I confini di guerra dell’Europa

Dob­biamo impa­rare a ridi­se­gnare i con­fini dell’Europa, prima ancora che sulla carta geo­gra­fica, nella nostra rap­pre­sen­ta­zione men­tale. Ad aver allar­gato quei con­fini non sono solo né soprat­tutto i motori della glo­ba­liz­za­zione: la “libera” (cioè con­trol­lata da un numero sem­pre più ristretto di uomini ric­chi e potenti) cir­co­la­zione di capi­tali, merci e infor­ma­zioni, bensì le pri­va­zioni e la vio­lenza eser­ci­tate diret­ta­mente sui corpi vivi delle persone.

Ai con­fini poli­tici (meglio sarebbe dire, ammi­ni­stra­tivi) dell’Europa ci sono infatti guerre, ormai tra­sfor­mate in bel­li­ge­ranza ende­mica senza fron­tiere che l’Europa con­tri­bui­sce ad ali­men­tare con la subal­ter­nità agli Stati Uniti, che quei con­flitti hanno pro­mosso e forag­giato, armando forze che poi gli si rivol­tano con­tro e che non sanno più come fer­mare: Israele e Pale­stina, Libano, Iraq, Libia, Siria, Ucraìna e, sullo sfondo, Eri­trea, Niger e Nige­ria, Afgha­ni­stan e Paki­stan… Quei con­flitti – insieme alla crisi ambien­tale e alla mise­ria indotta da poli­ti­che com­mer­ciali pre­da­to­rie — con­ti­nuano a creare milioni di pro­fu­ghi (i di fronte ai quali appa­iono irri­sori i «flussi» che l’Unione Euro­pea cerca di arre­stare con Fron­tex, o di sca­ri­care sugli Stati più deboli ed espo­sti con l’arma di Dublino 3).

I cen­tri di annientamento

Oggi essi pre­mono ai con­fini; ma prima o dopo li sfon­de­ranno in massa a meno di adot­tare poli­ti­che di ster­mi­nio di cui si vedono le prime mani­fe­sta­zioni: al di là e al di qua dei con­fini «ammi­ni­stra­tivi» dell’Unione Euro­pea sono in fun­zione da anni veri e pro­pri cen­tri di annien­ta­mento psi­co­lo­gico e fisico di migliaia di esseri umani a cui non si rico­no­scono i diritti intrin­seci a una cit­ta­di­nanza che, se è, non può essere che mon­diale. Al di là, con finan­zia­menti ita­liani ed euro­pei, come in Libia e in Sudan, o in forme affi­date all’inventiva con­trap­po­sta di governi e migranti, come in Marocco, Egitto, Tur­chia, sono stati isti­tuiti veri e pro­pri campi di inter­na­mento e pat­tu­glie armate con il solo scopo di fer­mare quell’umanità dolente prima che arrivi a toc­care il sacro suolo dell’Unione sot­traen­doli allo sguardo dei cit­ta­dini euro­pei men­tre ven­gono mas­sa­crati. Al di qua, si mol­ti­pli­cano i cen­tri di deten­zione, come i CIE in Ita­lia, con costi e rube­rie che, altri­menti indi­riz­zati, baste­reb­bero a garan­tire a uomini e donne impri­gio­nate una vita decente per anni; e ven­gono con­ti­nua­mente creati, sgom­be­rati e fatti risor­gere campi per il popolo dei sinti e dei rom, a cui si sta negando il diritto di cit­ta­di­nanza anche quando ne sono titolari.

Char­lie Hebdo e non solo

Ma que­sta è solo la punta dell’iceberg: cen­ti­naia di migliaia di uomini, donne e bam­bini sono con­dan­nati all’inesistenza giu­ri­dica dalle leggi che isti­tui­scono e puni­scono il reato di clan­de­sti­nità; sono desti­nati a girare da un rico­vero di for­tuna all’altro, pur essendo noto che la clan­de­sti­nità pro­duce, attira e mol­ti­plica non solo cri­mi­na­lità minuta, ma soprat­tutto reclu­ta­mento da parte della cri­mi­na­lità grande e protetta.

Chi fa que­ste scelte non dice come pensa di «venirne a capo»; a quali approdi miri se non a una con­ti­nua recru­de­scenza per «nor­ma­liz­zare» — e far accet­tare, passo dopo passo – lo ster­mi­nio di intere comu­nità. Infine, quelle guerre ai con­fini «ammi­ni­stra­tivi» dell’Europa, ma ben den­tro il suo ter­ri­to­rio «poli­tico», stanno creando anche nel cuore del con­ti­nente un solco sociale ed esi­sten­ziale pro­fondo tra migranti o immi­grati di seconda o terza gene­ra­zione che man­ten­gono ancora dei legami, stretti o laschi, o anche solo ideali e, sem­pre più reli­giosi, con i paesi di ori­gine e le loro comu­nità, da un lato; e, dall’altro, un numero cre­scente di elet­tori «autoc­toni», sospinti dalle «destre» — e dal loro inse­gui­mento da parte di tanta «sini­stra» — a per­ce­pirsi come un popolo invaso e espro­priato della pro­pria iden­tità. Povertà, mise­ria, emar­gi­na­zione e fru­stra­zione pro­dotte dall’austerity non fanno che radi­ca­liz­zare la con­trap­po­si­zione tra chi si sente escluso da un mondo «nor­male» a cui gli era stato pro­messo di acce­dere e chi ancora pensa di appar­te­nervi e vive nel timore di venirne emar­gi­nato — ed è spinto a vedere in chi già lo è per una «tabe ori­gi­na­ria» la causa di que­sta minac­cia. Que­sta con­trap­po­si­zione, rin­fo­co­lata per ragioni elet­to­rali dagli impren­di­tori della paura, comin­cia a far pro­li­fe­rare imprese ter­ro­ri­sti­che i mas­sa­cri della reda­zione di Char­lie Hebdo e nel super­mer­cato kasher di Parigi, che esten­dono al cuore dell’Europa i fronti delle guerre in corso ai suoi con­fini. E, certo, non ad opera della massa ano­nima dei nuovi arri­vati, per lo più con mezzi di for­tuna, che si vor­rebbe fer­mare «chiu­dendo le fron­tiere»; ma per mano di un numero cre­scente, ancor­ché ridotto, di gio­vani che una radi­ca­liz­za­zione distorta sospinge verso il fon­da­men­ta­li­smo e una vio­lenza senza ritorno.

I ragio­nieri del debito

In que­sto con­te­sto i ragio­nieri del debito e della spesa pub­blica alle dipen­denze degli inte­ressi che hanno preso il comando dell’Unione Euro­pea mostrano tutta la mise­ria, la cecità e l’impotenza di una poli­tica senza sbocco. Nei tea­tri di guerra i governi dell’Unione non hanno una poli­tica per venirne a capo. Ma nei paesi mem­bri – com­presi quelli cosid­detti «forti», come la Ger­ma­nia — dove le dif­fe­renze sociali si fanno inso­ste­ni­bili, l’austerity sta creando una con­flit­tua­lità a sfondo raz­ziale che ha uno sbocco obbli­gato sia nell’azzeramento di tutte le aspet­ta­tive ripo­ste — fin dai tempi del Mani­fe­sto di Ven­to­tene — nella costru­zione dell’edificio euro­peo; sia in un cata­stro­fico dis­sol­vi­mento delle sue isti­tu­zioni, a par­tire dall’euro.

La società euro­pea – e non solo — non può più essere ridotta alla divi­sione e al con­flitto tra capi­tale e lavoro, i cui con­fini sono sem­pre più labili e le cui forme sem­pre meno defi­nite; e nem­meno alla tri­par­ti­zione tra élite, classe media e gruppi mar­gi­nali, dato che la classe media è stata assot­ti­gliata e deva­stata dalla crisi. Ormai tro­viamo anche qui, in suc­ces­sione, «l’1 per cento» di padroni del mondo; una «casta poli­tica» di destra e sini­stra asser­vita ai loro inte­ressi; un «mondo del lavoro» — di chi il lavoro ce l’ha — sem­pre più pre­ca­rio, disgre­gato e insi­curo; e un arci­pe­lago di emar­gi­nati – il ritorno alle «classi peri­co­lose» dell’800 – a un estremo del quale c’è il popolo dei reclusi nei campi per pro­fu­ghi, immi­grati e clan­de­stini, e il cimi­tero dei nau­fra­ghi del Mediterraneo.

Ma per for­tuna non c’è solo que­sto. Se si creas­sero in Europa delle encla­ves di tol­le­ranza e acco­glienza, i legami che per­man­gono tra pro­fu­ghi, migranti e le loro comu­nità di ori­gine potreb­bero essere una base per una alter­na­tiva di governo anche nei paesi da dove sono fug­giti. La dimen­sione euro­me­di­ter­ra­nea è già una realtà.

Il ciclo di lotte di que­sta fase è nato in Tuni­sia, sulla sponda sud del Medi­ter­ra­neo, con le pri­ma­vere arabe, pre­sto «nor­ma­liz­zate», o schiac­ciate nel san­gue, o entrambe le cose, non senza inter­venti mili­tari deva­stanti e insen­sati, che hanno lasciato non solo mace­rie, ma anche gigan­te­schi grumi di odio, mili­zie armate asse­tate di denaro e potere, insta­bi­lità per­ma­nenti. Per­ché quelle pri­ma­vere, nate da un rifiuto del modello eco­no­mico e sociale espor­tato dall’Occidente – con il venir meno, ben prima dell’89, di un’emancipazione per­se­guita adot­tando, for­mal­mente, per­corsi «socia­li­sti» – non hanno tro­vato nei paesi della sponda nord del Medi­ter­ra­neo un modello alter­na­tivo a cui rifarsi.

Da Syriza a Kobane

Non­di­meno, l’effetto è rim­bal­zato prima in Spa­gna con il movi­mento M15; poi in tutto il con­ti­nente nor­da­me­ri­cano, con Occupy Wall Street e Occupy the World, e poi di nuovo in Europa, con Syriza e soprat­tutto Pode­mos, che ne hanno rac­colto e con­so­li­dato gli spunti più creativi.

Ma se anche noi pos­siamo van­tare un’esperienza esem­plare come la lotta ven­ten­nale della Val di Susa — una delle punte più avan­zate della resi­stenza con­tro lo scem­pio sociale, ambien­tale ed eco­no­mico dell’evoluzione del modello occi­den­tale, che ha dato respiro a tutti quei NO-qualcosa che costel­lano il pano­rama delle lotte sociali in Europa — è ancora sull’altra sponda del Medi­ter­ra­neo, pro­prio nel cuore della guerra guer­reg­giata, nelle comuni auto­ge­stite del Rojava e nella difesa di Kobane, che si trova l’esempio più avan­zato di autor­ga­niz­za­zione, di con­di­vi­sione, di resi­stenza e, soprat­tutto, di rove­scia­mento radi­cale di quella sot­to­mis­sione totale della donna all’uomo che costi­tui­sce la ban­diera di tutti gli inte­gra­li­smi: di quello feroce e san­gui­na­rio del fon­da­men­ta­li­smo isla­mico come di quello tra­di­zio­na­li­sta (o scon­cia­mente ses­si­sta: pari sono) in cui si è rifu­giata «la difesa dei valori occidentali».

Un esem­pio, quello del Rojava, che porta final­mente alla ribalta della lotta sociale – e pur­troppo anche della guerra – un rove­scia­mento dei rap­porti tra uomini e donne che può minare alle radici tanto la fero­cia dei regimi isla­mici inte­gra­li­sti quanto la cul­tura patriar­cale che ancora domina, in Oriente e in Occi­dente. È il rove­scia­mento a cui ci invita da alcuni decenni la rivo­lu­zione fem­mi­ni­sta per inse­gnarci ad affi­dare la lotta poli­tica e sociale, e il nostro modo di orga­niz­zare con­flitto e par­te­ci­pa­zione, a una cri­tica radi­cale dei mille risvolti in cui si incarna la cul­tura patriarcale.



Related Articles

Imprese, banche e sindacati uniti “Il governo cambi, serve credibilità ”

Clamorosa iniziativa congiunta: necessaria discontinuità .  “All’estero non si riconosce più la nostra solidità  economica”. Angeletti si dissocia

L’ambasciatore russo ucciso ad Ankara mentre si apre il negoziato siriano

Medio Oriente. Andrey Karlov colpito da un cadetto poliziotto. Diverse le ipotesi, dal lupo solitario al gruppo islamista

«Troveremo le risorse per Imu e Cig»

 Saccomanni fiducioso. Draghi: un’ipotesi il riacquisto di bond degli Stati periferici

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment