioni sociali legate al Par­tito comu­ni­sta, la gente di ban­lieue par­te­ci­pava alla vita pub­blica: quelle realtà strut­tu­ra­vano lo spa­zio sociale dei quar­tieri. La loro scom­parsa ha creato un vuoto che ha favo­rito l’emarginazione degli abi­tanti. Da que­sto punto di vista, le peri­fe­rie sono oggi in stato d’abbandono e cia­scuno cerca la pro­pria via, com­presa la radi­ca­liz­za­zione attra­verso la reli­gione. Ma da que­sto a dire che in que­sti quar­tieri stia nascendo un «eser­cito jiha­di­sta», il passo è deci­sa­mente troppo lungo.

L’attacco a Char­lie Hebdo arriva anche in un momento par­ti­co­lare della sto­ria fran­cese, con Marine Le Pen data in testa nei son­daggi per le pre­si­den­ziali del 2017. L’estrema destra non potrà che trarre bene­fi­cio da que­sta tra­ge­dia che sem­bra avve­rare le sue più ter­ri­bili pro­fe­zie di guerra. Cosa acca­drà ora?

Dif­fi­cile dirlo, ma credo che chi ha com­piuto que­sta strage punti pro­prio alla radi­ca­liz­za­zione del con­flitto inter­cul­tu­rale in seno alla società fran­cese. Il primo obiet­tivo credo sia quello di ren­dere ancora più dif­fi­cile l’integrazione della comu­nità musul­mana, di favo­rirne al con­tra­rio l’emarginazione e la stig­ma­tiz­za­zione, in modo da ren­dere più facile la pre­di­ca­zione degli ele­menti radi­cali e la loro opera di pro­se­li­ti­smo. Per­ché mal­grado le cose stiano pro­ce­dendo con troppa len­tezza, qual­che segnale che que­sta inte­gra­zione fosse pos­si­bile c’è: alcuni dei più noti cinea­sti fran­cesi sono di ori­gine magh­re­bina. Da que­sto punto di vista, l’attacco a Char­lie Hebdo rap­pre­senta un auten­tico disastro.

Il dibat­tito pub­blico fran­cese, come dimo­stra anche il nuovo libro di Michel Houel­le­becq, in uscita oggi e di cui si è tanto discusso per­ché rac­conta pro­prio di un paese domi­nato dagli isla­mi­sti e dal Front Nationl, sem­bra subire l’ossessione dila­gante per il tema dell’identità.

È uno dei peri­coli che cor­riamo. Alcuni ana­li­sti sosten­gono che la reda­zione di Char­lie Hebdo sia stata attac­cata per­ché la rivi­sta aveva pub­bli­cato qual­che anno fa le famose cari­ca­ture di Mao­metto. Ma si deve ricor­dare come per loro, opi­nione che con­di­vido fino in fondo, sia odioso e intol­le­ra­bile ogni fondamentalismo: hanno pub­bli­cato vignette con­tro il Papa, con­tro i tra­di­zio­na­li­sti cat­to­lici e gli anti-abortisti, con­tro gli estre­mi­sti ebraici e via dicendo. Denun­ciare il rischio dell’estremismo insito in ogni reli­gione è un modo per riaf­fer­mare quei valori della demo­cra­zia che oggi in Europa sono minac­ciati anche dall’estrema destra.



Related Articles

Csm, pesano le parole di Napolitano Verso l’«assoluzione» di Bruti Liberati

Caso Robledo – Bruti Liberati. Polemica per la lettera di Napolitano che Vietti non ha voluto leggere al plenum

Tsipras, dopo la vittoria prove di dialogo con il «nuovo» Pasok

L’analisi. Per il primo ministro una vittoria limpida, politica e personale, che lo rende protagonista europeo. L’obiettivo immediato è «ammorbidire» l’applicazione delle misure più dure del terzo memorandum con norme anti-oligarchi

Nel nome del padre per un Cile migliore la figlia di Allende a capo dei socialisti

La terzogenita del presidente suicida nel golpe del ’73 alla testa del partito che fu del genitore: “Dignità alla politica”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment